Paper Voices: Tutte le volte che ho scritto ti amo di Jenny Han (Audiolibro)

Instagram: @lastambergadinchiostro

Jenny Han vive a Brooklyn. Per Piemme ha pubblicato anche la trilogia bestseller che comprende L’estate nei tuoi occhi, ora una serie originale Amazon Prime Video, Non è estate senza te e Per noi…

Editore: Fabler Audio
Data di uscita:  2022
Durata: 09 ore e 05 minuti
Prezzo: 17.99

Lara Jean ama le collezioni. La sua collezione preferita è quella delle lettere d’amore che ha scritto e mai spedito ai suoi cinque più grandi amori, tra cui Josh. L’unico problema è che Josh è anche il ragazzo di sua sorella… Un giorno, all’inizio del terzo anno di liceo, scopre che tutte le sue lettere d’amore sono state spedite. E quel che è peggio, ricevute! Improvvisamente, la sua vita diventa molto complicata, ma anche molto, molto più interessante…

 

 

Cari lettori,
il cielo è grigio e denso, perfetto per sorseggiare una fumante tazza di tè, sceglierei una miscela non intensa dal sapore floreale e delicato, proprio come si è rivelato l’ascolto dell’audiolibro di Tutte le volte che ho scritto ti amo di Jenny Han.

Devo ammettere che per me è stata la prima esperienza con un audiolibro, ne ho sentito tanto parlare, ero molto incuriosita ma non avevo ancora deciso di buttarmi su questo modo alternativo di leggere. Cosa è riuscito a smuovermi? Il romanzo! Anche in questo caso non avevo ancora approfondito la storia di Jenny Han, la conoscevo un pochino da lontano, sapevo che è disponibile anche un film su Netlifx ma non mi ero mai avvicinata. Dato che negli ultimi mesi sono tornata ad apprezzare le letture romantiche, leggere e frizzanti ho capito che era il momento giusto di tuffarmi nel mondo degli audiolibri partendo proprio da una lettura del genere.

Il primo approccio ve lo confesso è stato un po’ strano, non in senso negativo ma avevo necessità di adattarmi e abituarmi a questa nuova esperienza di lettura. Per me questa novità è stata a dir poco positiva, mi è piaciuta tantissimo la lettura e l’interpretazione di Yeda Kim, ho trovato la sua voce perfetta per interpretare Lara Jean, la protagonista; mi sono piaciuti tanto anche i diversi toni e le diverse interpretazioni degli altri personaggi, sia maschili sia femminili di diverse età. In generale la storia mi è piaciuta, credo di esserne rimasta così coinvolta proprio grazie al formato audiolibro e alla voce di Yeda Kim, diversamente non penso che avrei scelto di leggere questo romanzo dato che si tratta di una storia romantica molto young adult, un po’ lontana ormai dalla mia età.

 

 

Tutte le volte che ho scritto di amo di Jenny Han è stato il perfetto primo approccio per me agli audiolibri e contemporaneamente il formato audiolibro è stato per me il miglior modo per tuffarmi nel romanzo della Han; ora proseguirei davvero volentieri la serie dedicata a Lara Jean, ovviamente in formato audiolibro e sono molto tentata di vedere anche il film.

Tutte le volte che ho scritto ti amo è un romanzo molto dolce; la protagonista, Lara Jean, mi è piaciuta molto, non mi è sembrata una figura stereotipata come spesso accade nei romanzi romantici, è una ragazza simpatica e genuina, molto bizzarra e sempre con la testa tra le nuvole proprio fino alla fine del romanzo. Il focus su cui si basa il romanzo è divertente, Lara Jean custodisce in un luogo privato le lettere d’amore che scrive e indirizza ai ragazzi che le hanno fatto battere il cuore per dirgli addio, un giorno queste lettere spariscono e vengono misteriosamente spedite. Molte raggiungono i destinatari, ed è così che la vita tranquilla della protagonista in un attimo diventa molto movimentata e interessante, Lara Jean scoprirà molte novità su di sé e sulle persone che la circondano.

Tutte le volte che ho scritto ti amo è riuscito a coinvolgermi e intrattenermi, merito della trama molto carina ma soprattutto dell’interpretazione Yeda Kim, la sua lettura è un grande valore aggiunto al romanzo di Jenny Han.

 

 

 

 

Disclaimer: si ringrazia Fabler Audio per l’audiolibro in omaggio

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente #proiettilidicarta: Il triciclo rosso di Vincent Hauuy Successivo Il ritorno del soldato di Rebecca West | Recensione di Deborah