Tea Time: L’ultima Strada di casa verso Holt – Kent Haruf

 

L’estate sta arrivando, luminosa, calda e densa; ho scoperto una miscela di tè perfetta per sfuggire alla calura, si tratta di un tè verde macha alla menta e liquirizia ottimo per preparare un’infusione a freddo. Sorseggiando le rinfrescanti note di questa bevanda mi accingo a tornare ad Holt un’ultima volta, è una grandissima emozione tornare dove tutto è iniziato con Canto della Pianura. Mi preparo ad essere soggiogata e trasportata sulle note della voce musicale di Kent Haruf nella cittadina immaginaria ubicata nell’arida pianura del Colorato che più mi ha rubato il cuore: Holt. Holt è un luogo immaginario che non figurerà mai sulle mappe ma è per me molto più reale e consistente di altri luoghi realmente esistenti, riuscire a dare consistenza a ciò che consistente non è fa parte della magia di Haruf. NN Editore con la scelta del titolo dell’ultima opera di questo grande autore ha dato sostanza a queste mie sensazioni. Siamo pronti a tornare ad Holt? Certo. Pronti per tornarci un’ultima volta? Assolutamente no! Non credo che sarò mai pronta a rinunciare alle emozioni che mi hanno regalato tutti i romanzi di Kent Haruf, trovo sia molto malinconico pensare che tanta bellezza abbia effettivamente una fine, come tutto. Per questo motivo io intraprendo La strada di casa con emozione, impazienza e un pizzico di malinconia.

Cerchiamo però di cogliere il lato positivo delle cose, non torneremo più ad Holt per una nuova avventura ma potremo sempre percorrere quelle strade polverose di campagna per ritrovare i vecchi amici che non mancheranno mai di aspettarci. La strada per tornare ad Holt tutti insieme un’ultima volta è stata lunga e tortuosa, ma ci siamo, è tempo di metterci in cammino!

 

Una tazzina in compagnia di Kent Haruf

Kent Haruf (1943-2014), scrittore americano, dopo la laurea alla Nebraska Wesleyan University ha insegnato inglese. Prima di dedicarsi alla scrittura ha svolto diversi lavori, come operaio, bracciante, bibliotecario. Grazie ai suoi romanzi, tutti ambientati nella fittizia cittadina di Holt, ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Whiting Foundation Award e una menzione speciale dalla PEN/Hemingway Foundation. Con il romanzo Il canto della pianura è stato finalista al National Book Award, al Los Angeles Times Book Prize, e al New Yorker Book Award. Con Crepuscolo, secondo romanzo della Trilogia della Pianura, ha vinto il Colorado Book Award, mentre Benedizione è stato finalista al Folio Prize.

 

La strada di casa di Kent Haruf

Editore: NN Editore
Data di uscita:  18 giugno 2020
Pagine: 194
Prezzo: 18.00 €

Jack Burdette è troppo grande per la città di Holt e per i suoi abitanti. Ex giocatore di football, cacciato dal college con un’accusa di furto, poi militare in missione all’estero, quando sembra aver messo la testa a posto lascia improvvisamente la sua fidanzata per sposare un’altra donna conosciuta dodici ore prima. A ogni ritorno, Holt gli sembra sempre più stretta e scomoda… finché Jack non scompare con la cassa dell’azienda per cui lavora, lasciando la moglie e due figli. Dieci anni dopo, la città non ha perdonato né dimenticato. Eppure Jack torna un’ultima volta, con una macchina vistosa e un passato ingombrante, per far saltare di nuovo ogni convenzione e ogni certezza, senza alcun rimpianto. Ancora una volta Kent Haruf, con la sua scrittura tenera e implacabile e il suo sguardo asciutto ed empatico sulla vita e il destino, ci racconta la storia di un’umanità fragile, ostinata e tenace.

 

 

Tornare ad Holt, anche se per l’ultima volta, è come iniziare a respirare aria di casa: questa città, i suoi abitanti e la voce di Kent Haruf resteranno sempre nel mio cuore.

 

18 giugno 2020

in tutte le librerie e store online

 


 

 

May the Force be with you!
Precedente Review Tour: L’eco del passato di Simona Bosco (Leone Editore) Successivo Old But Gold: Se morisse mio marito di Agatha Christie