Un’alleanza pericolosa di Jennieke Cohen | Recensione di Deborah

Jennieke Cohen è autrice di romanzi storici young adult. Ha studiato Storia inglese a Cambridge e ha un master in Scrittura creativa della University of Southern California. Un’alleanza pericolosa è il suo romanzo d’esordio.

 

Tom sussultò. «L’orgoglio va bene, Victoria, ma quando lo ante-
poni alla salute non ti fai certo un favore.» Le andò accanto e le por-
se il braccio, per far sì che vi si appoggiasse.

 

Editore: Libri Mondadori
Data di uscita: 15 febbraio 2022
Pagine: 456
Prezzo: 19.00 €

Lady Victoria Aston ha tutto ciò che potrebbe desiderare: una sorella maggiore felicemente sposata, il futuro della proprietà di famiglia assicurato, e la possibilità di perdere tempo gironzolando nei campi attorno a casa. Ma basta una notte per sconvolgere definitivamente la sua vita comoda e idilliaca. Suo cognato si rivela infatti un terribile mascalzone e adesso tocca a lei trovare un marito, o la sua famiglia perderà tutto. Armata solo di quello che ha imparato dai romanzi di Jane Austen, Vicky fa il suo debutto in società: ma nemmeno le parole della scrittrice sono in grado di aiutarla a capire se il meraviglioso e astuto signor Carmichael sia in realtà una canaglia; se il suo ex migliore amico, il bellissimo Tom Sherborne, sia più interessato alla sua dote o al suo cuore; né sono in grado di aiutarla a liberarsi delle attenzioni del lezioso signor Silby. Soprattutto, nei libri di Vicky non c’è nulla riguardo gli strani incidenti che iniziano a capitare attorno a lei. E che potrebbero non farla arrivare viva al giorno delle nozze.

 

Quando ho visto l’annuncio di questa nuova uscita sono rimasta davvero incuriosita, grazie a una riscoperta tendenza verso il romanticismo ma soprattutto all’amore per le opere di zia Jane, specialmente per Orgoglio e pregiudizio, il mio romanzo preferito dell’autrice.

Ho avuto la fortuna di essere su IG al momento giusto riuscendo a partecipare all’iniziativa temporanea per il reclutamento recensor* organizzata per il titolo da Oscav Vault.
Tra i mille e mila romanzi che ho sempre da leggere questo lo avevo lasciato un attimo da parte, cavalcando l’onda del fenomeno Bridgerton mi è venuta voglia d’immergermi in una lettura romantica d’altri tempi, non corposa come un classico ma fresca e frizzante come i romance contemporanei.

Devo dire che Un’alleanza pericolosa di Jennieke Cohen non mi è dispiaciuto, non è di certo una lettura indimenticabile ma sinceramente mi aspettavo molto peggio da quello che avevo letto prima d’iniziare la lettura sul web.

 

Lui ridacchiò vedendola così contenta. «E i tuoi genitori cosa diranno?» Lei inclinò la testa. «Queste sono le nostre vite, no?» Lui annuì solennemente e le scostò dolcemente una ciocca di capelli dal viso. «Benissimo. Da oggi in poi il nostro futuro lo costruiremo noi stessi.»

 

La storia è carina, non mi è sembrata molto fedele all’epoca nella quale è ambientata ma risulta leggera e piuttosto scorrevole; ovviamente troviamo diversi cliché del genere che a me personalmente non dispiacciono poi tanto. La trama appunto risulta abbastanza scorrevole, la vicenda è leggera e lo stile di scrittura di Jennieke Cohen molto semplice e immediato, purtroppo durante la lettura ho trovato alcuni momenti per me piuttosto noiosi, non sono stata coinvolta completamente dal romanzo. Se avete intenzione di ricercare in Un’alleanza pericolosa le atmosfere e il coinvolgimento della serie tv Bridgerton non credo sia il romanzo giusto, se invece avete voglia d’immergervi in un libro ambientato nel passato con una componente romantica perché no! Attenzione, la storia d’amore non è la protagonista assoluta del libro, molto importante è la questione misteriosa che improvvisamente movimenta la vita della protagonista, Lady Victoria Aston; inoltre la relazione tra i due protagonisti è molto adolescenziale.

Il protagonista maschile, Tom Sherborne, mi è piaciuto, mi è sembrato un ragazzo interessante con qualcosa da raccontare; invece sono rimasta un po’ dubbiosa riguardo Lady Victoria, nonostante ho apprezzato il fatto che non fosse convenzionale per la sua epoca non mi ha convinta del tutto. Credo che non mi hanno convinto più che altro i continui episodi nei quali l’autrice l’ha messa in pericolo e fatta salvare dal “principe azzurro” di turno. Invece i continui riferimenti a Jane Austen bellini sì, ma dopo un po’ davvero ridondanti e forzati.

 

 

Lady Victoria Aston vive una vita tranquilla nella tenuta di campagna della famiglia, ha una sorella felicemente sposata, due genitori comprensivi e permissivi ma soprattutto riesce ad aiutare il padre nella gestione della proprietà, specialmente per quanto riguarda gli animali. In una notte però la placida vita di Vicky viene sconvolta dalla scoperta della vera natura del marito della sorella, un uomo violento e tiranno; l’intero patrimonio degli Aston è in grave pericolo quindi Victoria ha il dovere di trovare marito al più presto per mettere la famiglia al sicuro. Contemporaneamente a questa notizia funesta Victoria è vittima di strani episodi nei quali rischia anche la vita, chi e per quale motivo architetta tutto questo?

Nel frattempo nella vita della protagonista ritorna Tom Sherborne, il caro amico d’infanzia perso a causa della partenza per l’estero anni prima, Victoria è da sempre innamorata di lui ma Tom sembra aver dimenticato il rapporto che li univa. La stagione per la protagonista non va a gonfie vele, i pretendenti non sono lontanamente paragonabili ai protagonisti dei romanzi che ama e Victoria desidera un amore così, vero e sincero.

Riuscirà la protagonista a far luce sul mistero che improvvisamente ha iniziato ad avvolgere la sua vita e a trovare l’amore?

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Paper Corn: I colori dell'amore di Bradley Walsh (2018) Successivo Paper Corn: Mollo tutto e apro un chiringuito di Pietro Belfiore (2021)