Tea Time: #BacktoSchool – Compagnia librosa per ricominciare

 

Gli ombrelloni sono quasi tutti chiusi, le vacanze sono ormai un dolce e malinconico ricordo, il tempo di tornare tra i banchi di scuola si avvicina, siete pronti per ricominciare?
A settembre soffia un’aria frizzante, l’autunno è alle porte, l’inizio della nuova stagione porta con sé una pioggia di novità. Novità significa anche uscire dal caldo torpore estivo e ricominciare ad affrontare la quotidianità, è spaventoso? Forse un po’ sì, ma niente è impossibile con un fidato compagno al fianco. Non c’è modo migliore di affrontare questa sfida se non addolcirla con un buon libro!

 

Ricordo con un sorriso la sensazione di rassegnazione che mi sorprendeva sempre ogni 1 settembre: rassegnazione per non aver ancora ricevuto la mia lettera per Hogwarts, e rassegnazione per il dover ancora affrontare problematiche babbane, il ritorno a scuola!
I primi giorni di settembre scorrevano velocissimi, tutto era una corsa contro il tempo: una lunghissima maratona per riuscire a mettere le mani su tutti i libri di testo e sul materiale richiesto, una serie di scatti per ultimare i compiti rimasti lì fermi immobili, in attesa di essere svolti. I primi giorni tra i banchi non erano così traumatici come l’attesa di udire il suono della prima campanella, le giornate non erano piene e le lezioni erano più leggere, aleggiava una specie di allegria nel ritrovare i compagni. Allegria che durava solo qualche giorno!

 

Il rientro a lavoro invece è un po’ diverso, per me è allo stesso tempo meno e più traumatico rispetto a quello a scuola. So che è una contraddizione ma è quello che provo: da una parte, avendo solo due settimane di vacanza quasi non faccio in tempo ad abituarmi alla libertà che è già ora di tuffarsi nuovamente tra le scartoffie, il ritorno è meno traumatico perché non mi sembra di essermi allontanata molto dalla solita routine; allo stesso tempo è comunque una tragedia perché in fondo in fondo mi stavo quasi abituando ad avere tanto tempo a disposizione e la cosa mi piaceva, desideravo ancora una manciata di giorni.
Inevitabilmente rimpiango i bei tempi andati della scuola, quando le vacanze duravano tre mesi e le preoccupazioni erano piccolezze a confronto di quelle attuali. Ma cosa ci possiamo fare? Sì guarda dritto e si va avanti, affrontando la sfida del rientro con un ottimo compagno libroso sotto braccio. Ecco qualche piccolo consiglio di lettura per addolcire settembre!

 

 

Ritorno alle medie – ai posti di combattimento!

 

Harry Potter e la camera dei segreti di J.K. Rowling

Il romanzo che allieta ogni rientro e ogni cosa è Harry Potter e la camera dei segreti. Come mai ho scelto proprio questo volume della saga? Mi sembrava più adatto al rientro, insieme a Harry, Ron e Hermione ritorniamo a Hogwarts per affrontare il nuovo anno.

Viviamo insieme agli stessi protagonisti il clima del ritorno tra i banchi mentre anche per noi è periodo di ricominciare. Certo, chi non sarebbe felice di ricominciare le lezioni alla Scuola di Magia e Stregoneria? Io sarei super entusiasta!

Pensandoci bene è da parecchio tempo che non rileggo l’intera saga, magri può essere il momento di farlo? Non so se riuscirò a partire già con questo settembre ma sicuramente avvierò il progetto. Alla fine è sempre un ottimo momento per rileggere Harry Potter!

 

 

Wonder di R.J. Palacio

Il protagonista del romanzo è August Pullman, un ragazzino di undici anni affetto fin dalla nascita da una combinazione di malformazioni genetiche, rare patologie hanno fatto in modo che la sua faccia risulti particolare. La vicenda illustrata narra la storia dell’inserimento del ragazzo in una scuola, fino a quel momento Auggie era stato istruito a casa. Quello che colpisce a primo impatto è la maturità del protagonista nell’affrontare la sua condizione, le sue reazioni a sguardi inquisitori e commenti sussurrati da parte di adulti e piccini.

Si tratta di una storia che riesce ad entrare nel cuore sia degli adulti e sia dei ragazzi. Sono sempre più convinta, visto i gravi episodi attuali di bullismo che imperversano sempre di più nelle scuole di tutto il mondo, che questo romanzo dovrebbe essere inserito nei programmi scolastici.

 

 

Back to high school – questa è Spartaaa!

 

La ragazza invisibile di Blue Jeans

Un cruento omicidio sconvolge la placida quotidianità di una piccola cittadina spagnola, un’adolescente, Aurora Ríos, viene ritrovata morta nello spogliatoio del liceo che frequentava. Inquietudine, dubbi e panico iniziano a piantare le loro fetide radici all’interno della comunità. Chi è l’assassino? Si tratta di un forestiero o di un cittadino?

Julia è una ragazza di diciassette anni, è dotata di un intelligenza e di una memoria fuori dal comune, ha un acuto senso di osservazione e deduzione, riesce persino a risolvere il cubo di Rubik in meno di un minuto! Julia è la compagna di classe della ragazza invisibile, è così infatti che Aurora è stata soprannominata da lei e dal miglior amico, Emilio, essendo una ragazza taciturna e solitaria.

 

 

Il primo bacio a Parigi di Stephanie Perkins

La prima sera nella sua stanza Anna non vorrebbe far altro che piangere. Sente bussare alla porta, la sua vicina e compagna di corso Meredith le offre una cioccolata per tirarla su di morale. Il giorno dopo inizia ad unirsi al gruppo di amici di Mer: Eitienne St. Clare, Josh e Rashmi che formano una coppia. Il gruppo cerca subito di aiutare Anna, ma lei si sente un pesce fuor d’acqua e fatica molto ad integrarsi, tanto che la prima settimana evita di ordinare del cibo vero per non dover parlare francese.

I due ragazzi camminano sul filo del rasoio e per il confronto definitivo dobbiamo attendere la fine del romanzo. Quando si ritrovano è un momento davvero tenero e romantico, dolce e suggestivo. Anna ed Eitienne sono davvero molto carini, è una storia romantica e semplice, ambientata in una delle città più belle.

 

 

Obsidian di Jennifer L. Armentrout

Il tema back to school non può non ricordarmi Obsidian! Ho conosciuto questo romanzo tramite un video su Youtube in cui veniva massacrato, ho iniziato la letture senza tante speranza ed invece mi è piaciuto tantissimo! Sono tentata di rileggerlo ma ho paura che a distanza di anni non mi piaccia più come prima.

Katy, la protagonista, si è trasferita da poco in Virginia, il nuovo anno scolastico è alle porte, la attende il percorso di inserimento in un nuovo liceo.
Conoscerà presto i suoi compagni e vicini di casa, Daemon e Dee Black; con il primo avrà un apparente rapporto di odio e la seconda diventerà la sua migliore amica.
Strane sparizioni inizieranno a sconvolgere il placido paesotto, Katy sarà coinvolta sempre più a fondo in questi misteri.

 

 

Siamo amici solo il mercoledì di Tania Paxia

L’autrice ricrea perfettamente la giungla del clima liceale americano: bellocci e stronzi, oche che se la tirano, ragazze e ragazzi semplici, persone normali che vengono semplicemente ignorate da tutti e magari giudicate come “sfigati”. Siete pronti per tornare al liceo?

Woden e Carter sono da sempre migliori amici, ma quando pensiamo da sempre è proprio sempre, essendo vicini di casa sono cresciuti insieme. Purtroppo però, durante l’adolescenza dei due ragazzi i genitori di Carter si sono separati, il ragazzo si è trasferito con il padre dalla parte opposta della città. Il suo trasferimento però non ha infranto la loro forte amicizia, infatti con un patto siglato con tanto di sputo, Woden e Carter hanno giurato di onorare per sempre il Woden’s day: ogni mercoledì, salvo impedimenti super particolari, si sarebbero incontrati a casa della ragazza per stare insieme.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Paper Corn: Jaws 3-D di Joe Alves (1983) Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #87