BLOGTOUR: Fino all’ultima parola di Tamara Ireland Stone – L’angolo del poeta

Benvenuti all’ultima tappa del blogtour dedicata al romanzo “Fino all’ultima parola” di Tamara Ireland Stone, pubblicato in Italia da Leggereditore.

Oggi conosceremo più da vicino “L’angolo dei poeti”.
Siete pronti?

Acquistalo subito: Fino all’ultima parola

Editore: Leggereditore
Data di uscita: 26 Ottobre

Prezzo: € 14,90
Pagine: 368
ISBN: 978-8865088944

Se potessi leggere nella mia testa, non mi sorrideresti…

A prima vista Samantha McAllister sembra essere come tutte le ragazze della sua età, ma dietro il suo aspetto curato nasconde un segreto che non ha mai confidato a nessuno. Tormentata da un flusso continuo di pensieri negativi, paranoie e fissazioni, come quella per il numero tre, Sam soffre di un disturbo ossessivo-compulsivo che rende difficile non solo il suo rapporto con gli altri ma anche e soprattutto con sé stessa. C’è solo un luogo in cui riesce a sentirsi veramente libera: la piscina, per lei fonte di ispirazione, riconciliazione con il mondo e, soprattutto, con la propria mente. Ma una volta fuori dall’acqua, è tutta un’altra storia… Forse ciò di cui avrebbe bisogno è circondarsi di amici migliori, veri e profondi, proprio come lei. Decide così di entrare in un gruppo segreto, l’Angolo dei Poeti, per aprirsi a nuove esperienze. E qui, in modo del tutto inaspettato, incontra Aj da cui si sente subito attratta. Per Sam, però, è tutt’altro che naturale lasciarsi andare, e assecondare i propri sentimenti non sarà affatto un’impresa facile.

 


“Tutti e quattro i muri sono ricoperti da pezzi di carta di ogni forma e colore, delle tipologie più disparate, che sporgono fuori dagli angoli casuali.”

Benvenuti nell’angolo dei poeti, un luogo dove le parole risuonano potenti facendo vibrare la stanza e dove nessuno è giudicato in base a sesso, razza o estrazione sociale, ma dove conta soltanto ciò che si vuole esprimere.

Le parole sono un’arma a doppio taglio e per questo è più facile ferire una persona con una frase piuttosto che con la violenza.

Le parole hanno il potere di cambiare il mondo o di ribaltare una situazione, infatti la cosa più difficile non è saper parlare, ma riuscire a comunicare in maniera chiara e concisa ciò che si ha da dire.

La poesia riesce a esprimere tanti concetti in pochissimi versi, permettendo al lettore di cogliere soltanto alcuni degli infiniti significati che si celano dietro quelle parole.

L’interpretazione personale di qualcosa dipende molto dal nostro pensiero e dal nostro carattere, infatti possiamo dire che la nostra capacità di percepire qualcosa sia strettamente legata a ciò che noi stessi riteniamo importante. La stessa accade con la poesia, che filtra il significato dei versi facendoci ragionare esattamente su ciò di cui abbiamo bisogno, entrando in contatto con il nostro animo in maniera diretta e semplice.

“La mia poesia racconta un momento preciso, quello in cui ti accorgi di ciò che sei diventato e desidersi – con tutte le tue forze – di riuscire a cambiare. Di essere una persona migliore.”

Per Samantha McAllister l’angolo dei poeti è qualcosa di nuovo, che la spaventa ed intriga allo stesso tempo, impedendole, almeno all’inizio, di vedere sé stessa tra quelle fila a leggere ad altre persone ciò che scrive. Ma è nelle parole che trova il modo di emergere, esprimendo con versi ciò che significa essere affetta da un disturbo come il suo e sentirsi diversi, cambiare in continuazione senza saperne il motivo e non riuscire a focalizzarsi su qualcosa di positivo quando è balìa delle sue “crisi”.

AJ sceglie di fondere poesia e musica per esprimere ciò che si nasconde nel suo animo e in ciò che lo circonda.

Visto da fuori “l’angolo dei poeti” appare come un luogo anonimo, ma se si osserva con attenzione ci si renderà conto che si è circondati da parole. Parole appese ai muri su fogli diversi, parole che sanno di parole e persone che le usano come mezzo per raccontarsi e talvolta ferire qualcuno o per lasciare una testimonianza su qualcosa di importante che deve essere raccontato.

La poesia diventa una vera e propria terapia, anche Sam poco a poco comincia a sentire l’effetto benefico che ha lo scrivere, come è lei stessa a confidare alla sua terapista, si sente “sana”, come se il disturbo venisse cancellato dalle parole e per una volta nella vita ritorni ad essere una comune ragazza con una sensibilità disarmante.

Siamo giunti alla fine.
Non vi resta che procurarvi una copia di “Fino all’ultima parola”.
Vi lascio il calendario con le prossime tappe del blogtour!
Non lasciatevene scappare neanche una!

Lascia un commento
Precedente A caccia con Lea - Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #1 Successivo Recensione: Marathon di Andrea Frediani (Newton Comics)