Amore a prima copertina – Cover Love #38


Rubrica ideata da l’Atelier dei Libri

 

Amore a prima copertina #38

OLD BUT GOLD EDITION

 

Quando si tratta di copertine potrei impazzire, non si giudica un romanzo dalla copertina ma l’occhio sappiamo bene che vuole la sua parte! Questa puntata è dedicata ad un grande ed intramontabile classico, uno di quelli che ho amato di più: Cent’anni di solitudine di Gabriel García Márquez.

 

 

 

 

 

“Ma la sua buona intenzione fu frustrata dall’inflessibile intransigenza di Rebeca, alla quale erano stati necessari molti anni di sofferenza e di miseria per conquistare i privilegi della solitudine, e non era disposta a rinunciarvi in cambio di una vecchiaia turbata dai falsi incanti della misericordia.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Amaranta pensava a Rebeca, perché la solitudine le aveva selezionato i ricordi, e aveva incenerito gli intorpidenti mucchi di mondezza nostalgica che la vita aveva accumulato nel suo cuore, e aveva purificato, magnificato e eternizzato gli altri, i più amari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erano le ultime cose che rimanevano di un passato il cui annichilamento non si consumava, perché continuava ad annichilarsi indefinitivamente, consumandosi dentro di sé stesso, terminandosi in ogni minuto ma senza terminare di terminarsi mai.

 

 

 

 

 

 

 

 

Intuí che egli non aveva fatto tante guerre per idealismo, come tutti credevano, né aveva rinunciato per stanchezza alla vittoria imminente, come tutti credevano, ma che aveva vinto e perso per lo stesso motivo, per pura e peccaminosa superbia. Arrivò alla conclusione che quel figlio, per il quale lei avrebbe dato la vita, era semplicemente un uomo interdetto all’amore.

 

 

 

 

 

 

 

 

In quella Macondo dimenticata perfino dagli uccelli, dove la polvere e il caldo si erano fatti così tenaci che si faceva fatica a respirare, reclusi dalla solitudine e dall’amore e dalla solitudine dell’amore in una casa dove era quasi impossibile dormire per il baccano delle formiche rosse, Aureliano e Amaranta Ursula erano gli unici esseri felici, e i più felici sulla terra.

 

 

 

 

 

 

Alla prossima Cover Love!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente The whispering room: Cuore di Tufo di Giuseppe Chiodi Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #30