Inku Stories #34: Demon Slayer #1 di Koyoharu Gotouge

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Oggi parliamo anche di un manga, “Demon Slayer” di Koyoharu Gotouge, pubblicato a marzo da Edizioni Star Comics e tradotto da  Andrea Maniscalco.

Pagine: 192

Acquistalo subito: Demon Slayer #1

Editore: Edizioni Star Comics
Collana: BIG 40
Traduzione: Andrea Maniscalco

Data di uscita: Aprile
Prezzo: € 4,50

Giappone, albori del ventesimo secolo. Il giovane Tanjiro, un gentile venditore di carbone, vede la sua quotidianità stravolta dallo sterminio della famiglia a opera di un demone. L’unica rimasta in vita è la sorella minore Nezuko, che tuttavia è stata trasformata in un demone a sua volta. Per farla tornare come prima e vendicarsi del mostro che ha ucciso la madre e i fratellini, Tanjiro si mette in viaggio con Nezuko. Ha così inizio questa storia di sangue, spade e avventura!

Proteggere chi si ama non è facile, lo sa bene il giovane Tanjiro, un venditore di carbone che nel Giappone dell’era Taishō affronta una minaccia più grande del previsto, quella di demoni mangiauomini, figure tipiche della mitologia, che nell’opera di Koyoharu Gotouge diventano il pretesto per raccontare un percorso di formazione in un’epoca così lontana e ricca di fascino, dove la tradizione era tutto e i più piccoli erano costretti a diventare adulti, a prendere le redini della situazione ed essere pronti a caricarsi di responsabilità sulle proprie spalle.

Questo è il caso di Tanjiro, che una volta persa la famiglia per colpa dei demoni, tenta l’impossibile, portando via sua sorella minore, Nezuko, una delle sopravvissute alla carneficina che però mostra sin da subito di non essere più l’adorabile bambina che suo fratello conosceva, ma che è diventata uno dei mostri che hanno trasformato l’esistenza del ragazzo in un brutto sogno dal quale è impossibile svegliarsi.

Sono i primi anni del 900, un’epoca in cui il Giappone si sta lasciando alle spalle il passato per entrare nel mondo moderno, ma se prima aveva fatto solo qualche passo avanti in questo periodo si sta già incamminando verso il futuro. Ma non tutto il territorio ha iniziato il suo percorso in contro al progresso soprattutto nelle zone più isolate persistono ancora le vecchie tradizioni e le antiche leggende ed è in questo scenario che i demoni diventano una manifestazione concreta del male per tutti coloro che devono farci i conti. 

La soluzione al problema richiede che si risponda alla violenza con la violenza, infatti l’unico modo per liberarsi di questi incubi è affrontarli con la spada, affondare la lama nella loro carne punta e decapitarli, colpendoli prima di tutto nel loro punto debole, la nuca. Lungo il percorso per salvare la vita di sua sorella Tanjiro entra in contatto con diverse figure essenziali affinchè intraprenda la via del cacciatore di demoni. Infatti è Giyu Tomioka a condurlo dall’anziano Sakonji Urokodaki, l’unico in grado di addestrarlo per affinare le sue tecniche, colmando la sua inesperienza con un rigido addestramento nel quale la lama diventa la sua amica fidata, la sola in grado di poter realizzare la sua utopia.

Ero scettica su questa serie, ma mi sono dovuta ricredere quando ho cominciato a leggere il primo volume perchè racchiudere un periodo storico così vasto in delle tavole tutto sommato dinamiche non è un’impresa facile e se aggiungiamo il fatto che la storia narrata è affascinante, abbiamo una combinazione perfetta di elementi che riesce a equilibrare i piccoli difetti e una sceneggiatura ben costruita. 

Stiamo comunque parlando di una serie iniziata nel 2016 e di cui è sbarcato anche l’anime da poco, cosa che da la possibilità di poterne seguire lo sviluppo da vicino, restando in contatto con i personaggi un volume dopo l’altro, episodio dopo episodio.

Come in tutti gli shonen anche qui il protagonista deve crescere e maturare e deve diventare sempre più forte per riuscire a sconfiggere i suoi nemici che uno dopo l’altro contribuiscono sempre di più ad alzare l’asticella per quanto riguarda la difficoltà dei suoi scontri. 

In questo primo volume è stata messa tanta carne al fuoco, ma effettivamente il protagonista affronta seriamente un demone, quello che lo aiuterà a finire l’addestramento, di cui però vediamo soltanto una parte della lotta e questo aumenta la voglia di scoprire come andrà a finire e soprattutto seguire il percorso di Tanjiro in questo nuovo capitolo della sua vita, di cui sembra già essere stato scritto l’incipit perchè il suo talento con la spada è innegabile, così come la sua determinazione che scaturisce dal suo cuore e dal legame con sua sorella, il vero motivo per cui diventare Demon Slayer è così importante per lui.

In un Giappone ricco di miti e leggende un giovane tenta l’impresa più ardua di tutte, salvare ciò che gli sta a cuore dalle grinfie del male e può farlo solo infondendo la sua determinazione nella spada, facendola diventare un’estensione della sua volontà di salvarla.

“La vita è come il clima… cambia di continuo. Non è sempre sereno, però non capita neanche che nevichi di continuo, ma quando la felicità si rompe c’è sempre odore di sangue”.

⚜ Manga simili: Inuyasha
⚜ Reazione post lettura: 
Diventare o non diventare un demon slayer, questo è il problema.

⚜ Pagine lette: 192
⚜ Da consumarsi preferibilmente: Di sera, con una candela vicina.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Star Comics per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Let's talk about: L'ultima notte della nostra vita di Adam Silvera Successivo A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #73