Inku Stories #43: Strong World. One Piece film (Star Comics)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Si ritorna a parlare di One Piece con l’anime comic tratto dal film Strong World. Avventura sulle isole volanti”, pubblicato a inizio mese da Edizioni Star Comics.

Pagine: 256

Acquistalo subito: Strong World vol. 1

Editore: Edizioni Star Comics
Traduzione: Yupa

Data di uscita: 4 Settembre
Prezzo: € 9,90

Sul mare Rufy e compagni si imbattono in una colossale nave volante! Il malvagio capitano Shiki rapisce la navigatrice Nami e grazie ai poteri del Frutto Fuwa Fuwa, in grado di far levitare qualunque cosa, fa volare via gli altri membri della ciurma separandoli l’uno dall’altro! I pirati di Cappello di Paglia si ritrovano così su un’isola sconosciuta… in cui vige la legge della giungla!

Per tutti gli appassionati di One Piece, Star Comics ha il piacere di presentare lo speciale anime comic tratto dal film cinematografico Strong World, basato su un soggetto originale del maestro Oda. I due volumi che compongono la miniserie, completamente a colori, saranno disponibili rispettivamente a settembre e ottobre. Non perdeteli!

I film di One Piece li ho visti tutti, escludendo Stampede che esce ad ottobre e io non vedo l’ora. Se c’è una cosa che mi ha sempre colpito sono proprio le storie, affascinanti, un vero proprio invito all’avventura fra rotte misteriose e leggende tutte da scoprire. I Mugiwara si sono sempre distinti nel loro percorso, scegliendo la rotta più pericolosa ed imbattendosi in avversari temibili che li hanno resi forti abbastanza da non sottovalutare nulla sul loro percorso ed è anche da questo che si nota la maturità e la crescita di ciascuno di loro.

L’apparenza inganna. Sebbene appaiano sempre ridicoli e molti li sottovalutino la ciurma col tempo ha dimostrato di essere capace di affrontare qualunque nemico mantenendo inalterati i loro animi. Non a caso “One Piece” è uno dei tre colossi di Weekly Shōnen Jump da quasi vent’anni e il suo successo è senza dubbio legato alla sua grande forza narrativa e alla capacità di Eiichiro Oda di trascinare i lettori in avventure fuori dal comune. Ma questo lo sapevamo già. Passiamo invece a Strong World. Avventura sulle isole volanti.

Prima della famosa evasione di Rufy, Ivankov, Buggy e tutti gli altri prigionieri soltanto un uomo è riuscito a scappare da Impel Down, prigione di massima sicurezza dove sono rinchiusi i criminali più pericolosi del vecchio e nuovo mondo. Shiki il “Leone d’Oro” è diventato una leggenda per essere riuscito in una simile impresa e per vent’anni non è stato altro che una storia che passava da prigioniero a prigioniero, ma nel momento in cui fa la sua ricomparsa portandosi dietro una scia di navi distrutte diventa ben più di una semplice storia. 

Il potere del frutto Fuwa Fuwa, in grado di far levitare ogni cosa, si mostra in tutta la sua potenza dinnanzi agli occhi increduli di Sengoku e Garp, ammoniti della fine che faranno se tenteranno di ostacolare i piani di Shiki. Intanto su un’isola volante, qualche giorno più tardi, Rufy è intento a combattere contro mostri enormi, dei veri “re” della giungla e lo stesso destino è toccato alla sua ciurma, sparpagliata su altre isole, intenti a sopravvivere ai continui attacchi.

La legge che vige sulle varie isole è una soltanto: quella di uno stato di natura dove a sopravvivere è il più forte e questo ci porta a una settimana prima, quando navigando in tranquillità la Ciurma di Cappello di Paglia si ritrova faccia a faccia con Shiki e ha un piccolo assaggio del potere derivato dal frutto fuwa fuwa. Nami viene rapita per le sue straordinarie doti da navigatrice e la ciurma divisa. Qui ha inizio la vera sfida: riuscire a ritrovare Nami e fermare i piani folli di Shiki. 

La divisione permette a tutti di farsi un’idea sulle isole volanti, sulla vera condizione in cui sono costretti a vivere gli abitanti dell’unico villaggio presente in questo arcipelago volante, una triste realtà in cui è difficile sopravvivere e non c’è un barlume di speranza. La follia di Shiki è smisurata e la sua brama di distruzione e potere lo è altrettanto, ma ha scelto la ciurma sbagliata con cui scontrarsi, Rufy e i suoi compagni non sono disposti a scendere a compromessi con una persona così spietata e malvagia.

Questo è soltanto il primo volume di una storia che affascina, diverte e fa anche riflettere. La sceneggiatura di Hirohiko Uesaka porta una ventata di fantasia nel mondo di One Piece, facendoci vedere ancora una volta poteri incredibili nelle mani sbagliate e fenomeni eccezionali, cose che si possono vedere solo sulla rotta maggiore. Il film è incredibile, ma lo è altrettanto l’anime comic che non ha subito variazioni sulla struttura narrativa, a parte i dialoghi leggermente differenti, che però permettono a chi ama il mondo creato da Oda di rivivere una vecchia avventura del grande schermo comodamente su carta, in cui è bello soffermarsi sulle ambientazioni ed apprezzare la storia.

Proprio come ogni opera pubblicata da Star Comics anche gli anime comics sono stati curati nei minimi dettagli. Con i due volumi di “One Piece: Gold” si erano superati. Se vi ricordate formavano una sola e unica immagine che ricreava lo “scontro” fra la ciurma e Gild Tesoro. Questa volta, con Strong World, hanno optato per un look più “pop” in cui vediamo i costumi indossati da Rufy durante l’avventura delle isole volanti. Oda ha sempre creato costumi su misura per i suoi personaggi per ogni avventura che hanno vissuto, basta dare un’occhiata alle tavole a colori, ai film o semplicemente al manga stesso. Si può notare l’evoluzione del disegno, dello stile e della sua ricerca del nuovo. 

⚜ Manga simili: One Piece: Gold
⚜ Reazione post lettura:
Il limite non è più il cielo. Quanto sarebbe affascinante visitare le isole volanti? Ricordarsi di contattare Bear Grylls prima di partire.

⚜ Pagine lette: 256
⚜ Da consumarsi preferibilmente: Immediatamente! Prestando attenzione ai dettagli e dopo un rewatch del film è altamente consigliato.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Star Comics per la copia omaggio.

 

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Tea Time: Giuliano e Lorenzo di Adriana Assini (Scrittura & Scritture) Successivo Il cavallo di Skye Warren | Recensione di Deborah