The Whispering room: I Volti dell’Inganno di A. Manneschi e D. Cella

Oggi vi presento il primo volume della saga dark fantasy “Sinfonie del Sole e della Luna“, I Volti dell’Inganno di Alessio ManneschiDaniele Cella.

20 Ottobre

Acquistalo subito: I Volti dell’Inganno

Editore: Self Publishing
Genere: Dark Fantasy

Prezzo: € 0,99 | € 11,99
Pagine: 394

In vista della celebrazione di un matrimonio fra reali, i clan dell’Impero si ritrovano nel palazzo imperiale, dove il Principe Isao sposerá la mite Ren, secondogenita del clan Nari. Per la prima volta da tanti anni, i clan sono riuniti in pace…finché non accade l`imprevedibile. 

Sotto l`influsso di una luna scarlatta, tradimenti celati tra le ombre vengono alla luce. Macchinazioni ingannevoli prendono forma. Creature misteriose, anime sventurate, eroi impavidi, sicari astuti, e figure dal passato oscuro danno vita ad una trama di eventi cui nemmeno la Sacra Triade puo` porre un freno. 

Potrá l`Impero essere sottratto alle mani di cospiratori disposti a uccidere pur di averlo? O cadrá in loro potere per sempre?

Ho avuto il piacere di rivolgere qualche domanda a uno degli autori, Alessio Manneschi, che mi ha raccontato qualcosa di più sulla saga, questo primo volume e qualcosa su di lui. Siete pronti a leggere l’intervista? Buona lettura!

  • Come nasce l’idea de “I Volti dell’Inganno”?

I Volti dell’Inganno nasce di per sé per una grande amicizia che c’è fra me e Daniele. Senza questa non sarebbe mai esistito il romanzo e senza questa amicizia sarebbe stato difficile completare il libro, scrivere a quattro mani è molto difficile bisogna avere molta affinità.

Le sinfonie del sole e della Luna sono il frutto delle nostre esperienze, delle nostre letture, delle nostre passioni. In questo ci sentiamo molto nerd, molte passioni che abbiamo sono in comune, vedi il fantasy, la lettura, il gioco di ruolo, videogiochi. Creare i Volti dell’Inganno per noi è stato molto naturale, non dico semplice assolutamente, abbiamo avuto molte difficoltà. Ma quando lavoravamo a “tavolino” al progetto, posso dirti che le cose venivano fuori da sé, naturali. La storia stessa si creava “da sola”.

 

  • Com’è stato lavorare con un’altra persona, in questo caso l’altro autore del romanzo, Daniele Cella?

Molto bello, senza alcun dubbio molto bello. Bisogna avere molta affinità, ma ripeto, l’amicizia è stata fondamentale. Senza di essa il progetto non si sarebbe mai concluso.

Con questo non voglio dire che sia stato facile. Abbiamo avuto le nostre divergenze, come naturale che sia, ma le abbiamo affrontate con maturità.

 

  • Raccontaci un po’ dei personaggi. C’è qualcuno che ti assomiglia o è il tuo opposto?

È difficile parlare dei propri personaggi senza sembrare un po’ folle. I personaggi li sentiamo tutti un po’ nostre creature, quando parliamo di loro fra noi lo facciamo come se fossero li assieme a noi, con noi.

Sinceramente non mi rivedo in nessuno di loro. È vero che per noi è il primo romanzo fantasy, ma è anche vero che di storie ne abbiamo scritte tante, (anche grazie al Gdr) e di personaggi ne nati molti.

In questo romanzo ve ne sono diversi, sono legato a tutti loro, se proprio devo sceglierne uno, dico Hadjia, ma lei non ha molto del mio carattere. Dico lei perché è quella che ci ha dato più problemi. Lei è la più complessa, quella che ha una moralità tutta sua che deve ancora definire visto la sua giovane età.

Parlare di tutti loro non è semplice, il principe Isao con i suoi valori di onore e giustizia. Il giovane Rakesh che vuole fuggire dalla città prigione di Iskawan, una città avvolta nell’oscurità, dove non filtra mai il sole.

La schiava Celty e la sua grinta che non si piega mai a nessuno.

L’imperatore Saemon con i suoi segreti, la sensuale Yuna, la giovane Ren o l’enigmatico Ranbelt. Tutti loro sono importanti per noi, in realtà la storia l’hanno scritta loro stessi e continueranno a scriverla loro.

 

  • “I volti dell’inganno” è il primo volume della saga dark fantasy “Sinfonie del Sole e della Luna”, quanti volumi sono previsti e li state già scrivendo?

Il numero di volumi dovresti chiederlo ai nostri personaggi visto che sono loro a scrivere la storia. Comunque in realtà il progetto nasce come una trilogia, anche se scrivendo il primo libro e anche il secondo (che non è concluso) ci siamo resi conto che si sono aperte diverse storie da approfondire. Non vogliamo darci dei limiti.

 

  • La tua fonte d’ispirazione è la musica, quanto influisce anche nella stesura dei tuoi romanzi?

Molto, serve per concentrarmi, per uscire fuori dalle situazione di stallo. Per entrare meglio nei personaggi e nei loro pensieri. La musica è la composizione di note in armonía fra loro, stessa cosa deve avvenire con le parole, devono avere un armonía, il testo deve “suonare”.

 

  • Un romanzo che ti ha avvicinato alla lettura?

Ho iniziato con I ragazzi della Via Pal, poi ho letto un po’ di tutto. Sono un amante del thriller, adoro King, poi per il fantasy ho letto Eddings, Brooks, Robin Hobb, ma il mio preferito è Martin che presi per caso vent’anni fa.

 

  • Hai sempre sognato di diventare uno scrittore? Come nasce la tua passione per la scrittura?

No assolutamente no, ma in realtà io non mi definisco uno scrittore. Io amo leggere, amo scrivere, l’ho sempre fatto per me stesso.

 

  • Un consiglio per chi vuole intraprendere la carriera di scrittore?

Non posso dare consigli, adesso posso solo riceverne.

 

Alessio Manneschi è un autore italiano. Cresciuto a Roma, si è stabilito in Umbria dieci anni fa, all’età di 27 anni. Ha studiato Scienze Politiche all’Università la Sapienza di Roma. Amante del cosplay in ogni sua forma, Alessio ha organizzato il primo Supernova Cosplay Contest in Umbria. Si diletta a scrivere canzoni, e ha coniato parole per tracce quali “Il ricordo che non c’è”, “La vità è un sogno” e “Mia città” tra il 2013 e il 2016, stesso periodo in cui arriva a competere nella top100 italiana del Texas Hold’Em Poker. La musica è la sua prima fonte di ispirazione, ed il suo cantante preferito e maestro di vita è Claudio Baglioni. Tra i passatempi di Alessio ci sono i videogiochi, le serie tv, e le passeggiate nella natura. È un accanito sostenitore dei diritti per gli animali, e ricorda sempre con affetto il suo caro gatto Billy. Positivo e paziente per natura, Alessio ama vivere ogni singolo momento e concentrarsi sul presente. Pertanto, ha fatto della canzone “La vita è adesso” il proprio motto. Collaborando con l’amico Daniele Cella, Alessio ha dato vita nel 2018 al suo romanzo di debutto, I Volti dell’Inganno, primo libro della saga fantasy Sinfonie del Sole e della Luna. 

Il primo volume della “Sinfonie del Sole e della Luna” è disponibile su amazon.

 

 

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: I grandi classici riveduti e scorretti (Longanesi) Successivo Close-Up #5: L'origine delle tenebre di Franco Trentalance e Gianluca Versace