Let’s talk about: Madelief di Guus Kuijer (Camelozampa)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Il protagonista di oggi è il romanzo di Guus Kuijer, “Madelief. I grandi, buoni giusto per farci il minestrone”, pubblicato da Camelozampa, con la traduzione di Valentina Freschi.

Pagine: 188

Acquistalo subito: Madelief. I grandi, buoni giusto per farci il minestrone

Editore: Camelozampa
Collana: I peli di gatto
Traduzione: Valentina Freschi
Illustrazione: Marta Baroni
Genere: Libro per bambini
Età: Da 7 anni
Data di uscita: 27 Settembre 2018

Prezzo: € 13,90

Torna Madelief, l’irresistibile ragazzina protagonista della celebre serie creata da Guus Kuijer. Questa volta, Madelief si è appena trasferita insieme alla mamma in una nuova città. Ad attenderla troverà una misteriosa casa abbandonata, il tesoro di un brigante e un nuovo amico. Le avventure della Pippi Calzelunghe olandese, raccontate con umorismo, sincerità e uno sguardo disincantato al mondo degli adulti.

Dopo “Madelief. Lanciare le bambole” Camelozampa porta in Italia un’altra avventura della Pippi Calzelunghe olandese, Madelief, che in questo vivace racconto intitolato “I grandi, buoni giusto per farci il minestrone” ci mostra la piccola protagonista alle prese con una situazione nuova: il trasferimento in un’altra città.

Per Madelief cambiare città è una situazione sgradevole, significa doversi lasciare alle spalle amici e tutto ciò che conosceva, si ritrova quindi catapultata in una nuova dimora tra scatoloni ammassati e mille cose da fare per rendere la nuova abitazione vivibile. Una situazione al dir poco caotica, grigia, ma l’arrivo di Mieke, la babysitter, aggiunge un po’ di brio e qualche nota di colore alla tristezza della bambina. 

A volte una situazione sgradevole può trasformarsi anche in qualcosa di positivo, per Madelief il trasferimento la porta ad incontrare Robbie, un piccolo “brigante” che diventerà il suo amico più fidato. Guidati dal potere più potente che un bambino possa avere a disposizione, l’immaginazione, i due viaggeranno per terre lontane e vivranno mille avventure in un’estate spensierata dove non c’è alcuna fretta di crescere.

Allo stesso tempo però la spensieratezza dell’estate si scontra con il complicato mondo degli adulti, rappresentato dalla madre della protagonista e filtrato dagli occhi di Madelief, che si rende conto del divario che esiste fra l’essere bambini e vestire i panni dei più grandi, sempre di fretta e con un solo pensiero fisso, lavorare, lavorare e lavorare. 

Devo dire che uno dei punti forti di questo romanzo è lo stile di Guus Kuijer, autore pluripremiato, che con ironia e spontaneità ci racconta il mondo visto dal punto di vista di una bambina vivace, Madelief, personaggio che mette allegria con le sue rocambolesche avventure e la sua disarmante sincerità. Le illustrazioni di Valentina Freschi, invece, riescono a distillare la personalità sgargiante di Madelief dall’inizio alla fine, accompagnando la lettura con disegni dal tratto vivace e solare.

“Madelief. I grandi, buoni giusto per farci il minestrone” è senza ombra di dubbio la medicina ideale contro il malumore, ne basta anche solo un assaggio per portare via ogni tipo di tristezza.

“Ascolta il silenzio sgradevole attorno a lei. Non ha voglia di niente. All’improvviso non vuole più diventare grande. Sempre a guadagnare soldi. Bella roba. I grandi”.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Camelozampa per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: Il museo delle esperienze meravigliose di Paolo Fumagalli Successivo Flaneur di Caterina Sbrana | Recensione di Deborah