Il cavallo di Skye Warren | Recensione di Deborah

 

Mi sveglio all’una del mattino al suono della testiera di un letto che sbatte contro il muro, le vibrazioni dei colpi che riverberano nelle molle indurite del materasso e mi cullano. È la mia prima notte al motel La rosa e la corona, nella parte occidentale di Tanglewood. I gemiti riecheggiano attorno a me come se le pareti sottili fossero altoparlanti surround, con i grugniti dell’uomo che rappresentano il sottofondo dei bassi. Mi avvolgo strettamente il lenzuolo sottile attorno alle spalle, spalancando gli occhi nella stanza buia.

 

Editore: Triskell Edizioni
Serie: Endgame #2
Data di uscita: 11 settembre 2019
Pagine: 240
Prezzo: 4.99 €
Acquistalo subito: Il cavallo

 

Il potere del piacere…Gabriel Miller mi ha portato via tutto. La mia famiglia, la mia innocenza, la mia casa. L’unica cosa che mi sia rimasta è la determinazione nel riprendermi ciò che è mio. Pensa di avermi sconfitta, pensa di aver vinto. Quello che non ha capito è che ogni pedone ha la possibilità di diventare una regina. E il gioco è appena cominciato.

 

 

È giunto il momento di condurre il nostro veliero di carta ed inchiostro in acquee rosa, è tempo di scoprire un nuovo romance! Abbiamo aspettato un po’ di tempo ma finalmente è arrivato, Il cavallo, secondo volume della serie Endgame; Skye Warren ci conduce di nuovo nella sua appassionante storia, tra oscurità, disperazione, sofferenza e lussuria. Siete pronti per continuare la partita a scacchi tra la fiduciosa Avery e lo spietato Gabriel?

 

La verità è che non si è svegliato nei tre giorni successivi al suo attacco cardiaco. Non quando io gli ho fatto visita. Mi vergogno a dire che è stato un sollievo; almeno mentre dorme, so che riposa sereno, sapendo che la nostra casa appartiene ancora a me. Nella convinzione che sua figlia non ha messo all’asta la propria verginità. Cosa gli dirò, quando sarà cosciente? Come potrò spiegargli tutto questo?

 

Non vedevo l’ora di leggere il seguito di questa saga, nonostante i miei dubbi iniziali il primo volume mi aveva proprio catturata! Facciamo un tuffo veloce in Il pedone per rispolverare la storia: Avery, la protagonista, è una giovane ragazza cresciuta tra il luccichio dei saloni da ballo e dei diamanti, attualmente la sua famiglia è caduta in rovina per colpa di un brutto scherzo finanziario che il padre ha tirato alla persona più sbagliata, Gabriel Miller. Avery è stata costretta a mettere all’asta la propria verginità per assicurare al padre le cure mediche necessarie e per cercare di salvare la grande casa nella quale è cresciuta, la villa di sua madre. L’uomo più potente della città, il nemico Gabirel Miller, si è assicurato il suo corpo per trenta giorni in cambio di una cifra da capogiro. Avery e Gabriel iniziano a giocare una pericolosa partita a scacchi, una sfida in precario equilibrio tra l’irresistibile passione e il desiderio di distruggere l’altro. Avery è sicura di scorgere piccole crepe nell’oscura armatura di Gabriel, vede attraverso questi minuscoli spiragli che si tratta di un uomo ferito dalla vita ma che nasconde un lato buono. Il finale di Il pedone sembra dar torto alla protagonista che viene cacciata dopo essere stata usata per soddisfare un irrefrenabile bisogno.

 

Nessuno di noi può scappare, e nessuno di noi vuole farlo.
«A rimanere,» sentenzia, e le sue mani si stringono sulle mie. Ed è questo che siamo. Non lo cambierei per niente al mondo. Non per un milione di dollari. Ci sono giochi che preferiresti perdere; io rimarrò su questa scacchiera con lui, con l’uomo che amo.
«Vuoi giocare con me?» sussurro contro le sue labbra.
«Sempre.»

 

Ritroviamo Avery, per la protagonista al momento ville, lussi e lustrini sono solo un amaro ricordo, ora è costretta a fare i conti con la dura realtà, è costretta a sopravvivere in un pulcioso motel da due soldi con i pochi dollari rimasti. Fare sesso con Gabriel Miller le ha fruttato un conto con ben un milione di dollari, questa cifra però è vincolata fino allo scadere dei famosi trenta giorni. Le difficoltà incontrate da Avery non sono terminate, dopo aver fortunatamente sistemato il padre, solo grazie all’aiuto di Gabriel, la protagonista deve lottare con le unghie e con i denti per non perdere la casa di famiglia. La grande villa è l’unico legame che le resta con la defunta madre, è l’unico luogo in cui si sia mai sentita amata e protetta, non ci avrebbe mai rinunciato senza combattere. Purtroppo il passato sa essere feroce nel riscuotere i tributi, un personaggio misterioso farà la sua comparsa nel momento dell’asta indetta per vendere la casa, nonostante Avery abbia trovato un modo per garantire il pagamento dell’immbolibe uno sconosciuto rilancerà all’ultimo la sua offerta. Dopo l’amara sconfitta sarà Gabriel a rimettere insieme i pezzi del cuore e dell’anima di Avery, la ragazza troverà la via di distruggere la sua possente armatura.

La partita a scacchi tra Avery e Gabriel non è ancora finita, la vorace passione trasformata in sentimento farà sedere i due dallo stesso lato della scacchiera, il vero avversario sarà una figura misteriosa emersa dalle ceneri del passato. Skye Warren è riuscita ad incollarmi alle pagine del suo romanzo con il suo stile avvolgente e passionale, ho letto Il cavallo tutto d’un fiato intrigata dalla misteriosa trama che fa da sfondo a questa strana storia d’amore. Non vedo l’ora di continuare questa saga romance piacevolmente fuori sagli schemi

 

 

 

 

 

 

Desclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Triskell Edizioni per la copia omaggio

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #43: Strong World. One Piece film (Star Comics) Successivo A tu per tu con Luca Murano