TGIF – Book Whispers #75: I libri consigliati di questa settimana

Giuro solennemente di avere buoni consigli…

Io e Sara finalmente siamo pronte a riprendere i nostri consigli settimanali, leggermente diversi dai precedenti e il più personali possibili. Tra una bevanda e del buon cibo abbiamo scoperto che quando si tratta di libri tendiamo ad essere golose ed ecco perchè d’ora in poi tra i consigli spiccheranno anche i nostri piccoli vizi. Pronti per il Book Whispers?

Fate fuori Ramirez. Atto 1 di Nicolas Petrimaux (Star Comics)

160 pp | €18,90

Jacques Ramirez è un quarantenne muto che lavora per una famosa azienda produttrice di elettrodomestici. In seguito a un incontro inatteso, diventa l’obiettivo di un pericoloso cartello messicano, deciso a fargli la pelle…

Un thriller sopra le righe e al cardiopalma, chiaro omaggio ai film d’azione Anni Ottanta (e tanto altro…), «Fate Fuori Ramirez» trasporterà i lettori nel cuore dell’Arizona, in una caccia all’uomo esplosiva, e ricca di… baffi!

Non potevo non aggiungere il fumetto che mi ha tenuto compagnia questa settimana, un piccolo capolavoro di azione che si intitola “Fate fuori Ramirez”, di cui non vedo l’ora esca il seguito.

Curato nei minimi dettagli questo fumetto appare come un film d’azione su carta che si mescola al thriller più cruento. Prende vita scena dopo scena grazie alla scelta di Petrimaux di mettere sul piatto il meglio degli anni ’80, arricchendolo con quei piccoli particolari come pubblicità, titoli dei capitoli che richiamano i lungometraggi del genere, inseguimenti ed esplosioni che rendono la lettura piacevole e movimentata, un susseguirsi di scene d’azione che raggiunge l’apice con la fine del volume.

Tempo di lettura: una giornata fredda
Accompagnato da: cappuccino
Gustato con: biscotti 

Stelle gemelle di Jessi Kirby (HarperCollins)

281 pp | € 16,90

La vita di Mari Turner è perfetta. O almeno è così per le migliaia di follower che l’hanno aiutata a diventare una star di Internet e che non sanno che ogni foto costruita con cura serve solo a distogliere l’attenzione dal fatto che lei non ha veri amici e nessuna direzione nella vita. Dopo un compleanno solitario, Mari fa una cosa che non faceva da molto tempo: gira un video in cui dice la verità, confessa di aver vissuto in una bugia e di non essere affatto la persona felice, innamorata e di esempio per gli altri che ha cercato con tanta fatica di dipingere. Poi lo pubblica. E quando il video diventa virale, il suo mondo crolla sotto il contraccolpo. Per sfuggire a tutto ciò, Mari prende una decisione impulsiva: percorrere a piedi l’intero John Muir Trail, uno dei percorsi di trekking più famosi al mondo, nella Sierra Nevada. Mari e sua cugina Bri, che è morta da poco, avrebbero dovuto farlo insieme per festeggiare il loro diciottesimo compleanno. Ma questo accadeva prima che Mari fosse così presa dal suo mondo online da tagliare fuori chiunque le chiedesse se ne valeva davvero la pena, compresa Bri, la sua “stella gemella”. Con gli scarponi di Bri, una mappa del sentiero, il cuore pieno di rimpianti e un gruppo di ragazzi che incontra lungo la strada, Mari affronta la difficilissima escursione. Ma la vera sfida è dentro di lei, ed è trovare un modo per tornare a essere la ragazza che teme di aver perso per sempre.

«Volevo tagliare i ponti con tutte le falsità. In realtà cercavo una via di fuga dalla vita che mi ero creata. Adesso che sono libera, però, non so che cosa succederà».

La bellezza di un young adult che mi ha fatto rivalutare l’intero genere, spero di riuscire a trovare altre letture altrettanto emozionanti e che nascondono un forte messaggio al loro interno.

In questo romanzo si passa dalle stelle alle stalle. Da una situazione disperata si passa gradualmente a una in cui si migliora se stessi, un passo alla volta, godendosi gli istanti di vita che fino a quel momento erano vissuti filtrati da uno schermo, un’esperienza che porta sicuramente a crescere imparando che rispettare se stessi è la chiave per vivere bene, mentre il successo è qualcosa di fugace, va e viene come gli pare e non aggiunge niente alla vita se non paranoia e paura.

Tempo di lettura: un week-end 
Accompagnato da: frappè
Gustato con: fette biscottate e marmellata

Che fine hai fatto, gatto killer? di Anne Fine (Edizioni Sonda)

96 pp | € 9,90

Si dice che i gatti abbiano sette vite. Quante ne restano a Tuffy, il micio combinaguai?

Dalla fantastica penna di Anne Fine, autrice bestseller inglese tra le più seguite, torna Gatto Killer, protagonista di una nuova divertentissima avventura illustrata da Andrea Musso.

L’ultimo esplosivo capitolo della saga ha in serbo un colpo di scena sconvolgente: Tuffy – descritto dalla Fine come un mattacchione dal cuore tenero – viene investito da un’auto. Ma sarà davvero così o si tratta dell’ennesimo divertente scherzo del nostro gattone?

 

 

«Rischiavo di essere veramente in ritardo per il mio stesso funerale».

Ultimo ma non meno importante c’è l’ultimo capitolo della saga del gatto killer, una spassosa storia che mi ha fatto tornare bambina.

Che fine hai fatto, gatto killer? è una esilarante storia che ci porta sulle orme di un gatto a cui piace far preoccupare gli altri, ma che sotto sotto è un gran tenerone e non vorrebbe far preoccupare proprio nessuno. Fra scherzetti e situazioni fraintese Anne Fine ed Andrea Musso ci spiazzano con una storia divertente, ben costruita e che sa catturare le sue piccole macchioline lettrici. 

Tempo di lettura: una giornata all’aperto
Accompagnato da: tè al limone
Gustato con: macedonia

Per questo appuntamento è tutto! Ricordate di passare da Bookspedia per scoprire i titoli consigliati da Sara.
Alla prossima!

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Il libro dei colori di Anna e Rosanna Cancellieri | Recensione di Deborah Successivo Inku Stories #48: Mother Cosmos di Minoru Sugiyama (Star Comics)