Inku Stories #29: Vigilante – My Hero Academia Illegals n° 1 e 2

Instagram: @stambergadinchiostro | @carlo.salvato

Bentornati! Questa volta vi parlo di una nuova serie legata al mondo di Kohei HorikoshiVigilante – My Hero Academia Illegals.

Acquistalo subito: Vigilante #1|Vigilante #2

Gli Heroes sono dei prescelti che, sotto licenza governativa, sfruttano i potenti Quirk di cui sono dotati sin dalla nascita per proteggere il pianeta dai malintenzionati. Al mondo, però, esistono anche dei non prescelti dotati di poteri mediocri, e la strada che essi percorrono è quella… degli Illegal Heroes!

Cosa succede quando un vigilante, una persona priva dei requisiti per diventare un Hero ufficiale, dimostra di possedere un senso di giustizia talmente forte da fare spavento? È la situazione davanti alla quale si troverà Koichi in seguito all’incontro con un misterioso Hero che dice di chiamarsi Stendhal…

Non perdetevi il nuovo, coinvolgente spin-off di My Hero Academia disegnato dalle sapienti mani di Bettencourt!

Bentornati sulla stamberga, questa volta parliamo dei primi due volumi della nuova serie legata al mondo creato dal maestro Horikoshi, parlo di Vigilante – My Hero Academia Illegals, manga edito in italia da Edizioni Star Comics, che ci porta alla scoperta di una realtà parallela a quella che già conosciamo in My Hero Academia (serie principale), ovvero il mondo dei vigilanti, gli Hero illegali che pattugliano le strade senza disporre di alcuna licenza.

Premetto che questa serie è strettamente legata a quella principale sebbene sia uno spin-off portato avanti da due diversi autori, Hideyuki Furuhashi per la storia e Betten Court per i disegni, ovviamente entrambi coordinati da Kohei Horikoshi in persona. Questa volta anziché concentrarci strettamente sulla lunga strada per diventare Heroes ufficialmente riconosciuti dalle autorità e dallo stato parliamo di tutte quelle persone che si sentono strozzate dalla legge che impone alle persone senza licenza di sfruttare i loro quirk nella vita quotidiana e che quindi in alcuni casi decidono di combattere il crimine in maniera amatoriale, come fanno i protagonisti di questo manga, ovvero vestendo i panni di vigilante.

Tuttavia chi sceglie questa strada sa quali sono i rischi a cui va incontro, come ad esempio il fatto di essere perseguitati dagli Heroes e dalle forze dell’ordine come se fossero villain comuni anche solo per aver attivato il quirk in pubblico. Questo è un po’ il caso del protagonista, Koichi, che con il suo potere di scivolamento è capace di scorrere lungo qualsiasi superficie con la stessa velocità di una bicicletta (almeno all’inizio). Il suo potere è qualcosa di abbastanza comune, ma se viene sfruttato in modo giusto può diventare una comoda alternativa ad uno stile di combattimento aggressivo. Nel tempo libero che gli concede la vita da studente universitario, oltre al suo impiego part-time in un conbini (negozietti aperti 24 ore su 24), si destreggia nei panni di Gentle-man fra le strade del suo quartiere aiutando i passanti nelle attività più svariate, fra cui scattare foto, raccogliere la spazzatura e dare indicazioni stradali.

Tutto questo però è destinato a cambiare quando nella sua vita fa la sua apparizione una ragazza che tenta di fare la idol per le strade sfruttando il su quirk di salto, Pop Step, che mettendosi nei guai viene aggredita da alcuni ragazzi che vogliono letteralmente strapparle di dosso i (pochi) vestiti che indossa. Dopo qualche tentativo di attaccare i malviventi però si rende conto che i suoi attacchi non hanno nessun effetto contro la loro stazza ma per fortuna i due ragazzi vengono salvati dall’avvento di un irruento vigilante di mezza età, Knuckle Duster, un uomo misterioso che con la sua sola forza fisica riesce a schiacciare i suoi nemici.

Questo eroe alquanto pittoresco combatte il crimine un pugno dietro l’altro facendo letteralmente parlare le sue nocche d’acciaio, ma sotto il suo aspetto rude e il suo violento ed irruento modo di fare si nasconde l’animo di un vero eroe, uno di quelli pronti a sacrificare tutto per debellare il male. La sua particolare ossessione per la droga chiamata Trigger, la stessa che permette ai villain di potenziare i loro quirk rendendoli quasi imbattibili, trasforma la sua vita in una vera e propria caccia alle streghe, coinvolgendo anche Koichi che decide di abbandonare i panni di Gentle-man e di vestire quelli del vigilante nome come The Crawler (o crollo-man, come preferite, assieme al vecchio tirapugni e alla intraprendente Pop Step.

Questo trio scalcagnato sembra quasi una parodia di una vera squadra di heroes in alcuni casi anche perchè i loro metodi di investigazione sono basati sul “picchiare a sangue, interrogare e poi forse chiedere scusa, ma il fervore che impiegano nella lotta contro il crimine spesso supera quello di un eroe normale, loro non hanno limiti nell’uso della loro abilità e non hanno leggi da osservare, possono essere i primi ad agire e scappare, lasciando la gloria agli eroi che spesso non riescono a essere rapidi quanto loro.

Leggendo questi primi due volumi devo dire che ho provato gli stessi brividi di quando ho letto le prime pagine della serie principale, My Hero Academia, e senza dubbio sono rimasto affascinato dalla quantità di informazioni utili che vengono riportate fra queste pagine in cui possiamo osservare più da vicino il lavoro non solo della polizia, ma anche degli altri eroi al di fuori dei protagonisti del manga principale, come ad esempio Ingenium o Eraser Head. Oltre a questo, qui, trovano risposta anche le molteplici questioni rimaste aperte nella trama principale di My Hero Academia, come le origini di Stain, la diffusione della droga Trigger, e la straordinaria vita di coloro che agiscono all’ombra degli Heroes con licenza, i vigilanti.

Non vedo davvero l’ora di fiondarmi sul terzo volume di quest’opera, in arrivo il 13 Marzo nelle edicole e fumetterie!

Detto questo non mi resta che augurarvi una buona lettura!

PLUS ULTRA!!!

Acquistalo subito: Vigilante #1|Vigilante #2

⚜ Manga Simili: My Hero Academia
⚜ Reazione post lettura: Faccio il tifo per il vecchio tirapugni e Crollo-man
⚜ Pagine lette: 416
⚜ Da consumarsi preferibilmente: Fra una ronda notturna e l’altra.

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Star Comics per la copia omaggio.

 

 

May the Force be with you!
Precedente Review Party: Il pedone di Skye Warren Successivo Let’s talk about: Addicted di Paolo Roversi (SEM)