Release Day: Cambio di rotta di Elizabeth Jane Howard (Fazi Editore)

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

Finalmente è arrivato il giorno! Oggi sbarca in tutte le nostre librerie il romanzo di Elizabeth Jane Howard, Cambio di rotta, pubblicato da Fazi Editore e tradotto da Manuela Francescon.

Pagine: 450

Acquistalo subito: Cambio di rotta

Editore: Fazi Editore
Collana: Le strade
Traduzione: Manuela Francescon

Data di uscita: 6 Settembre
Prezzo: € 18,50

Emmanuel e Lillian Joyce sono una coppia di mezz’età appartenente all’alta borghesia londinese ebraica e cosmopolita. Lui è un drammaturgo di successo, lei è una donna fragile, più giovane del marito, raffinata e mondana. A mediare tra i due, il manager tuttofare Jimmy Sullivan. I Joyce conducono una vita da girovaghi: Londra e New York per il lavoro di Emmanuel, ma anche frequenti vacanze in varie località sul Mediterraneo. Emmanuel tradisce Lillian con molta disinvoltura, con le giovani attrici e le segretarie che subiscono il suo carisma. Complice anche l’abile lavoro di Jimmy, Lillian ignora le infedeltà del marito e conduce una vita ovattata. Quando c’è bisogno di una nuova segretaria, entra in scena Alberta, una ragazza molto giovane e ingenua che proviene da una numerosa famiglia di campagna. Alberta si ritrova catapultata all’improvviso in un mondo a lei del tutto nuovo. Mentre i due uomini cominciano a subire il fascino semplice della ragazza e Lillian inizia a temere che Alberta diventi la prossima amante di suo marito, l’irrequieto quartetto si trasferisce su un’isola greca, dove le dinamiche fra i quattro personaggi prenderanno una piega inaspettata….

“Non conosco solitudine come quella del giorno in cui lascio un paese. Quando parto, mi piacerebbe potermi struggere dal dolore della separazione e assaporare nel contempo l’emozione di una nuova avventura.”

Sembra quasi che per una volta il karma mi abbia dato un po’ di tregua, qualsiasi sia l’allineamento strano dei pianeti spero resti così, almeno posso godermi letture interessanti in santa pace.

Oggi vi parlo di una delle ultime letture, il romanzo di Elizabeth Jane Howard, Cambio di Rotta, che ho avuto modo di leggere in anteprima, facendomi così un’idea ben precisa su quest’autrice che nel bene o nel male non posso smettere di amare.

Source: Pinterest

Su di me la sua prosa ha un effetto ipnotico, qualunque cosa accada fuori è un eco di fondo, l’importante è scoprire come andrà a finire la storia e questo è un bene, significa che il suo stile resta intrigante, capace di coinvolgermi nella lettura e deliziarmi con le sue storie.

Cambio di Rotta conferma quelle che erano le mie impressioni sulla Howard, che in questo romanzo si rivela ancora più metodica nello scavare a fondo nei suoi personaggi e nei loro legami, drammi che si riversano su chi legge come un’onda sospinta dal vento, l’acqua che si infiltra in tutte le insenature, scavando poco a poco la roccia e levigandola.

Penso sia normale essere di parte quando un autore ti colpisce in maniera positiva, ma è anche vero che non tutte le ciambelle escono col buco, fortunatamente con quest’autrice mi trovo a mio agio a conoscere tutti i delicati meccanismi che compongono ogni sua storia e resto sempre colpita da come basti un movimento sbagliato per far crollare tutto.

Lo abbiamo visto anche in “All’ombra di Julius” come un’assenza possa irrompere nella vita dei personaggi distruggendo ogni cosa ci sia lì intorno e ora lo rivediamo anche qui, il fantasma di una figlia perduta tiene ancorata al passato Lillian Joyce, allontanandola sempre di più da suo marito, Emmanuel, e quest’ultimo si serve di questo dolore quasi come giustificazione alla sua infedeltà.

Dall’altra parte abbiamo Jimmy, manager tuttofare e amico di Emmanuel, sempre pronto ad aiutare la coppia a restare unita, anche se significa nascondere lo sporco sotto lo zerbino e infine c’è Alberta, una giovane ragazza che viene assunta come segretaria e poco dopo si ritrova a rivestire i panni da attrice.

Source: Pinterest

Quattro personaggi si svelano ai nostri occhi mostrandosi per quello sono, camaleonti che cercano di sopravvivere, che si mimetizzano per uniformarsi al loro mondo che li vuole all’apparenza perfetti e sempre all’altezza delle situazioni in cui si trovano. Ma è questo il punto, loro non sono perfetti e l’arrivo di Alberta cambia ogni cosa, mette su un piano diverso quelle che fino ad allora erano state le loro vite, soppesandone le parti buone e dimenticate con quelle frivole e viziose.

Tutto questo accade durante il soggiorno in una favolosa isola greca, dove i problemi del mondo, il caos della vita di coppia e quello della vita mondana non possono arrivare, tutto sembra scivolare via trascinato dal mare, persino le loro maschere e ciò che resta è la loro vera essenza, il loro vero io, quello sepolto da anni di menzogne e rabbia repressa.

È straordinario come l’autrice passi al microscopio ogni dettaglio della vita di queste quattro persone, passando da uno all’altra con disinvoltura e precisione, mirando nei punti scoperti e facendone un appiglio per tirare fuori tutto ciò che viene celato, buttato giù nero su bianco.

Un’altra prova concreta dell’abilità dell’autrice sta nel fatto che nessuno dei personaggi è il mio preferito, è riuscita a fare in modo che la mia attenzione non venisse attirata da nessuno per poterla focalizzare su tutte le vicende, senza farmi influenzare dalle mie preferenze. Probabilmente è proprio in questo che si nasconde il magnetismo di questa donna, nella capacità di indirizzare lo sguardo del lettore esattamente su ciò che ritiene importante.

“Cambio di rotta” è ciò che accade quando qualcosa si rompe, quando i suoi cocci si riversano a terra e si frantumano in mille pezzi, con l’assoluta necessità di ricomporli in qualcosa di nuovo.

“La sostanza delle stelle non era l’oro, ma l’argento: erano appuntite e asciutte, tali che se le raccoglievi tutte insieme con la mano formavano una massa d’incomparabile splendore, e l’aria intorno era tiepida, come piume sulla pelle.”

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Fazi Editore per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: C'è ancora odore di cuore di Manuela Minelli Successivo BLOGTOUR: Lo scontro. Minecraft di Tracey Baptiste - Recensione