Review Party: La corrente invisibile di Salvino Muscarello

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Cominciamo la settimana con il romanzo di Salvino Muscarello, “La corrente invisibile”, un thriller che scava dentro la superficie e porta a galla l’amara consapevolezza di una verità a lungo nascosta, seppellita proprio dove nessuno credeva di trovarla.

Data di uscita: 9 Giugno

Acquistalo subito: La corrente invisibile

Editore: Self Publishing
Genere: Thriller

Prezzo: € 12,47
Pagine: 235

In una sera di inizio aprile, il giovane avvocato Davide Bruno riceve la visita inaspettata del cavalier Galvani, l’uomo più potente della città, che coinvolgendolo nell’inchiesta sulla morte della giornalista Virginia De Falco, lo porterà a recuperare e riannodare un filo nascosto e sepolto dal tempo.

Salvino Muscarello è nato a Milano il 24 aprile 1976, ma da sempre vive in Sicilia. Avvocato e docente, in questo primo lavoro racchiude la sua passione per le storie e i misteri giudiziari, l’amore per la musica e per l’indagine dell’animo umano. La corrente invisibile è il suo primo romanzo.

La corrente invisibile è quella che trascina ogni cosa, una forza indomita che non ha freni ma allo stesso tempo è impossibile vederla arrivare. Quando si viene travolti si resta in balia della sua forza, incapaci di uscire dal suo percorso, privi di ogni certezza, senza sapere dove si andrà a finire quando la corrente si interromperà.

Alla morte della giornalista Virginia De Falco il mondo attorno a lei viene stravolto dalle tante notizie che la riguardano che un tempo erano ben custodite ma che con la sua dipartita hanno iniziato a viaggiare per le strade, travolgendo come un fiume in piena la tranquillità dell’avvocato Davide Bruno che si ritrova a dover seguire il caso, non più certo di sapere chi fosse veramente la vittima. Come un gioco di ombre cinesi ogni cosa cambia se vista da una prospettiva diversa, la luce spostandosi può trasformare un coniglio in un lupo, una vittima in qualcosa di più e nascondere la verità dove nessuno può vederla.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Salvino Muscarello scava dentro i suoi personaggi, tirando fuori da essi la verità nascosta sottopelle, qualcosa che quando rompe gli argini dilaga senza freni, travolgendo ogni ostacolo che incontra, ma allo stesso tempo riesce a mettere in scena un romanzo a tinte dark che cerca di fare luce sul caso di una giovane giornalista, una donna che sembra quasi essere il coperchio del vaso di Pandora e che con la sua morte rilascia nel mondo tutti gli orrori che fino a quel momento aveva trattenuto.

Ma il mondo è veramente pronto ad accogliere tutto ciò che fuori esce da questo scrigno? Le persone spesso tendono a costruire attorno ai loro conoscenti una serie di certezze che sembrano inattaccabili, purtroppo però a volte basta poco a far cadere chiunque dalla padella nella brace. Talvolta si deve riaprire una vecchia ferita per ricordare cos’è successo davvero, per strappare quel travestimento che noi stessi abbiamo cucito addosso agli altri per iniziare finalmente a vederli così come sono veramente.

Poco a poco ogni tassello sparso ritorna al suo posto e l’immagine che viene fuori è il malinconico ritratto di Virginia De Falco e di un caso apparentemente archiviato che dietro le quinte nasconde molto di più di ciò che è stato mostrato, i ricordi di una donna che infestano il presente, riportando a galla tutto ciò che in un modo o nell’altro era stato nascosto sott’acqua, affondato dal cemento e dall’omertà.

Con uno stile introspettivo e vivido l’autore racconta una storia dolce e amara, una vita che faceva da collante fra la verità e le menzogne, riuscendo a delineare le differenze fra tutto ciò che c’era prima e dopo, come un film che poco a poco perde saturazione, passando dal colore alla più tetra tonalità di blu che spesso ci ricorda il freddo, la serietà di ciò che si sta raccontando, senza perdere di vista la carica espressiva di chi popola il romanzo.

«Disperati, sopravvivevano nel ricordo di Virginia».

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Saper Scrivere per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: Maleficio di Francesco Grimandi Successivo Let’s talk about: Non è colpa della pioggia di Lynda Mullaly Hunt (Uovonero)