Macchioline: La casa sulla collina di Cristina Morandotti

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Quando ho letto di una casa che si erge su Lovecraft Hill non ho resistito e mi sono tuffata nel racconto di Cristina Morandotti, “La casa sulla collina”, una tetra avventura per bambini edita da Les Flaneurs Edizioni.

Data di uscita: 20 Ottobre

Acquistalo subito: La casa sulla collina

Editore: Les Flaneurs Edizioni
Genere: Libri per bambini

Prezzo: € 10,00
Pagine: 92

Gli abitanti della cittadina di Somerset si tengono ben alla larga dall’edificio scuro e disabitato che si erge su Lovecraft Hill. Anzi, nessuno di loro ne parla mai. Ma è la sera di Halloween e dopo un deludente giro ‘dolcetto o scherzetto’ cosa ci può essere di più eccitante, per un trio di ragazzini, di una prova di coraggio da svolgersi proprio nella misteriosa casa sulla collina? La protagonista della sfida è Jenny Corrs, truccata da zombie per l’occasione e gli sfidanti sono Steve, il vampiro e Miguel, la mummia.

Da bambina amavo leggere i “Piccoli brividi”, anche se poi finivo col pentirmene subito dopo. Mi ricordo che ero rapita dalle storie paurose dove il soprannaturale invadeva la realtà, racconti così suggestivi da volerne sempre di più. Ecco, leggendo il racconto di oggi mi è tornato in mente la mia ossessione per R.L. Stine ed è stato piacevole tornare indietro con la mente a quei momenti, quando con i compagni di scuola ci si ritrovava a parlare dei frammenti che ci più ci restavano impressi.

Quando ho letto di una casa che si erge su Lovecraft Hill non ho resistito e mi sono tuffata nel racconto di Cristina Morandotti, “La casa sulla collina”, una tetra avventura per i più piccoli che incarna l’essenza della notte più paurosa dell’anno, Halloween. A Somerset i suoi abitanti si tengono alla larga dalla catapecchia sulla collina eppure Steve e Miguel scelgono di sfidare la loro amica Jenny in un battesimo del fuoco piuttosto arduo per dimostrare il suo coraggio.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Jenny Corrs nella vita di tutti i giorni è un vero maschiaccio, qualcuno che ha sempre dimostrato del fegato quando si tratta di dover fronteggiare delle sfide, nonostante la vera fragilità che cela agli occhi di tutti. È pronta a tutto pur di dimostrarsi all’altezza della prova, ma di certo quello che non si aspettava era proprio di avvicinarsi a qualcosa che va oltre a ciò che è reale, una dimensione fantastica dove la leggenda della strega sembrava quasi una storia per spaventare i bambini ed allontanarli da quel luogo nefasto. Lovecraft Hill nasconde molto di più di quello che gli abitanti pensano e Jenny sarà la prima a scoprirlo.

Cristina Morandotti ha uno stile scorrevole e suggestivo, è riuscita a catturarmi sin dalla prima pagina creando quell’alone di mistero che rende il racconto unico, un invito informale ad avvicinarsi a scoprire la sua storia e seguire i suoi personaggi in un viaggio cupo dove le fragilità pian piano emergono e i suoi personaggi si mostrano per quello che sono, ragazzini a caccia di avventure e nuove stimolanti sfide che però finiscono per segnarli nel profondo.

La casa sulla collina è una prova di coraggio, una di quelle che i bambini si divertono a fare tra di loro per vedere chi è abbastanza impavido da sfidare la sorte e il pericolo. Solo chi è capace di grandi azioni può sfidare la più grande follia.

«La luce dei lampioni tremolava. Si fondeva tra la foschia e i bagliori rossastri del crepuscolo, lasciando ampi spazi di tenebre nelle quali si potevano nascondere tutti i pericoli che una mente terrorizzata potesse partorire».

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Les Flaneurs Edizioni per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #89 Successivo Let's talk about: Nessuno si muova di Olivier Adam (Camelozampa)