Tea Time: Premio “Leggi in salute – Angelo Zanibelli”

 

Cari lettori, oggi parliamo di un progetto davvero bellissimo, un’occasione unica in cui potreste tuffarvi se oltre alla passione della lettura coltivate quella per la scrittura.
Si tratta di il Premio “Leggi in salute – Angelo Zanibelli” giunto alla VII edizione, il Premio è stato istituito da Sanofi nel 2013 in memoria del Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali Angelo Zanibelli, per sostenere il valore del racconto sulla salute nel percorso di cura dei pazienti. La narrazione della malattia ha oggi un valore riconosciuto, per migliorare il rapporto fra medico e paziente, per stimolare l’ascolto attivo delle esigenze individuali, per condividere senza imbarazzo la propria condizione, cercando alleanze e supporto. Raccontare per essere liberi e recuperare la propria dignità di persona al di là della malattia.

 

Se possedete una storia inedita nel cassetto che tratta tematiche affini alla salute, di una lotta contro una malattia, di un percorso di rivincita, vittoria o sconfitta, questa potrebbe essere l’occasione di proporre il vostro testo, il vincitore del Premio nella sezione inediti sarà pubblicato da Cairo Editore.

 

Scopriamo insieme i dettagli del comunicato:
Anche quest’anno le categorie sono due. La categoria “opere edite” con una specifica sezione riservata alle opere di saggistica e la categoria “inediti” che offre al vincitore l’opportunità di pubblicazione grazie alla collaborazione con Cairo Editore.
Per partecipare al Premio è sufficiente inviare la propria opera entro e non oltre il 30 maggio per la categoria editi ed entro e non oltre il 30 luglio per la categoria inediti. I finalisti parteciperanno alla cerimonia di premiazione il 8 ottobre 2019 presso l’Ambasciata di Francia a Roma. Durante la serata saranno annunciati i vincitori di entrambe le sezioni.
Ecco il link per avere maggiori informazioni, troverete qui bandi e moduli per partecipare all’edizione del 2019: PREMIO “LEGGI IN SALUTE – ANGELO ZANIBELLI”

 

La giuria è presieduta anche quest’anno da Gianni Letta e da rappresentanti del mondo delle Istituzioni e specialisti dell’informazione sanitaria, tra gli altri: Barbara Stefanelli, giornalista del Corriere della Sera, Paola Binetti, Senatrice XVIII Legislatura, Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università La Sapienza, e Walter Ricciardi, Professore dell’Università Cattolica, che assegneranno il premio all’opera che si distingue per il proprio contributo a una corretta e utile informazione sui temi sanitari.
Nella stessa serata, la giuria attribuirà anche il premio Personaggio dell’anno in ambito sanitario, destinato alla persona ritenuta meritevole per aver contribuito, con il proprio lavoro, a una migliore comprensione delle dinamiche in ambito sanitario o clinico, e il premio Il valore della ricerca clinica, attribuito a un giovane di massimo 27 anni che abbia elaborato il progetto ritenuto più innovativo, in grado di tracciare il futuro della ricerca clinica, facendo riferimento alle dinamiche e alle tecnologie in atto nel settore sanitario. Il vincitore avrà l’opportunità di svolgere uno stage presso l’Unità di ricerca clinica di Sanofi Italia.

 

 

Ora scopriamo insieme il vincitore del Premio del 2018

 

 

Editore: Cairo Editore
Pagine: 288
Prezzo: 15.00 €

Harrie, un’adolescente con grandi occhi blu e capelli rossi, vive in un mondo tutto suo fatto di sogni, favole, film e tanti interrogativi su una madre mai conosciuta. Paul, instabile e annoiato frontman dei Purple River,
uno dei gruppi musicali del momento, si ritrova a fare i conti con il prezzo della celebrità tanto inseguita, che sfregia la sua giovane vita. Il loro incontro avviene per caso o per volere del destino: da quel momento i loro cuori esplodono «come stelle nella notte» e spontaneo nasce il desiderio di fuggire insieme a Nizza, città sdraiata sul mare, tanto luminosa ed elegante da sembrare il paradiso. Tutti li cercano: Emma, la zia di Harrie che l’ha cresciuta dopo la scomparsa della madre; Samuel, il manager della band, che tenta in ogni modo di proteggere il gruppo da scandali e danni d’immagine, e Cordelia, affermata giornalista dal passato segreto, sempre a caccia di gossip sulle rockstar. Tutto ciò che il paradiso permette è la storia di una passione travolgente come solo può esserlo il primo amore. E sullo sfondo gli anni Novanta, Dublino, la Costa Azzurra, e l’ombra di una malattia subdola che si insinua nel tessuto del racconto come io narrante: una protagonista sommessa che presto alzerà la voce.

 

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Sono una brava ragazza di Penelope Bloom | Recensione di Deborah Successivo The Whispering room: Funzioni di Andrea Michelotti