TGIF – Book Whispers #74: I libri consigliati di questa settimana

Giuro solennemente di avere buoni consigli…

Io e Sara finalmente siamo pronte a riprendere i nostri consigli settimanali, leggermente diversi dai precedenti e il più personali possibili. Tra una bevanda e del buon cibo abbiamo scoperto che quando si tratta di libri tendiamo ad essere golose ed ecco perchè d’ora in poi tra i consigli spiccheranno anche i nostri piccoli vizi. Pronti per il Book Whispers?

Il giardino dell’Eden di Kaoru Fujiwara (Star Comics)

176 pp | €12,00

Caratterizzata da un tratto semplice, tanto delicato ed etereo quanto espressivo, e da uno stile registico e compositivo che strizza l’occhio al mondo della fotografia, l’autrice dipinge quattro storie che, oscillando fra l’onirico e il carnale, scavano nelle distorsioni e nelle contraddizioni dell’animo umano interrogandosi sulla fragilità dei rapporti. Chiude l’opera una rivisitazione in chiave psicologico-erotica della fiaba di Cappuccetto Rosso. Adatto a un pubblico adulto.

 

 

Anche questa volta mi è capitato tra le mani un manga unico nella sua categoria, un po’ provocatorio e un po’ riflessivo che affronta con un tratto delicato e una narrazione intensa temi importanti, scava dentro i rapporti umani con una spontaneità disarmante.

“Il giardino dell’Eden” è quel traguardo irraggiungibile, quel seducente sogno ad occhi aperti fatto una volta in balia dei dubbi e dei pensieri, cristallino e puro fino a che non ci si rende conto che quale sogno non diventerà mai realtà.

Tempo di lettura: un paio di giornate, tra una rilettura e l’altra
Accompagnato da: caffè, elisir che accorcia la vita ma sveglia i neuroni
Gustato con: biscotti al burro

Gli altri di Margaret Peterson Haddix (HarperCollins)

390 pp | € 15,00

Credete nel “…e vissero tutti felici e contenti”? Bene, questo libro non fa per voi.
Il lieto fine che fa giubilare il cuore e luccicare gli occhi di commozione non abita qui; tra queste pagine troverete l’Amore che trascende la felicità per elevarsi all’Eterno, oltre la Morte, oltre la paura. Non c’è tempo per le promesse di giorni gioiosi, i racconti di Finché morte non vi separi narrano storie lugubri e ultraterrene il cui filo conduttore – l’Amore, certo, ma quello fatale – conduce il lettore tra i meandri oscuri del sentimento umano più puro e micidiale, rendendo persino l’orrore una speranza a cui potersi aggrappare.
Vera, Il Monte delle Anime, La Tromba di Rubly, Allez…!, Il Promesso Spettro sono i titoli – magistralmente narrati da penne incredibili – che danno vita a questo volume in cui si rilegge il tema universale per eccellenza in chiave gotica senza che esso risulti, però,
meno poetico e delicato.

«La logica non era mai parsa così crudele».

Adoro i middle grade e poco importa che ormai sia fuori età, continuano a farmi sognare. Questo è il caso de “Gli altri”, il primo capitolo di una serie che non vedo l’ora di proseguire.

Altro punto a suo favore è l’espediente narrativo, la scelta di creare due universi simili per dare alla sua storia quel qualcosa in più che per un momento mi ha ricordato Coraline, ma è stato solo un breve istanti poi l’autrice percorre da sola la sua strada, invita il lettore ad avventurarsi insieme ai suoi piccoli personaggi in un viaggio destinati a cambiarli, a renderli più forti passo dopo passo, mentre chi legge non aspetta altro che vedere il seguito per ritrovare il mistero, l’avventura e quella nota fantastica tipica dei romanzi di questo genere che sanno anche incantare.

Tempo di lettura: un week-end caotico
Accompagnato da: tè verde 
Gustato con: noci e un po’ di castagne

Quello di dentro di Sam Shepard (La Nave di Teseo)

198 pp | € 18,00

Nella sua casa circondata dai pioppi, mentre un coyote ulula in lontananza, un uomo ripercorre la distanza tra il presente e il passato. Poco a poco viene travolto dalla memoria, sopraffatto dai ricordi. Si rivede così su un set cinematografico, mentre il suo volto più giovane lo fissa dentro a uno specchio circondato da lampadine. In sogno gli sovviene suo padre da vecchio – a volte in miniatura, altre ai comandi di un aereo durante la guerra. Ricorda poi l’America della sua infanzia, il terreno della fattoria e il recinto del bestiame, le rotaie e i diner – e ripensa ossessivamente alla giovane fidanzata del padre, con la quale aveva avuto una storia anche lui, motore di un dramma che da allora non ha mai smesso di scavargli dentro. Il suo mondo interiore si schiude al cospetto delle montagne e dei deserti, mentre attraversa il paese in auto sospinto dal jazz, dalla benzedrina, dal rock and roll, dall’irrequietezza di un esilio sentimentale, di un evocativo congedo dal tempo. Prefazione di Patti Smith.

«Il tempo ci ha sbattuti qui come naufraghi, senza sentimento».

E per finire la mia scelta della challenge, ovvero “Quello di dentro”, romanzo insolito che però ha messo in luce la bravura dell’autore nel creare un viaggio a ritroso fra i ricordi e rimpianti.

Descrivere questo romanzo non è facile perchè, proprio come il suo stile, è anomalo e frammentato eppure scorre come un flusso di coscienza attraverso il quale la sua voce narrante, un uomo che ha sempre vestito i panni da attore si risveglia e comincia a ripercorrere i suoi stessi passi, avvicinando la lente d’ingrandimento sulla propria esistenza ed è lì che nasce la scintilla, divampa e brucia ogni cosa, tra presente e passato, si racconta.

Tempo di lettura: una giornata rilassante
Accompagnato da: tisana ai frutti di bosco
Gustato con: kinder fiesta

Per questo appuntamento è tutto! Ricordate di passare da Bookspedia per scoprire i titoli consigliati da Sara.
Alla prossima!

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Nomada di Francesca Maria Nespolo | Recensione di Deborah Successivo Music Monday: Le sette dinastie di Matteo Strukul (Newton Compton)