OLD BUT GOLD: Dracula di Bram Stoker

 

Voi credete nel destino? Che persino i poteri del tempo possono essere alterati per un unico scopo? L’uomo più fortunato che calpesta questa terra è colui che trova il vero amore.

Dracula

 

 

Editore: Feltrinelli Editore
Data di uscita: 2015
Pagine: 535
Prezzo: 9.50 €

“State a sentirli, i figli della notte! Questa è la loro musica!” “Basta l’inizio: con questo Jonathan Harker, procuratore legale in quel di Exeter, che arriva in Transilvania, e si trova immediatamente avvolto in un clima di mistero e di scongiuri, fino a che di notte, tra lontani lupi che ululano e cavalli dalle narici infuocate, arriva in un castello dove un signore vestito di nero, dagli occhi troppo rossi e dai denti troppo bianchi… e il gioco è fatto! Impossibile uscire da quel clima, impossibile allentare la tensione, e non seguire con ansia partecipe la sorte di quei personaggi. Perché, bene o male, questo dandy dalla tetra figura ci attira e ci spaventa al tempo stesso (come tutto ciò che è peccato o che ci fa ingrassare); perché Mina diventa l’oggetto di tutte le nostre preoccupazioni; perché del professor Van Helsing sposiamo l’indefessa fede nell’inconoscibile e nel mistero, e la sua integerrima crociata contro il Maligno; perché la schermaglia tra Dracula che architetta il suo ritorno a casa e gli altri che ne svelano a una a una le mosse finisce con l’appassionarci e con il coinvolgerci come per una partita a scacchi; fino allo strepitoso finale, quando le tre diverse pattuglie dei ‘cacciatori’ convergono, con un ritmo che ricorda quasi lo stretto di una fuga per organo o l”arrivano i nostri’ dei migliori film western, a sbarrare al Vampiro la strada verso il castello della sua sicurezza.” (dalla Prefazione di Luigi Lunari).

 

Difficile riuscire ad attribuire a scatola chiusa questa citazione forte e romantica al malvagio Conte della Transilvania, invece si tratta proprio del vampiro più famoso di sempre, Il Vampiro per eccellenza: Dracula di Bram Stoker. È ora di prendere paletta e scopina per spolverare un grande classico in libreria, Dracula, uno dei romanzi gotici più famosi e apprezzati di sempre, affascinante, suggestivo e misterioso, è uno dei primi libri ad avere come protagonista la figura del vampiro. Io, fin da quando ero ragazzina, sono completamente innamorata di questi personaggi mitologici, infatti il mio primo grande amore è stato Spike di Buffy! Ho letto molto, guardato diverse serie tv e film dedicati ai vampiri, alcune rappresentazioni mi sono piaciute e altre decisamente no; leggere Dracula è una meravigliosa tappa “obbligata” per gli appassionati del genere.

 

 

Nel 1890 l’avvocato londinese Johnatan Harker si reca in Transilvania per curare l’acquisto di una suntuosa proprietà nella capitale inglese da parte di un ricco conte del luogo. Harker intraprende un lungo viaggio per raggiungere il castello del nobile incastonato tra le montagne dell’est Europa; durante il tragitto incontra diverse persone e tutte, appena scoprono da chi è diretto, fuggono inorridite e cercando di dissuaderlo dal raggiungere la dimora di Dracula. Johnatan Harker non si fa intimidire dalla superstizione e dal folklore locale, giunge senza troppe preoccupazioni al castello del conte, viene accolto con rispetto nell’imponente e sinistra dimora. I primi giorni trascorrono abbastanza tranquilli, ma Harker ci mette davvero poco a capire che le persone incontrate durante il cammino avevano ragione ad essere terrorizzate da Dracula, nel castello si annida qualcosa di malvagio e violento. Johnatan inizia a notare le stranezze che gravitano attorno al conte, ad esempio non vede mai l’anziano mangiare, risulta reperibile solo al calar del sole e la sua immagine non viene mai riflessa dagli specchi; tutte caratteristiche che lo portano a scoprire la verità. Il conte Dracula è un essere malvagio, un vampiro che si ciba del sangue degli esseri viventi, prosciugandoli lentamente della loro linfa vitale fino ad ucciderli.

 

Johnatan si mette in contatto con la sua futura sposa tramite delle lettere, in cui non le rivela la gravità della situazione per paura che siano intercettate da Dracula. Il gradevole soggiorno per concludere un affare si trasforma per lo sfortunato avvocato in prigionia, Harker con estrema cautela inizia a progettare la fuga. Nel frattemo la promessa sposa Mina da Londra si trasferisce a Whitby da una sua cara amica, Lucy , inconsapevole di andare nella tana del lupo. A proposito di lupo, in una notte di tempesta approda nel porto di Whitby una strana nave senza ombra di equipaggio, il cui capitano viene ritrovato morto legato saldamente al timone; si vocifera che dall’imbarcazione sia sceso un feroce lupo. Poco dopo il fatto Lucy inizia ad essere molto strana, debole e emaciata, Mina nota degli strani segni sul collo dell’amica, qualcosa di oscuro è arrivato quella notte. Nel frattempo Harker riesce ad evadere dal castello e far ritorno a Londra dove finalmente sposa la sua Mina. La situazione di Lucy è sempre più critica, impotente davanti al deperimento dell’amata il suo futuro sposo, il dottor Seward, si rivolge al proprio insegnate l’olandese Abraham Van Helsing; il medico è anche un intenditore di occulto. Nonostante le pronte trasfusioni Lucy muore, Van Helsing capisce che il suo corpo a breve si trasformerà in vampiro per cui trafigge il cuore della morta con un paletto. L’ira del conte Dracula continuerà a mietere vittime, la prossima a cadere sarà Mina che verra trasformata in vampira per restare a fianco del conte per l’eternità. Straziati dalla nuova perdita il gruppo deciderà di dar la caccia a quel flagelli infernale per rispedirlo tra le fiamme, una caccia spietata fino in Transilvania.

 

Il romanzo è scritto sotto forma di diario tenuto dai personaggi, nonostante questa scelta particolare la narrazione è molto fluida e connessa, non ci sono sensi di vuoto o di incoerenza. L’unica pecca a mio parere è il poco approfondimento del conte Dracula, nonostante sia il protagonista che da il nome all’opera rimane sempre un personaggio fumoso ed evanescente. Dracula fa le sue fugaci apparizioni, non entriamo mai nei suoi pensieri, non viene approfondita la sua storia e come sia divenuto un vampiro, non sappiamo quasi niente di lui, ed è un vero peccato perché è il personaggio più affascinante. La lettura è comunque molto piacevole, molto descrittiva ma scorrevole, Dracula è un grande classico da non perdere.

 

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Review Party: Il guanto di Re Mida di Nicolò Marino (BookRoad) Successivo The Whispering room: L'inviato di Cesare di Andrea Oliverio