Recensione: Tu e Io la storia più bella del mondo di Elisenda Roca e Raul Guridi

“ Da quando sei arrivato l’amore si è moltiplicato. Per questo ora esclamo che anche io ti amo!”

Titolo originale: Tù y yo La cuenta mas bonita del mundo

Autori: Elisenda Roca e Raul Guridi

Genere: Libro Illustrato

Collana: Carrousel

Editore: Edizioni Clichy

Pagine: 48

Prezzo: € 17,00

Il Libro  Trama:

«Ti racconto una storia bellissima. Vedrai che è molto strana. Non ci sono né streghe né fate né re né draghi. I protagonisti siamo io e te». Questo è il racconto più bello del mondo, dice il fratello maggiore al piccolino che deve nascere. Ebbene sì, ammette il protagonista, sono un po’ geloso perché so che le cose cambieranno, ma la mamma e il babbo mi hanno spiegato che l’amore si moltiplica e non si divide! Un album illustrato che descrive con tenerezza i dubbi, i sentimenti contrastanti e le emozioni di un bambino quando sta per arrivare un fratellino. Per aiutare i bambini a scoprire che la nascita di un fratellino può essere molto divertente.

Acquistalo subito: Tu e io – La storia più bella del mondo

Recensione:

Anche questa volta Edizioni Clichy torna all’assalto e ci stupisce con un altro meraviglioso libro illustrato per bambini, “Tu e Io” di Elisenda Roca e Raul Guridi.

Il libro tratta una tematica molto interessante e sempre spinosa per un genitore, ovvero l’arrivo di un nuovo bambino in famiglia. L’arrivo di un fratellino o di una sorellina per un bambino è sempre un evento eclatante, soprattutto quando è molto piccolo e non sa ancora come prendere certe notizie.

Il protagonista di questo racconto è un bambino che si ritrova a fantasticare sull’arrivo di un fratellino o una sorellina e cerca di capire come sarà la sua vita dopo questo lieto evento.

Inizialmente il protagonista è entusiasta di questa notizia e tenta di capire da dove arriverà il nuovo bimbo, come sarà e a chi assomiglierà, per non parlare delle previsioni sui suoi gusti in fatto di colori e di giochi.

Purtroppo l’arrivo del nuovo bambino non è tutto rose e fiori, infatti il nostro protagonista capisce che un bimbo così piccolo non sa parlare e non gioca, quindi è noioso, mentre sa bene come urlare e piangere senza smettere mai.

Come spesso accade però anche il piccolo bambino protagonista si sente decisamente “messo da parte” con l’arrivo del suo fratellino e comincia a sentirsi vuoto, abbandonato e geloso. Ovviamente suo padre lo rincuora facendogli capire che un nuovo fratellino non significa che lui verrà trascurato, anzi che verrà amato ancora di più assieme a lui.

Questa storia aiuta a vedere l’arrivo di un nuovo nato dal punto di vista del figlio primogenito e mette in evidenza tutti i problemi e le situazioni che possono mettere a repentaglio l’equilibrio della famiglia ponendo un importante monito a chi legge: Non bisogna mai trascurare un figlio in favore dell’altro, altrimenti l’odio che può scaturire dalla sua gelosia repressa può rendere la sua vita un inferno.

Ovviamente un bambino deve capire che un neonato necessita di cure particolari, ma non deve mai essere messo da parte, a costo di sacrificare il proprio tempo per accudire anche lui. Essere genitori è una fatica immane non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello familiare.

Accudire due figli allo stesso modo è importante non solo per la crescita del primo, ma anche del secondo, in quanto quest’ultimo crescendo e ritenendosi privilegiato potrebbe assumere facilmente atteggiamenti superbi ed egoisti, non solo nei confronti del fratellino lasciato in disparte, ma anche nei confronti degli altri bambini.

Se due fratelli dovessero mai sentirsi in competizione, purtroppo, uno dei due è destinato a sentirsi sempre inferiore all’altro, soprattutto se viene accudito più di lui da parte dei genitori, causando un complesso di inferiorità che lo accompagnerà per tutta la vita.

Con questo non voglio insegnare a nessuno a fare il genitore, non essendolo io stesso, ma come primogenito che ha vissuto una situazione simile, so bene di cosa sto parlando.

Tornando al libro, devo dire che è assolutamente fantastico. Le illustrazioni di cui è composto sono bellissime e sembrano quasi una via di mezzo fra il collage e l’illustrazione. Questi disegni ispirano l’animo di chi li guarda e mostrano un po’ di “meraviglia” a chi legge questo libro. Dopotutto l’illustrazione non è altro che la materializzazione della propria fantasia e tutti gli illustratori, in fondo, sono un po’ bambini dentro (compreso me!).

Trovo inoltre di grande pregio anche la qualità dei materiali usati per il volume da Edizioni Clichy: la carta è spessa e di ottima qualità, solida e difficile da strappare, perfetta per un bambino, mentre la copertina cartonata attribuisce grande valore a questo inestimabile volume.

Approfitto dell’occasione per ringraziare la casa editrice per la sua incredibile disponibilità e gentilezza nell’avermi fornito una copia cartacea del libro.

Con questo è tutto per oggi e vi ricordo l’appuntamento con un nuovo libro illustrato lunedì prossimo!
Buona lettura!

 

Note sugli autori:

 


Elisenda Roca
è una nota giornalista di radio e televisione che ha ottenuto numerosi e prestigiosi premi. È stata vicepreside dell’Università di giornalismo di Catalogna ed è autrice di vari libri destinati ai padri e ai genitori e ai futuri genitori. Attualmente collabora con il quotidiano Ara

 

Raul Guridi ha studiato Belle Arti a Siviglia e da allora lavora e cura progetti sperimentali in tutti i campi dell’immagine, della fotografia, del disegno e della pubblicità. Dal 2010 la sua produzione si è concentrata sull’illustrazione per l’infanzia e sulla creazione di campagne culturali per il teatro, la danza e le marionette. Ha pubblicato con successo molti albi illustrati è molto attivo in Spagna e Francia, in Italia di lui sono stai pubblicati Il pezzettino in più Feltrinelli e Guarda qua! Un libro per immaginare Coccole Books.

 

Lascia un commento
Precedente ANTEPRIMA: La forma del buio di Mirko Zilahy Successivo #Segnalazione: La donna che cancellava i ricordi di Brian Freeman