Review Party: Rapimento e riscatto di Vito Bruschini

“Viveva quella vita, assaporandone l’avventura, il contatto con ragazze libere, che poi erano tutte più grandi ed emancipate di lui. […] Ma per lui i problemi non esistevano, non erano mai esistiti, perchè gli esempi che aveva ricevuto dalla propria famiglia erano esempi di assoluto disimpegno.”

Pagine: 320

Acquistalo subito: Rapimento e riscatto

Editore: Newton Compton Editori
Data di uscita: 7 Dicembre

Prezzo: € 10,00
Pagine: 320

John Paul Getty III, nipote sedicenne di un ricchissimo petroliere americano, scompare a Roma nella notte del 10 luglio 1973 nei pressi di piazza Farnese. Capelli lunghi e atteggiamento anticonformista, il ragazzo frequenta l’ambiente bohémien della capitale, tra Campo de’ Fiori, Santa Maria in Trastevere e Piazza Navona. All’inizio la notizia non ha grande eco sugli organi di informazione: tre mesi dopo la sua sparizione, la famiglia e gli investigatori non sono ancora certi se si tratti di un vero sequestro o piuttosto sia una messinscena del giovane per estorcere una montagna di soldi all’avaro nonno. Ma quando viene recapitata al quotidiano Il Messaggero una busta con un orecchio mozzato del giovane Getty non ci sono più dubbi. Il gesto brutale impressiona l’opinione pubblica italiana e internazionale e quello del sequestro Getty diventa il caso più seguito dai media di tutto il mondo. Ambientato nella Roma della Meglio Gioventù, lo straordinario racconto di un dramma familiare, umano e politico che ha segnato un’epoca e l’ingresso trionfale della ’Ndrangheta nelle cronache e nel tessuto sociale del nostro Paese degli anni a venire.

Source: Google Images

“I problemi non andavano affrontati, ma semplicemente aggirati o scavalcati. Insomma, che li risolvessero gli altri, lui pensava a vivere alla giornata.”

In occasione del review party parliamo di “Rapimento e riscatto” di Vito Bruschini, pubblicato da Newton Compton e in uscita proprio oggi.

Quello di John Paul Getty III è uno dei casi che ha avuto maggiore copertura mediatica, in quanto il ragazzo era il nipote di uno dei magnati del petrolio, John Paul Getty.

La Getty Oil era una delle compagnie petrolifere più importanti al mondo, questo aveva garantito ai Getty una certa influenza sulle persone e aveva fatto della famiglia un potenziale bersaglio, in quanto la compagnia valeva moltissimi soldi. Nel 1984 è stata rilevata dall’ABC per evitare il fallimento.

Vito Bruschini ricostruisce il terribile rapimento di Getty III, ascoltando ogni voce e dando la parola a tutte le parti interessate al caso. 

“Rapimento e riscatto” si ispira al famoso caso, seguendo con precisione gli eventi che hanno portato al rapimento e arricchendoli di quelle marcate sfumature in grado di rendere il romanzo avvincente, intrigante e allo stesso tempo agghiacciante.

Quella descritta da Bruschini è una Roma movimentata, fatta di arte e cultura, ma anche di omicidi alla luce del sole e marionettisti che guidavano abilmente le mosse dei criminali di strada.

Source: Google Images

“Paul si distese sul letto e per la prima volta capì di essere solo a dover affrontare quella disgraziata avventura. E provò con grande forza d’animo a resistere allo scoramento in cui stava per crollare.”

Un ricco ereditiero fa gola a molti. Chiunque venderebbe l’anima al diavolo pur di entrare in possesso della fortuna dei Getty. Ma si sa, per arrivare allo squalo vero e proprio bisogna prima imparare a pescare, per questo motivo si sceglie un pesce di taglia media, qualcosa su cui è possibile farsi le ossa prima di affrontare il grande squalo bianco.

Questo pesciolino porta il nome di John Paul Getty III, che il 10 luglio del 1973 scompare misteriosamente senza lasciare traccia. A quell’epoca aveva soltanto sedici anni eppure, come i ragazzi di allora, John Paul non faceva altro che godersi la bella vita. Nessuno avrebbe mai immaginato che quest’ultima lo avrebbe reso il protagonista, suo malgrado, di un crimine così terribile.

Piccoli criminali locali scelgono di unire le forze con l’ ‘ndrangheta calabrese per mettere le mani sul sacro graal di questa potente famiglia ed è qui che l’autore sceglie di dare ad ognuno dei personaggi la propria importanza.

Il romanzo si snoda fra diversi punti di vista, quello dei malavitosi che acquisiscono sempre più sicurezza, la vittima in questione la cui fede comincia a vacillare e la famiglia stessa che cerca di limitare i danni. Per la prima volta nella storia si assiste ad un nuovo sistema di estorsione. Per far pagare il riscatto, i rapitori, tagliano l’orecchio del ragazzo e lo fanno avere alla famiglia.

Source: Google Images

“Doveva riconsiderare innanzitutto i sentimenti per le persone che lo amavano: in cima ai suoi pensieri comparve il volto della madre Gail e con quel pensiero si assopì, per la prima volta dopo tanti giorni, con la quiete nel cuore.”

Cinque mesi di sequestro. Il 17 dicembre, il ragazzo viene liberato, ma qualcosa nel suo sguardo è ormai spento.

La mutilazione e il periodo di reclusione segnano fortemente John Paul Getty III, che da quel momento non sarà più lo stesso. Poco a poco il ragazzo spavaldo e allo sbando comincia a svanire e al suo posto prende forma l’uomo che sarebbe stato una volta uscito da questa storia, provato, tormentato e depresso.

Quanto vale la vita di una persona, si può quantificare in soldi? Quella di John Paul Getty III valeva circa due miliardi di lire, denaro che suo nonno, fino alla fine, si è rifiutato di pagare ed è per questo motivo che i rapitori hanno scelto un modo brutale per spingerli a saldare il riscatto. Suo nonno, una volta liberato, lo costringerà a ridargli la somma pagata ai rapitori con il 4% di interessi.

I Getty sono quel genere di famiglia disfunzionale che di fronte alle avversità aspettano che siano altri a risolvere i problemi. Ignorano questi ultimi e vanno avanti senza curarsi delle conseguenze.

John Paul Getty III è diventato lo spettro di sé stesso, un uomo dipendente da droghe e alcool di cui si serviva per dimenticare la brutta vicenda.

L’autore è riuscito a sviluppare una trama intrigante ed intensa, soprattutto coinvolgente, dove si assiste non soltanto al caso stesso, ma anche all’evoluzione del ricco ereditiero ed all’interno di questa vicenda sono i suoi pensieri a farci da guida attraverso le sue paure, mostrando poco a poco quel vuoto che sarà al centro della sua vita fino al giorno della sua morte.

Siamo giunti alla fine.
Non vi resta che procurarvi una copia de “Rapimento e riscatto”.
Non perdetevi tutte le recensioni del review party!

May the Force be with you!
Precedente The whispering room: Il diario di Adam di Jacopo Montrasi Successivo Let’s talk about: Autonomous di Annalee Newitz