Top of the month #21 I preferiti del mese di settembre di Sandy

I preferiti del mese di settembre di Sandy

È ora di fare un recap delle mie preferenze del mese di settembre. Pronti a scoprire un breve riassunto del mio mese letterario? Ecco a voi il mio Top of the Month!

Settembre è stato un mese particolarmente ostile. Tra continui sbalzi di temperatura e l’influenza che non voleva lasciarmi sono stata poco presente sia sul blog che altrove, ma le letture non sono mancate anche quando stavo male, quindi oggi vi porto sul blog alcune di quelle di cui sono riuscita a parlare qui sulla stamberga, sperando che ottobre mi porti un po’ più di fortuna.

Tè nero – BTILI READING CHALLENGE

Un saggio. Sapete che non leggo molti saggi, quindi per la challenge ho optato per una lettura della casa editrice del mese, ovvero La Nave di Teseo.

Quello di dentro si sbriciola capitoletto dopo capitoletto tra dialoghi asciutti e immagini quasi oniriche, dove il protagonista subisce un’evoluzione per poi tornare indietro, un continuo altalenare fatto di causa ed effetto, dove i suoi errori e rimpianti si fanno largo mentre ripercorre la sua vita e il suo rapporto magnetico con le donne. Ciò che viene fuori è un dipinto distorto in cui il narratore cerca sempre di sabotarsi, tanto la morale è la stessa, il cerchio si ripete e così anche i suoi errori. Ma è come se tutto questo lo avesse condotto fino a un punto dove sta cercando di liberarsi, smussando gli angoli e prendendo coscienza di sè.

Tè verde – Giuliano e Lorenzo

Sembra quasi che abbia praticato un foro nella grande clessidra del tempo per dare vita al suo “Giuliano e Lorenzo. La primavera dei Medici”, edito da Scrittura & Scritture, mio compagno di avventure mentre ero intenta a raggiungere nuovi traguardi ed è per questo motivo che il suo romanzo mi è rimasto così impresso nella memoria, volente o nolente quando si tratta di lei le sue storie non lasciano indifferenti, anzi sono capaci di smuovere qualcosa all’interno di chi legge riportando nel presente un pizzico del passato raccontato come soltanto lei sa fare, con amore e devozione.

Non potevo non inserire questo breve romanzo emozionante ed avvincente di Adriana Assini, che racconta la travagliata storia dei fratelli de Medici, diversi come il giorno e la notte e narrati da due voci imprevedibili.

Tisana alla melissa – Il quadro segreto di Leonardo

Fabio Delizzos racconta una storia avvincente che ingrana sin dalla prima pagina, mettendo in moto i suoi ingranaggi senza mai fermarsi o deviare dalla meta e devo ammettere che il risultato è straordinario, proprio come il personaggio principale, Leonardo da Vinci, un uomo che nonostante la sua grandezza si mostra in tutta la sua umiltà e intelligenza, dando prova di un lato del suo carattere che non conoscevo e che mi ha colpito. Svestito della sua grandezza si arriva fino in fondo all’animo di da Vinci in una corsa contro il tempo in cui si rischia il tutto e per tutto pur di fermare una catastrofe.

Camomilla – Estremi rimedi

Questo è in libro che mi ha colpita per lo stile, la voce di Hardy è irresistibile quando si tratta di mettere in scena i suoi personaggi e le loro travagliate storie, un motivo in più per recuperare altri romanzi, racconti e versi di un autore che seduce il suo lettore con storie travagliate e intense in cui sono gli estremi rimedi l’unico modo per superare i limiti e assaporare il lieto fine.

Caffè – Finché morte non vi separi

Questa piccola raccolta contiene racconti brevissimi in cui l’amore viene reinterpretato in chiave gotica, con una nota quasi romantica e malinconica, che però non cela la sua vena più cupa, quella che divora ogni briciolo di speranza e la tramuta in concreta disperazione o in un deserto dal quale non c’è alcuna via di fuga.  

Latte macchiato – Lucas. Una storia di amore e odio

Questo è un romanzo straziante dal finale amaro, che è capace di trascinare nella lettura grazie alla forza con la quale il suo autore ci racconta una storia di amore e odio, dal retrogusto attuale e che da spunti su cui riflettere. Una lettura per i più giovani che dovrebbe essere estesa anche agli adulti. 

Tè matcha – Strong World. One Piece film

La sceneggiatura di Hirohiko Uesaka porta una ventata di fantasia nel mondo di One Piece, facendoci vedere ancora una volta poteri incredibili nelle mani sbagliate e fenomeni eccezionali, cose che si possono vedere solo sulla rotta maggiore. Il film è incredibile, ma lo è altrettanto l’anime comic che non ha subito variazioni sulla struttura narrativa, a parte i dialoghi leggermente differenti, che però permettono a chi ama il mondo creato da Oda di rivivere una vecchia avventura del grande schermo comodamente su carta, in cui è bello soffermarsi sulle ambientazioni ed apprezzare la storia.

Earl Grey – Dipendenza da serie

En’en no Shouboutai o Fire Force che dir si voglia è la dimostrazione che quando si tratta di storie originali Atsushi Ōkubo riesce a distinguersi da tutti gli altri per il suo modo di raccontare le storie e di disegnarle, la sua abilità nel delineare personaggi unici e che emergono dal loro mondo già complesso, dove la trama di fondo è suggestiva e misteriosa e non resta che lasciarsi travolgere dalla potenza della sua brigata di pompieri alle prese con situazioni estreme.

Tè ai frutti di bosco – Inferno

La mia ossessione musicale questa volta viene direttamente da uno degli anime più belli che abbia mai visto, ovvero “Fire Force”, la cui storia continua ad affascinarmi man mano che proseguo con il manga.

Zenzero e limone – BULLET JOURNAL

Altra creatura leggendaria, un drago saggio che adoro: Niv Mizzet, è questo il suo nome. L’ho scelto come guardiano perchè era da un po’ di tempo che volevo un drago. Ad ottobre però ho abbandonato la serietà e mi sono lasciata conquistare da adorabili creaturine.

Com’è stato il vostro mese? Vedremo cosa mi riserverà ottobre. 
A presto!

 

May the Force be with you!
Precedente Siamo riflessi di luce di Samuel Miller | Recensione di Deborah Successivo La cuccia di Lea: Il libro dei colori di Anna e Rosanna Cancellieri