Tea Time: Tempo di libri 2018

 

Chiude con un totale di 97.240 biglietti staccati e presenze registrate (+ 60% rispetto al 2017) la seconda edizione di Tempo di Libri, la Fiera Internazionale dell’Editoria organizzata da AIE – Associazione Italiana Editori e Fiera Milano, nell’ambito di Milano Città creativa Unesco per la Letteratura. Fin dall’inaugurazione, alla vigilia delle cinque giornate, con la festa Incipit e le letture degli studenti, Tempo di Libri ha mostrato un volto giovane: 16 mila i bambini e ragazzi arrivati con le proprie classi per seguire incontri e cimentarsi nei laboratori.

 

Buona domenica lettori!

in questo ennesimo uggioso fine settimana ecco che finalmente trovo un pochino di tempo per scrivere un piccolo articolo sulla fiera appena terminata, Tempo di Libri 2018.

 

Cosa ne penso?

 

Premetto, purtroppo, che anche quest’anno sono arrivata parecchio impreparata al giorno della fiera, questo perché non era minimamente certo che riuscissi a fare un salto! Appena ho saputo che sarei potuta andare ero davvero al settimo cielo e non vedevo l’ora di rimmergermi in quella magica atmosfera. Per questo ho studiato all’ultimo gli eventi del fine settimana, anche se da questo punto di vista mi sono sembrati più allettanti e densi quelli dell’edizione precedente, ma è solo un parere personale, e comunque ho amato questa fiera! Sinceramente mi è sembrata organizzata molto meglio rispetto al primo anno, così a colpo d’occhio. È cambiata la location, dalla grande fiera milanese di Rho si è spostata in quella più contenuta cittadina, il Portello. Mi ha dato l’idea di essere molto meno dispersiva, più raccolta, quasi come se i visitatori stessero entrando in una grandissima libreria; tra colori, risate e attese sembrava di essere un pò tutti in sintonia, grazia alla passione per i libri.

 

Ho partecipato a qualche evento organizzato da Tempo di Libri?

 

No, purtroppo non ho partecipato a nessun evento organizzato direttamente dalla fiera. L’unico a cui mi sarebbe piaciuto assistere era quello dedicato alla mia squadra del cuore, anche se il calcio proprio posso dire che quasi non mi interessa, per cui nella mattinata ho fatto un giro al Cartoomics!
Invece, ho partecipato al firma copie Newton Compton, ed è stato davvero molto emozionante. Ho avuto la possibilità di conoscere e salutare Daniela Volonté e Lucrezia Scali, due autrici davvero dolcissime e gentili. Erano presenti tante altre autrici Newton, eravamo tantissime ragazze ad aspettare di incontrarle, lo stand era piacevolmente intasato.
La stessa attesa è stata molto bella, scambiare due parole riguardo ai libri letti con le altre ragazze. I sorrisi, i sorrisi mi hanno colpita molto perché tutte le persone avevano stampato in faccia un bel sorriso, l’aria era proprio carica di buon umore e positività!

 

Come è stata questa esperienza?

 

È stata un’esperienza davvero fantastica, anche se sono rimasta immersa lì solo poche ore rispetto a quanto avrei voluto in realtà.
Avevo progettato di girare in modo organizzato per non perdermi niente ma alla fine sono corsa da una parta all’altra lol. Gli stand delle piccole e grandi case erano super colorati ed invitanti, tutti gremiti di gente. Credo ci sia stata una risposta ancor più positiva da parte dei visitatori. Una delle cose che mi ha più colpita, oltre il buon umore generale, sono state la quantità di persone presenti all’evento. Purtroppo si dice che la passione per la lettura è molto di nicchia, soprattutto nella nostra epoca frenetica e digitale, ma non mi è sembrato essere così ed è stata una sensazione meravigliosa. So che organizzare e lavorare in una fiera è davvero faticoso, ma da visitatore mi piacerebbe ci fosse più spesso.

 

Mi auguro di vivere il prossimo Tempo di Libri ancora più intensamente perché è davvero una fiera unica. Per ora, essendo nella mia città, è anche l’unica fiera dell’editoria a cui ho partecipato, ma non escludo, anzi, spero di visitarne anche altre! In quelle poche ore ho avuto l’occasione di conoscere tante persone con la mia stessa passione, perché i libri sono sia una fuga dalla realtà ma possono rivelarsi anche un luogo d’incontro

 

P.S. Ho fatto tanti danni?

No, non ho acquistato molti libri :( Più che altro perché ero di corsa e volevo davvero visitare tutti gli stand, ma per me ho arraffato una copia di La forma dell’acqua di Daniel Kraus e Guillermo Dei Toro, edito da tre60. Non vedo davvero l’ora di riuscire a leggere questo romanzo, ho amato il film e sono sicura che il libro sarà ancora più bello! *.*

 

May the Force be with you!
Precedente Di ferro e d'acciaio di Laura Pariani | Recensione di Deborah Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #18