Amore a prima copertina – Cover Love #64


Rubrica ideata da l’Atelier dei Libri

 

Amore a prima copertina #64

HARRY POTTER EDITION

Quando si tratta di copertine potrei impazzire, non si giudica un romanzo dalla copertina ma l’occhio sappiamo bene che vuole la sua parte! Oggi protagonista di questa nuova pioggia di cover è Harry Potter e la pietra filosofale. Ogni primo settembre ho sempre la speranza che un gufo riesca a recapitarmi la mia lettera di Hogwarts, ma anche questa volta qualcosa non ha funzionato, sarà per l’anno prossimo!

 

 

Non c’è proprio storia, la prima copertina è quella di cui sono realmente innamorata! Ricordo che da piccola non mi faceva impazzire, e ancora non capisco bene come mai è stato scelto un topo, ma l’amore che mi lega a questo romanzo è nato così.

 

«Benvenuti a Hogwarts. Dunque, fra qualche minuto varcherete questa soglia e vi unirete ai vostri compagni, ma prima che prendiate posto verrete smistati nelle vostre case. Sono Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde. Per il tempo che starete qui, la vostra casa sarà la vostra famiglia: i trionfi che otterrete le faranno guadagnare punti e ogni violazione delle regole le farà perdere punti. Al fine dell’anno, alla casa con più punti verrà assegnata la Coppa delle Case
#Minerva McGranitt

 

 

Questa versione nonostante sia molto più pertinente non mi è mai piaciuta! Sicuramente è a causa del sentimento che mi lega alla precedente, cercando di riflettere con obbiettività non è una brutta copertina, anzi!

 

«Non ci saranno sventolii di bacchette o stupidi incantesimi in questo corso! Come tale, non mi aspetto che molti di voi apprezzino la sottile scienza e l’esatta arte del preparare pozioni, comunque ai pochi, scelti dal fato, che possiedono la predisposizione… io posso insegnare come stregare la mente e irretire i sensi… Posso dire come imbottigliare la fama, approntare la gloria e finanche mettere un fermo alla morte. Tuttavia, magari alcuni di voi sono venuti a Hogwarts in possesso di abilità così formidabili da sentirsi completi abbastanza… da non prestare attenzione!»
#Severus Piton

 

 

Mi è capitato raramente di imbattermi in libreria in questa copertina, forse una volta di sfuggita. Personalmente ha qualcosa che non mi convince! Mi piace che ci sia Edvige insieme ad Harry, ma non mi piace il serpente; invece non riesco a capire se gradisco o meno la scelta di non utilizzare i colori.

 

«Vedo che tu, come molti altri prima di te, hai scoperto le dolcezze dello specchio delle brame. Suppongo che ormai tu abbia capito cosa fa. Voglio darti un indizio: l’uomo più felice della terra guarderebbe nello specchio e vedrebbe solo sé stesso, esattamente com’è.»
#Albus Silente

 

 

Passiamo alla versione inglese, questa copertina mi è piaciuta da subito davvero moltissimo! Ho da tanto tempo il desiderio di mettere le mani sopra questa meraviglia e provare a rileggere la storia in inglese. Perché non l’ho ancora comprata? Ho la speranza di farlo direttamente a Londra, anche se in vista non c’è nessun viaggio.

 

«Vedi cosa sono diventato? Vedi cosa devo fare per sopravvivere? Vivere a spese di un altro. Sono un parassita. Il sangue di unicorno riesce a rinvigorirmi, ma non può darmi un corpo tutto mio… Ma c’è una cosa che lo può fare, una cosa che, quando si dice la sorte, sta nella tua tasca!»
#Lord Voldemort

 

 

 

Forse è anche un po’ colpa di questa meraviglia assoluta se non ho più acquistato la versione precedente. Come si fa a pensare di resistere a questo? Io credo sia assolutamente impossibile! Purtroppo sono ancora nel limbo a causa della mia mania di voler avere il più possibile le copertine uguali, infatti non credo siano usciti così tutti i sette libri.

 

«Ah, gelatine “Tuttigusti + 1”! Sono stato molto sfortunato da giovane: ne ho trovata una al gusto di vomito, e da allora per me hanno perso ogni attrattiva. Ma credo che andrò tranquillo con una caramella mou… Ahimè, cerume!»
#Albus Silente

 

 

Alla prossima Cove Love!

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente La Casa delle Risposte di Anna Cancellieri | Recensione di Deborah Successivo Top of the month #20 I preferiti del mese di agosto di Sandy