Let’s talk about: Insieme a mezzanotte di Jennifer Castle (Il Castoro)

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

E oggi navighiamo controcorrente parlando di un romanzo per giovani adulti perfetto per l’atmosfera di questo mese, pubblicato da Il Castoro nella collana HotSpot: Insieme a mezzanotte di Jennifer Castle, con la traduzione di Laura Bortoluzzi.

Data di uscita: 25 Ottobre

Acquistalo subito: Insieme a mezzanotte

Editore: Il Castoro
Collana: HotSpot
Genere: YA, Contemporary, Romance
Traduzione: Laura Bortoluzzi

Prezzo: € 16,50
Pagine: 315

Durante le vacanze di Natale, Max e Kendall si ritrovano per caso a New York. Sono passati sei mesi dal loro primo bacio che entrambi considerano “un errore”, e molte cose sono cambiate. Lei è appena tornata da un semestre trascorso in Europa e desidera scappare dalla vita ordinaria che la aspetta a casa. Lui ha rimandato il college di un anno per amore della sua storica, ma ormai ex, ragazza, e non sa cosa fare della sua vita. Dopo avere assistito a un tragico incidente, Max e Kendall, logorati dal senso di colpa per non essere intervenuti, decidono di compiere sette atti di gentilezza verso persone sconosciute prima del nuovo anno, insieme. La sfida porterà i due protagonisti a fantasticare sulla vita degli altri e a riflettere sulla propria, e ad avvicinarsi sempre di più.

Dicembre è un mese magico, anche agli inizi si comincia a sentire l’imminente arrivo del natale ed è una cosa meravigliosa e contagiosa, trasforma ogni singolo elemento in qualcosa di più, si percepisce un’aria più leggera e allegra, per questo motivo il romanzo di cui vi parlo oggi è più che azzeccato, incarna lo spirito dell’inverno. Come se non bastasse lancia dei messaggi importanti, uno di questi è la gentilezza, ma soprattutto permette ai giovani di immedesimarsi con i personaggi di Jennifer Castle, di aiutarli durante la difficile transizione tra l’adolescenza e l’età adulta.

La vita si sa è complicata, difficile, nessuno ha una formula per renderla facile e regalare a tutti noi la felicità, come ogni cosa è fatta di scelte e sono queste che danno la possibilità di crescere, e come J.K. Rowling ci ha insegnato, anche fallire è un’esperienza utile, per questo motivo  non bisogna mai avere paura di sbagliare, ma è importante che si impari dallo sbaglio, che si capisca come migliorarsi e trovare la propria strada.

In questo Kendall e Max, le due colonne portanti di questo romanzo, ci mostrano in maniera tangibile quanto sia difficile trovarsi a un bivio e non sapere da che parte andare. La prima appena tornata dall’Europa si ritrova a dover “recuperare” il vuoto lasciato dalla sua assenza, cercando di immergersi a capofitto in qualsiasi cosa possa aiutarla a dimenticare e se questo significa passare nuovamente per la friendzone, è pur sempre “meglio” di fare i conti con ciò che la circonda. Jamie, amico di Max, è il ragazzo di cui è innamorata ma il suo amore non è ricambiato, eppure, ciò nonostante, al cuore non si comanda. 

Dall’altra parte abbiamo Max, la sua vita non è semplice, all’inizio prendersi una pausa dagli studi gli  è sembrata una buona idea per poter trascorrere più tempo con la sua cotta storica, eppure, a lungo andare, si è reso conto di aver dato per scontato molte cose, come il peso di ciò che si è lasciato alle spalle e quello delle sue emozioni, sempre più contrastanti ora che comincia a fare i conti con il mondo.

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

Dopo aver assistito a un brutto incidente nel quale una giovane ragazza, Luna, viene coinvolta, Kendall e Max capiscono che la vita, a volte, dura un attimo, un singolo evento può cambiarla o peggio rovinarla, in un solo e misero istante. È questo che spinge entrambi a riflettere sul senso stesso della vita e non di quella che ci propone il grande schermo, una distorta oasi dove vissero tutti felici e contenti, e una cameriera, Erica, in quello che potrebbe sembrare un folle gesto, li sfida a compiere sette atti di gentilezza prima dell’inizio del nuovo anno.

Sette atti di gentilezza possono davvero fare la differenza? La risposta è sì. Che sia uno o cento, ogni singolo gesto spontaneo può davvero fare la differenza. Sembrerà strano perchè il primo pensiero è la diffidenza, il pensare che dietro ci possa essere qualcosa di più a intimorire, ma a volte non tutti sono in mala fede, ci sono persone che nel loro piccolo ogni giorno fanno la differenza, senza chiedere o ricevere nulla in cambio.

Jennifer Castle in maniera molto semplice dimostra che la gentilezza può migliorare una persona, nel suo caso, due, Max e Kendall, attraverso la loro sfida crescono, inciampando, barcollando, ma arrivando fino alla fine. Due vite totalmente differenti si snodano attraverso le pagine di questo romanzo, mostrando il lato positivo e anche quello negativo di quello che significa vivere, portando i suoi protagonisti ad affrontare tutti quegli ostacoli che rendono tangibile la vita di tutti i giorni.

Per gli appassionati del genere questo non potrà che essere un nuovo tassello di cui invaghirsi, un romanzo che nonostante le sue piccole imperfezioni funziona e che scorre, trasformando la lettura in un piacere, grazie anche alla suggestiva ambientazione: New York, d’inverno. 

La gentilezza non dovrebbe essere sottovalutata, è un dato di fatto, ma Jennifer Castle ci mostra anche quanto sia difficile provare a compiere una buona azione quando c’è così tanta diffidenza e indifferenza nel mondo. È questo uno degli aspetti che più mi ha colpita, vedere il contrasto fra l’atmosfera magica che si respira tra le pagine e il caos delle vite delle voci che popolano questo romanzo, diverse, che aiutano il lettore a conoscerle meglio e a calarsi nei loro panni, vivendo assieme a loro queste disavventure.

Insieme a mezzanotte è anche il titolo dell’opera che Kendall sta scrivendo, un augurio sincero per se stessa e la persona che impara a conoscere percorrendo a passo svelto la lunga strada della vita.

“Quindi al momento, e nella mia vita in generale, non so dove andare né cosa fare. In attesa di scoprirlo, affretto il passo e fingo di avere la risposta certa sia all’una che all’altra domanda.”.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa de Il Castoro per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Fermento di luglio di Erskine Caldwell | Recensione di Deborah Successivo Let’s talk about: Peacock di Michael Lander