Review Party: La forza imprevedibile delle parole di Clara Sánchez

Era sgorgata alla scoperta del tradimento, al pensiero che poteva distruggere sua moglie tra le dita come un fiore. L’emozione dell’inaspettato. Ma anche l’emozione del torneo, della vendetta, di essere dalla parte del giusto. E dopo l’emozione, di nuovo la prova tangibile sotto i suoi stessi occhi.

Pagine: 140

Acquistalo subito: La forza imprevedibile delle parole

Editore: Garzanti
Collana: Narratori Moderni
Data di uscita: 6 Novembre
Prezzo: € 17,60

Pagine: 144
ISBN:
9788811675396

All’improvviso il silenzio della casa sembra avvolgere ogni cosa. Natalia ha appena accompagnato le figlie all’aeroporto e non le resta che aspettare il ritorno del marito dal lavoro. Non è questa la vita che aveva immaginato. Non era così che si vedeva dopo i quarant’anni. Per questo quando le arriva l’invito a un aperitivo nell’elegante casa di un’amica decide di accettare. Ma quello che doveva essere un tranquillo pomeriggio di chiacchiere diventa qualcosa di più. Perché quella sera Natalia incontra l’affascinante Raúl Montenegro. L’ombroso avventuriero la conquista con i suoi racconti e, accanto a lui, Natalia ritrova una voglia di vivere che credeva perduta. Perché a volte le parole hanno un potere inaspettato e la loro forza può essere imprevedibile. Dal giorno seguente, però, Natalia comincia a ricevere strani biglietti, che la riempiono di dubbi. Non riesce a spiegarsi questo comportamento di Raúl: nulla durante il loro primo incontro le aveva lasciato presagire di non potersi fidare di lui. Finché l’uomo le propone un incontro al quale poi non si presenta. Al suo posto c’è uno sconosciuto, che le rivela che Raúl è fuori città. Natalia non riesce a credergli: capisce che l’incontro di quella sera forse non è stato casuale; capisce che qualcosa le viene nascosto. Ma non può immaginare che quel qualcosa sia il centro di un fitto intrico di inganni e di bugie. E Natalia si scopre suo malgrado pedina di una partita che può vincere solo trovando dentro di sé tutta la forza di cui è capace.

 

 

L’abbattimento, la solitudine. Pensò a Natalia e non riuscì a ricordare com’era. […] E l’anello che portava al dito. Una fede d’oro, d’oro e di nulla.”

In occasione del review party parliamo de “La forza imprevedibile delle parole” di Clara Sánchez, edito da Garzanti e uscito in libreria il 6 novembre.

Si tratta dell’esordio dell’autrice del 1989. Garzanti porta questo inedito per la prima volta in Italia, permettendo a chi ancora non la conosce di partire dai suoi inizi e per chi, come me, ha già avuto modo di apprezzarla di vedere l’evoluzione del suo stile.

In spagnolo si intitola “Piedras Preciosas” ed è come ho detto il suo debutto, risulta facile il paragone fra le sue ultime opere e questo, ma bisogna rendersi conto che era qui che Clara stava muovendo i suoi primi passi nella narrativa. Onestamente è un libro che mi ha permesso di vedere l’evoluzione dell’autrice, rendendomi conto il suo stile ormai caratteristico è andato maturando nel tempo fino ad oggi.

“Da quei fogli sprigionava una realtà che gli trasmetteva una sensazione bruttissima.

Sono passati 28 anni dalla prima pubblicazione eppure è ben riconoscibile il meccanismo che ha fatto partire tutti gli ingranaggi, costruendo col tempo una macchina ben oleata e in grado di raccontare storie anche per il puro piacere di narrare e non avere un fine specifico o regalare una morale. Come in questo caso.

Il meccanismo di cui parlo lo si evince dalla consueta abitudine dell’autrice nel descrivere le persone attraverso odori o sensazioni, scegliendo talvolta anche l’uso di oggetti come gioielli o costumi per tratteggiare i personaggi, che spesso sono intrappolati nella loro stessa pelle e nell’ambiente di cui fanno parte.

“La forza imprevedibile delle parole” è il bivio dove sono destinati ad arrivare i suoi personaggi, che scelgano una strada piuttosto che un’altra in qualche modo riusciranno ad incrociarsi e in maniera inaspettata. Ma rappresenta anche la dimostrazione che le bugie, soprattutto quelle più infime, hanno le gambe corte. È soltanto questione di tempo e per quanto uno creda di essere furbo, non farà altro che complicare la situazione.

“Storia erano lettere impresse nella pietra impressa nella memoria per raccontarla di tanto in tanto. Invece, quando Natalia voleva mettere ordine nella sua storia, la sua mente si scomponeva in una pioggia sottile ed era padrona soltanto della proprio agitazione.”

Natalia è arrivata al punto della sua vita nel quale ciò che la circonda è diventato monotono. Il ritmo delle sue giornate è scandito dai suoi impegni come madre, moglie e donna che deve prendersi cura della casa, è da tempo ormai che lei e suo marito non fanno qualcosa insieme, qualcosa di divertente per spezzare la noia e spingerli a riavvicinarsi proprio com’erano prima di sposarsi.

Il matrimonio è una giostra emotiva piena di alti e bassi, ma è quando l’attrazione comincia a spegnersi una scintilla si fa largo fra la noia, Raùl, e improvvisamente il grigio si accende, portando una tavolozza ricca di colori e sensazioni diverse alle quali decide di aggrapparsi.

Accecata dai bagliori dell’avventuriero, Natalia abbassa le sue difese, diventando ogni giorno sempre più dipendente della sua droga preferita e incurante dei pericoli in cui sta per incappare si butta alla cieca alla ricerca di ciò che credeva di aver perso da tempo.

È incredibile che quando si tratti di Raùl, Natalia, ignori completamente il campanello d’allarme che suona in continuazione, tanto è appagante il brivido derivante dal proibito e di quel rapporto sempre più complice che la spinge a tradire suo marito. Ed è qui che l’amara verità arriva come un secchio d’acqua gelida. Quella scintilla era soltanto una scintilla, una effimera illusione che ha finito per rovinarle la vita.

“Lasciò che la visione degli oggetti amati la facesse sprofondare negli abissi del suo senso di abbandono, aprì anche il ripostiglio per vedere le culle delle bambine e la cassapanca dei giocattoli.”

L’autrice esordisce con qualcosa di scottante e intimo che ci porta a conoscere da più vicino la vita dei suoi personaggi. Natalia è insoddisfatta della sua vita e del suo matrimonio, si aggrappa all’idea che Raùl possa cambiare in qualche modo le cose, ma ormai quando si sarà spinta al limite si renderà conto di aver vissuto per tutto questo tempo dietro una menzogna e non una qualsiasi.

I personaggi si muovono in maniera fluida sulla scena, atto dopo atto si evolvono. I piccoli segreti diventano fardelli pesanti da sopportare e da portarsi dietro, ma soprattutto innescano una reazione a catena che li collega tutti attraverso menzogne.

Una Clara Sánchez alle prime armi conferma soltanto che la classe non è acqua e che da una fonte così ci si può aspettare solo il meglio ed è stato così, se pensate ai romanzi che recenti. Sono curiosa di leggere i quattro inediti restanti, quando si tratta di lei ormai cerco di andare il più a fondo possibile.

Le parole sono potenti e lo sappiamo bene, possono innalzare le masse o nel peggiore dei casi rovinare una vita. Qui le parole invece creano illusioni, spingono le persone a muoversi secondo i propri piani, dimenticando che nulla è perfetto e prima o poi bisogna fare i conti con le conseguenze. Un esordio niente male!

Tre copie cercano casa!
Per vincere una delle copie in palio vi basta seguire le seguenti regole:
Obbligatorie:
– Mettere “mi piace” alla pagina facebook di Garzanti
– Diventare lettori fissi dei blog partecipanti
– Seguire @carlo.salvato su Instagram
– Commentare tutte le tappe del blogtour
Facoltative:
– Commentare tutte le recensioni del review party
– Condividere le tappe
Il giveaway comincia il 9/11 e finisce il 17/11

a Rafflecopter giveaway

Ecco tutti i blog partecipanti del review party:
– Book’s Angels: http://booksangels.blogspot.it/
– Bookspedia: http://bookespedia.blogspot.it/
– Chiara in Bookland: http://chiarainbookland.blogspot.it/
– La stamberga d’Inchiostro: http://stambergadinchiostro.altervista.org/
– The Room Tales: http://theroomtales.altervista.org/
Vi lascio anche il calendario con le prossime tappe del blogtour!
Non lasciatevene scappare neanche una!

Lascia un commento
Precedente Benedizione di Kent Haruf | Recensione di Deborah Successivo Review Party: Arabesque di Alessia Gazzola
  • alessandra

    Bellissime le cover garzanti mi piacciono sempre <3 complimenti anche per la recensione ben fatta! [email protected]