Alice attraverso lo specchio | a cura di Deborah

A-cura-di-Deborah-Probabile-Firma

 

 

 

alicettlg_payoff_1-sht_v13_sm_jpg_1003x0_crop_q85

 

ALICE ATTRAVERSO LO SPECCHIO

 

“Non è impossibile, è solo non possibile” – Stregatto

“L’unica maniera di ottenere l’impossibile è pensare che sia possibile” – Alice

“Tutti i migliori sono matti” – Il cappellaio matto

 

Titolo originale: Alice throught the looking glass

Anno: 2016

Data di uscita: 25 maggio

Durata: 113

Genere: fantastico, avventura

Regia: James Bobin

 

Interpreti e personaggi:

  • Mia Wasikowska: Alice Kingsleigh
  • Johnny Depp: Cappellaio Matto
  • Helena Bonham Carter: Regina Rossa
  • Anne Hathaway: Regina Bianca
  • Crispin Glover: Stayne
  • Mairi Ella Challen: Alice a 6 anni
  • Marton Csokas: Charles Kingsley
  • Lindsay Duncan: Helen Kingsley
  • Jemma Powell: Margaret Kingsley
  • Tim Pigott-Smith: Lord Ascot
  • Geraldine James: Lady Ascot
  • Leo Bill: Hamish
  • John Hopkins: Lowell
  • Eleanor Tomlinson: Fiona Chataway
  • Eleanor Gecks: Faith Chataway
  • Frances de la Tour: Zia Imogene
  • Matt Lucas: Pincopanco e Pancopinco

 

 

Trama:

Alice Kingsleigh ha trascorso gli ultimi anni seguendo le impronte paterne e navigando per il mare aperto. Al suo rientro a Londra, si ritrova ad attraversare uno specchio magico che la riporta nel Sottomondo dove incontra nuovamente i suoi amici il Bianconiglio, il Brucaliffo, lo Stregatto e il Cappellaio Matto che sembra non essere più in sé. Il Cappellaio ha perso la sua Moltezza, così Mirana manda Alice alla ricerca della Chronosphere, un oggetto metallico dalla forma sferica custodito nella stanza del Grand Clock che regola il trascorrere del tempo. Tornando indietro nel tempo, incontra amici e nemici in diversi momenti della loro vita e inizia una pericolosa corsa per salvare il Cappellaio prima dello scadere del tempo.

 

Recensione:

Aspettate, sono rimasta scioccata di apprendere che questo film non è stato diretto da Tim Burton! Comunque, prima di entrare nei dettagli del film devo dire che, non avendo letto la trama, mi aspettavo fosse basato sulla storia scritta da Carroll ma ahmé tra romanzo e pellicola non c’è nulla in comune! Ci sono proprio rimasta che le due storie, cartacea e cinematografica, non abbiamo quasi nulla in comune, ho letto il romanzo velocemente per poter andare al cinema con il bagaglio libroso ma davvero mai come in questo caso non è assolutamente servito. Il film, senza sapere questa abissale discrepanza, mi è piaciuto molto, si tratta di un buon mix: una storia avvincente, tanti effetti speciali, colpi di scena, creature fantastiche, messaggi e valori importanti.  Inizialmente la pellicola si è aperta con Alice capitano di una nave, inseguita dai pirati effettua un’impossibile manovra per scamparla e far rotta su Londra, era sicurissima che si trattasse di un sogno della protagonista visto che nel romanzo viene sottolineato l’animo fantasioso e sognatore della piccola. Sì, in teoria Alice dovrebbe avere precisamente sette anni e mezzo e non essere in età da marito, ma vabbè ovviamente doveva essere il seguito del primo film uscito nel 2010, Alice in Wonderland. A parte tutti questi fattori sono stata contenta di essere andata a vedere questo film, mi è piaciuto  molto, mi sono piaciuti gli esserini e le nuove avventure affrontate. Molto bello e accentuato il valore della famiglia, sia per quanto riguarda la storia del Cappellaio Matto, il cui personaggio conosceremo molto più a fondo; ma anche i sentimenti tra la Regina Bianca e la Regina Rossa, conosceremo meglio il loro passato e scopriremo cosa ha reso così malvagia la “Testona”. Ho apprezzato molto anche l’interpretazione che è stata fatta del tempo. Noi effettivamente tendiamo ad averne paura, sappiamo che dà ma toglie fin troppo presto, è uno scorrere inesorabile contro cui noi non possiamo combattere, qui alla fine invece viene mostrato il messaggio che il tempo regala tantissime cose, ogni secondo è un grande regalo e non va sprecato. Forse se riusciremo a porci più in questa ottica saremmo molto più felici. A mio parere il film è consigliato, certo non aspettatevi la trasposizione del romanzo perché ribadisco non ha niente a che fare con esso, tranne le scene iniziali nel Sottomondo, ma è una bella avventura e contiene importanti messaggi per grandi e piccini.

Salva

May the Force be with you!
FILM

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente Un vicino di casa quasi perfetto di A.J. Banner| Recensione di Sandy Successivo I caduti di pietra di Giuseppe Russo | a cura di Sandy