C’è posta per la stamberga – Buon compleanno!

Instagram: @lastambergadinchiostro

Cara Stamberga d’Inchiostro,

Che tristezza invecchiare eh? Però oggi si festeggia, è un giorno speciale, e nei giorni come questo le ossa smettono di far male si torna pimpanti come da piccoli quando si correva per tutta la casa facendo disastri a destra e a manca.

Oggi però la festeggiata sei tu, il nostro tetto sopra la testa, il nostro rifugio, quello di tutti coloro che si affacciano sul mare della lettura e non cercano altro che sincerità a tanta voglia di fare. Grazie a te siamo cresciuti tutti almeno un po, in quattro anni hai saputo darci le giuste spinte per arrivare in alto, ci hai insegnato ad accogliere chi ha bisogno di un tetto sopra la testa e a spingere chi ha talento verso nuovi orizzonti, ma senza alcun dubbio quelli che hai aiutato di più siamo noi che ti abbiamo messa in piedi asse dopo asse, un chiodo dopo l’altro.

Ognuno ci mette il suo, chi più chi meno, ma ciò che è sicuro è che finché viviamo e raccontiamo le nostre avventure le tue stanze non saranno mai vuote, non saranno mai infestate da fantasmi se non da quelli protagonisti dei libri horror che legge Sandy, non saranno mai androni pieni soltanto di echi perduti nel vuoto. Ogni nostra recensione è una storia che ti raccontiamo, una nuova stanza che iniziamo a costruire per dare spazio a chi cerca la sua voce e senza di te, oggi, in molti sarebbero ancora dispersi a gridare nella nebbia.

Certo anche tu hai bisogno di noi e in quattro anni ti abbiamo cresciuta bene: Sandy è le tue fondamenta, la struttura che regge tutta la baracca, senza di lei qui si chiuderebbero i battenti per sempre, ma non si lamenta mai di portare il tuo peso perché è lei che ha sempre creduto in te e nella tua forza che poco a poco è diventata la sua e continua a riempire le tue librerie di mille avventure; poi ci sono io che ti ho dipinta, ti ho donato un volto e ti ho mostrata a tutti con una bella insegna fin dal primo giorno, addobbandoti con tutta la mia abilità per farti risplendere anche di notte e anche se spesso sono via per fatti miei, tornare è sempre un’emozione; infine c’è Deborah, la girovaga che viaggia, passa spesso e ti saluta fra una tappa e l’altra ma non ti fa mai mancare una bella cartolina da appendere sul frigo.

Ma non finisce qui, tutti coloro che ti vengono a far visita ti lasciano qualcosa, una piccola parte di loro che ti fa crescere perché senza i tuoi ospiti saresti solo una catapecchia in mezzo al bosco, ma sono loro che ti rendono l’unica e inimitabile Stamberga d’Inchiostro.

Grazie di tutto, Stamberga, e buon compleanno!

Carlo

Tanti auguri, piccola stamberga d’inchiostro!

May the Force be with you!
Precedente Old but gold: La cassa oblunga di Edgar Allan Poe (Leone Editore) Successivo Tea Time: Consigli di lettura per San Valentino