Let’s talk about: Gli altri di Margaret Peterson Haddix (HarperCollins)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Mistero ed intrigo sono gli elementi che caratterizzano il middle grade di oggi, “Gli altri. I segreti dei Greystone” di Margaret Peterson Haddix, pubblicato da HarperCollins e tradotto da Giulia Bertolo.

Data di uscita: 6 Giugno

Acquistalo subito: Gli altri

Editore: HarperCollins Italia
Età: Dai 10 anni
Genere: Libri per bambini
Illustrazioni: Anne Lambelet
Traduzione: Giulia Bertolo

Prezzo: € 15,00
Pagine: 390

I tre fratelli Greystone sono assolutamente convinti di sapere chi sono: Chess è l’eroe che difende i due fratellini a qualunque costo; Emma è la studiosa che ama la matematica; e Finn, il più piccolo, si limita a fare ciò che gli riesce meglio, cioè comportarsi da sciocchino e farsi amare. Sono sempre stati una famiglia felice, solo loro tre e la mamma. Ma tutto all’improvviso cambia quando sentono al telegiornale che tre ragazzini sono stati rapiti. Le analogie tra loro e quei perfetti sconosciuti sono a dir poco scioccanti: non solo il primo nome è lo stesso, ma persino il secondo è identico; e hanno anche la stessa età e la stessa data di nascita! Sono coincidenze che hanno dell’incredibile, e che li spingono a chiedersi chi siano davvero quei tre bambini. Prima che possano chiedere spiegazioni alla mamma, però, lei parte per un misterioso viaggio di lavoro e, dopo averli affidati alla signora Morales e a sua figlia Natalie, svanisce nei meandri di Chicago, lasciandosi dietro una scia di sconcertanti indizi che portano ad astrusi messaggi in codice, stanze segrete e a un mistero sconvolgente.

Una bizzarra coincidenza sembra aver segnato la vita di Margaret Peterson Haddix, autrice americana cresciuta nell’Ohio insieme ad altre due bambine con lo stesso nome e data di nascita. Quante probabilità ci sono che una cosa del genere possa capitare? Basse, molto basse. Eppure in qualche modo quel tipo di evento l’ha influenzata e spinta a costruire una storia per bambini degna di nota, ricca di mistero e con qualche sfumatura fantasy, il primo capitolo di una serie che non vedo l’ora di continuare a leggere: “Gli altri. I segreti dei Greystone”.

L’equilibrio precario della famiglia Greystone viene stravolto quando tre omonimi scompaiono dall’Arizona, tre bambini nati lo stesso giorno di Emma, Chess e Finn, notizia che sconvolge la loro madre, Kate, che da quel momento non è più la stessa. La paura piomba nelle loro vite come un secchio di acqua gelata e insieme a lei anche qualcos’altro, lo scrigno di Pandora ben custodito dalla madre che dopo la sua scomparsa viene aperto per trascinare i piccoli in qualcosa di completamente inaspettato. 

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Chess è sempre stato lo scudo e la spada mentre Emma la mente, il loro compito è quello di proteggere il fratellino più piccolo, Finn, ma quando la madre rischia di non tornare la speranza si affievolisce, la spada cade e la mente barcolla, ed è in quel momento che viene richiesto loro un atto di coraggio, affrontare la paura per venire a capo dei misteri lasciati dietro dalla loro madre, una lettera cifrata che soltanto loro sono in grado di leggere, la tanto temuta verità che sperava di non dover rivelare.

Sono rimasta colpita dal modo in cui l’autrice ha caratterizzato sia la storia che i suoi personaggi, Chess, Emma e Finn, i fratelli Greystone coinvolti in prima persona in una caccia all’enigma, dove la soluzione però non porta quel senso di appagamento semmai trasforma la verità in un brutto sogno ad occhi aperti che potrebbe privarli di ciò che hanno di più caro al mondo: la loro madre. Aiutati da Natalie questi tre ragazzini si dimostrano temerari per la loro età, talvolta imprudenti, ma mossi da un nobile desiderio di salvare la loro madre, dovunque lei sia.

Altro punto a suo favore è l’espediente narrativo, la scelta di creare due universi simili per dare alla sua storia quel qualcosa in più che per un momento mi ha ricordato Coraline, ma è stato solo un breve istanti poi l’autrice percorre da sola la sua strada, invita il lettore ad avventurarsi insieme ai suoi piccoli personaggi in un viaggio destinati a cambiarli, a renderli più forti passo dopo passo, mentre chi legge non aspetta altro che vedere il seguito per ritrovare il mistero, l’avventura e quella nota fantastica tipica dei romanzi di questo genere che sanno anche incantare.

«La logica non era mai parsa così crudele».

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di HarperCollins per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #46: Il giardino dell'Eden di Kaoru Fujiwara (Star Comics) Successivo Nomada di Francesca Maria Nespolo | Recensione di Deborah