Hotel Transylvania | Recensione a cura di Deborah

A-cura-di-Deborah-Probabile-Firma

 

 

 

 

hoteltrans

 

 

HOTEL TRANSYLVANIA

“Io non dico BLEH-BLEH BLEH!” – Dracula

“Papà, non ho più ottantatré anni!” – Mavis

 

Titolo originale: Hotel Transylvania

Anno: 2012

Data di uscita: 8 novembre 2012

Genere: Animazione, commedia, orrore

 

Interpreti e personaggi:

  • Claudio Bisio: Dracula
  • Cristiana Capotondi: Mavis
  • Davide Perino: Jonathan
  • Luca Dal Fabbro: Wayne
  • Paolo Marchese: Frank/Frankenstein
  • Mino Caprio: Griffin, l’uomo invisibile
  • Graziella Polesinanti: Eunice
  • Stefanella Marrama: Wanda
  • Marco Mete: Quasimodo
  • Luigi Ferraro: Murray la mummia
  • Vladimiro Conti: armatura
  • Alessandro Rossi: pilota
  • Oreste Baldini: Fly
  • Francesca Fiorentini: Martha
  • Saverio Indrio: scheletro
  • Roberto Stocchi: Idra
  • Alina Moradei: signora della tombola

 

 

TRAMA: Benvenuti all’Hotel Transylvania, il sontuoso resort a cinque stelle di Dracula dove i mostri e le loro rispettive famiglie possono divertirsi, liberi di essere sé stessi, senza alcuna presenza umana a dar loro fastidio. Durante uno speciale fine settimana, Dracula invita alcuni dei mostri più famosi del mondo a celebrare insieme il 118mo compleanno della figlia Mavis. Tra questi, Frankenstein e consorte, la Mummia, l’Uomo Invisibile, una famiglia di lupi mannari, e tanti altri. Per Drac, intrattenere tutti questi mostri leggendari non è certo un problema, ma il suo mondo sembra sgretolarsi quando all’albergo arriva un ragazzo che si prende una bella cotta per la giovane Mavis.

 

RECENSIONE: questo cartone animato mi ha letteralmente stregata! Premetto che sono molto appassionata di mostri, fin da piccola li trovavo affascinanti, loro e il loro mondo. Mi sarebbe piaciuto festeggiare Halloween e travestirmi, ma ancora non era stata introdotta come festa. Ho scoperto questo film di animazione recentemente, lo scorso ottobre, quando mentre ero al cinema hanno mostrato il trailer del seguito, Hotel Transylvania 2. Ero davvero stupita che mi fosse letteralmente sfuggito; presto ho recuperato la visione del primo episodio e lo ho adorato da subito, è entrato nella cerchia dei miei cartoni preferiti tanto che spesso lo riguardo. Amo tutti i personaggi! Davvero sono così spassosi, divertenti, ben realizzati che non saprei quale eleggere a preferito, forse Quasimodo non mi è particolarmente simpatico se dovessi proprio scegliere. Trovo la storia molto bella, riesce ad essere intrigante, appassionante, avventurosa, sentimentale. Mi è piaciuto il fatto che fossero i mostri ad essere terrorizzati dagli umani, percepire come noi possiamo essere terrificanti per altre creature, ed è una cosa che, a mio parere, ci riesce benissimo. Il cartone è stra consigliato, ora basta leggere, fiondatevi a guardarlo! Lo trovo molto bello per tutte le età, grandi e piccini, sfatiamo il mito che i film di animazione siano solo ed esclusivamente per i più piccoli! Racchiudono diversi insegnamenti positivi e facili da captare. In questo in particolare sono trattati i valori della famiglia, della perdita di una persona cara, l’amore incondizionato di un papà verso la propria bambina, la fiducia, l’amore, il sospetto e il pregiudizio nei confronti del diverso, il superamento delle paure nei confronti dell’altro. Tutto questo è affrontato in modo che i più piccoli possano capire e prendere visione dei determinati fattori, ma è tutto contornato da una dosa abbondante e travolgente di simpatia e divertimento.

Salva

Lascia un commento
Precedente La donna dei fiori di carta di Donato Carrisi | Recensione di Sandy Successivo Al di là dell'apparenza di Antonio Sobrio | a cura di Anaëlle e Deborah