#Segnalazione: Là dove finisce il mare e comincia l’orizzonte di Erika Stellitano ( Self publishing )

14409162_10210508784626595_440458819_n

“Là dove finisce il mare e comincia l’orizzonte” ambientato nella bellissima città costiera di Reggio Calabria. Un romanzo dalla struttura originale dove a parlare sono le emozioni dei protagonisti. Un viaggio introspettivo teso a catturare ogni singola sfumatura che abbia il sapore di sentimento.

Dettagli:

  • Titolo originale: Là dove finisce il mare e comincia l’orizzonte
  • Genere: Narrativa
  • Editore: Self publishing
  • Pagine: 184
  • Prezzo cartaceo: € 12,00

 

Il Libro – Trama:

Un romanzo introspettivo basato su un dialogo immaginario, ma verosimile, tra un uomo e una donna innamorati che però sono condannati all’incomunicabilità. Sullo sfondo si delineano le principali tematiche pirandelliane che ne hanno ispirato la scrittura: dalla frammentazione dell’essere, all’umorismo, alla soggettività della realtà, alla celeberrima “maschera”.

 

Breve estratto di “Là dove finisce il mare e comincia l’orizzonte” di Erika Stellitano:

Come due aghi attirati dallo stesso magnete, nel medesimo istante i nostri sguardi si incrociarono, si trovarono, perdendosi l’uno nell’altra, ambasciatori, loro, di quelle emozioni, sensazioni, di quei sentimenti, ma soprattutto di quelle parole che nessuno dei due, in quel momento, sarebbe stato capace di pronunciare.

L’aria tra noi era satura di un silenzio assordante, foderato di un’infinità di parole e di pensieri scalpitanti, di cui i nostri occhi, per nulla estranei l’uno all’altra, erano senza dubbio degni messaggeri. Tra di noi non un sibilo, non una frase, non il suono di una lettera, però i nostri cuori, divincolatisi dalle catene con cui erano stati imbrigliati dai rispettivi  padroni, si stavano mettendo a nudo, proprio loro che, per natura, sono incapaci di mentire.

Immobili, irrigiditi, forse addirittura tremanti, eravamo a pochi metri l’uno dall’altra, eppure fra di noi c’era un silenzio lungo due anni, una profonda voragine fatta di incomprensioni, di sensazioni, di emozioni, di illusioni, di paure, di speranze, di coraggio, di sogni, di sentimenti, di desideri, di pianti, di sorrisi, di litigi, di addii, di ferite, di rimpianti.

Tante volte ero caduto e mi ero rialzato con ferite sanguinanti che con il tempo si sarebbero cicatrizzate fino a scomparire. Ma fu proprio in quel preciso momento, avendola lì di fronte a me, che capii che le vere ferite, quelle che mai scompariranno, sono quelle che non si vedono, quelle che ci portiamo dentro per tutta la vita, quelle che non dimenticheremo e che, col tempo, si affievoliranno, per poi tornare a galla, più doloranti di prima, quando meno ce lo aspettiamo.

 

Note sull’autrice – Erika Stellitano:

Laureata in giurisprudenza in corso con il massimo dei voti e lode. Specialista nelle professioni legali. Avvocato presso il foro di Reggio Calabria. Autrice di numerosi saggi di stampo giuridico con case editrici nazionali e di articoli letterari sulla rivista “Calabria Sconociuta”. Da ultimo autrice del romanzo “La’ dove finisce il mare e comincia l’orizzonte”.

Contatti autrice:

Su facebook: https://www.facebook.com/ladovefinisceilmareecomincialorizzonte.01/

 

Salva

Salva

May the Force be with you!
Precedente Pets | Recensione di Deborah Successivo Il giovane Holden | Recensione di Deborah