Close-Up #34: Killer Loop’S #1 di Stefano Labbia e Marco Proietto

Vediamo più da vicino il primo volume di Killer Loop’S, il fumetto di Stefano Labbia e Marco Proietto, pubblicato da LFA Publisher. Vi segnalo anche una raccolta di racconti, Fantàsià, il progetto di Labbia che coinvolge diversi autori per sostenere l’ASROO.

Data di uscita: 5 Dicembre 2019

Acquistalo subito: Killer Loop’S #1

Editore: LFA Publisher 
Genere: Fumetto
Pagine: 54
Prezzo: € 7,40

Usa. Giorni nostri. Kimberly (Stuart Whitman) è un trentenne americano. Mestiere: killer prezzolato, ribattezzatosi “punitore” di ogni criminale in circolazione – salvo compenso, ovviamente. Dietro alla sua faccia da bravo ragazzo, al suo pessimo senso dell’umorismo e alla sua ossessione per le citazioni pop, si nasconde un passato sofferto che, da persona “normale” l’ha trasformato in un killer apparentemente senza cuore. Convinto di avere una morale – non uccide né bambini, né donne, né agenti delle forze dell’ordine ed essendo perennemente dalla parte dei più deboli, spesso finisce per cambiare schieramento durante la “missione” – viaggia per il mondo perennemente all’avventura. Ma l’uomo finisce inevitabilmente per pestare i piedi alle persone sbagliate – nella fattispecie il sindacato internazionale criminale Pauraz, complice della morte della sua sorellina Kimberly anni prima. Evento quest’ultimo che ha cagionato la sua trasformazione da persona per bene a killer. Armato della sua Beretta munita di silenziatore e del suo coltello a serramanico, l’uomo dovrà scontrarsi con gli assassini del Sindacato e con i peggiori killer del mondo, attirati dalla taglia che Pauraz ha messo sull’uomo…

The Plan – Uomo di origine russa. Ha il superpotere di conoscere, solo pensandolo, la
planimetria di qualsiasi palazzo o costruzione, riproducendola fedelmente a mano o con
mezzi tecnologici. Può inoltre prevedere le mosse nemiche ed anticiparle. Ma spesso viene
ingannato… È al soldo del cartello “Pauraz” criminali professionisti che controllano più
“settori di malaffare” in gran parte del mondo.

La Distale – Una setta di killer braccio armato del cartello “Pauraz”. La ferocia è il loro
marchio di fabbrica e ciò garantisce loro connivenza e rispetto nel sottobosco criminale.
Sono abili e spericolati assassini, pronti a morire in virtù della “causa”. Sono in realtà tutti
orfani o ragazzi problematici di varie nazionalità, “ingaggiati” e cresciuti dai misteriosi capi
killer de La Distale. Vengono “assoldati” dagli asiatici – indirettamente – che Kimberly ha
ucciso nell’episodio uno.Asiatici che sono Yakuza appena entrati a far parte del grande
sindacato criminale di Pauraz…

Francis – Solo il nome per quest’uomo incredibilmente alto, dai lunghi capelli biondi,
incredibilmente magro ma muscoloso, incredibilmente tatuato ed incredibilmente pazzo. È
un vero e proprio sadico che ama le armi bianche. A capo de La Distale ha il rispetto di tutto
il gruppo – salvo che di Kanvas con cui intesse un rapporto basato sull’ “odi et amo”
tendente più verso il primo che verso il secondo… – Catullo docet.

L’addetto – Silenzioso killer de La Distale. Ha i capelli verdi fluo rasati corti ed è veloce ed
abile con i coltelli e le pistole.

Doppia T – Killer dal passato sofferente, è stato vittima di abusi in tenera età. Rimasto solo
è stato accolto, come spesso accade in realtà, da Pauraz, che l’ha reso quello che è ora: una
macchina da guerra. Iper tatuato, massiccio e irascibile, è innamorato di Emily / Kanvas.
Non lo ammetterebbe mai nemmeno sotto tortura ma la loro “relazione aperta” proprio non
riesce a concepirla. Dal carattere schivo, quando è in presenza della bella e fatale cambia
lasciandosi spesso andare con lei a confidenze intime sul suo passato e sul loro rapporto… È
il numero due dopo Francis.

Kanvas – Killer de La Distale che ora prende come obiettivo Kimberly indipendentemente
dai giapponesi. Giovane donna bellissima è bipolare. Ha un tatuaggio nero sulla parte destra
del volto: ricorda il trucco di David Bowie su Space Oddity. Dal passato oscuro, la giovane
donna dal carattere forte si scontra spesso con Francis a cui si “ribella” spesso e volentieri. È
la “preferita del capo”. Non se ne conosce il motivo.

La perla assassina – Giovane e bellissima donna venticinquenne dalle incredibili doti
ginniche, abile nelle tecniche orientali miste (FMA, Silat, Wing Chun, Systema, Krav
Maga) sembra abbia origini filippine (Tandag). È una killer prezzolata ben addestrata e
pronta a tutto. Ingaggiata per uccidere Kimberly dal figlio di Pardy (Hackman) ha capelli
neri che spesso raccoglie in una lunga e corposa treccia dietro la nuca. È alta 1,75 ed è
un’ottima tiratrice. Ha labbra carnose e pelle ambrata ed un corpo tonico.

Pauraz – Sindacato malavitoso internazionale che non ha rivali. La distale è la sua mano
armata silenziosa, addetta agli omidici su commissione e ai “lavori sporchi”. Tutti sanno e
nessuno interviene. Toccherà a Kimberly, suo malgrado, smantellarla completamente – o
almeno provarci… A capo del sindacato, un misterioso uomo molto molto potente…

Fantàsià è una raccolta di racconti il cui ricavato andrà all’ASROO, Associazione Scientifica Retinoblastoma e Oncologia Oculare di Siena. Il progetto è nato dall’idea di Stefano Labbia con l’idea di sostenere le attività di ricerca sul Retinoblastoma, il tumore oculare più frequente in età pediatrica.

Nell’antologia si sperimenta il tema della fantasia con gli autori: Aharan Lee, Elena Panzera, Giorgia Sbuelz (già vincitrice del concorso “Una fiaba per Asroo”), Greta Guerrini, Maggie van der Toorn, Monica Serra, Silvia Bruni e Stefano Labbia che hanno dedicato gratuitamente il loro tempo e le loro competenze in beneficenza. La prefazione è di Mattia Albani.
Un contributo speciale nella realizzazione del progetto va a Palma Caramia, interior design che ha intrapreso la strada da bookblogger per recensire e commentare i libri presenti nel catalogo Amazon e librerie fisiche e che attualmente collabora come grafica e illustratrice per autori emergenti e non.
La racconta di racconti è disponibile su Amazon qui.

Stefano Labbia, classe 1984, è un giovane autore italiano di origine brasiliana, Founder e
CEO de Black Robot Entertainment, casa di produzione e management agency di prodotti
audiovisivi inglese e di Black Robot Publishing, casa editrice con sede in Gran Bretagna.
Nato nella Capitale d’Italia, ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie, “Gli Orari del
Cuore” nel 2016 per Casa Editrice Leonida. Nel 2017 ha dato alle stampe la sua seconda
silloge poetica dal titolo “I Giardini Incantati” (Talos Edizioni) ed il suo primo romanzo
“Piccole Vite Infelici” (Elison Publishing – ebook) vincitore del Premio Elison 2017 come
miglior romanzo inedito. Nel 2018 “Piccole Vite Infelici” è stato pubblicato in versione
cartacea da Maurizio Vetri Editore. L’autore ha pubblicato inoltre una raccolta di racconti,
“Bingo Bongo & altre storie” (Il Faggio Edizioni – ebook) nello stesso anno. Nel 2019 è
uscita la sua terza raccolta poetica dal titolo “Vivo!!!” (Tempra Edizioni) e la sua prima
graphic novel “Killer Loop’S” volume 1 per LFA Publisher.

Ha pubblicato / è inoltre presente in: “Un penny dall’inferno” (Senso Inverso Edizioni –
2017 – Raccolta di racconti horror di Autori Vari selezionati tra i vincitori del Concorso
Letterario “Luce Nera” III edizione); Antologia poetica “Versus Sulmona 2016 – 2017” –
Lupi Editore (AAVV – selezionato in occasione del Premio Letterario “Versus Sulmona
2016 – 2017); Antologia di racconti “Preghiera di un uomo che cade dalle nuvole” –
vincitore del concorso letterario “Oceano di Carta 2017” (Senso Inverso Edizioni – 2017);
Antologia racconti e poesie “Una città che scrive. Una città che rinasce.” 2017
(Associazione “Una città che…”) selezionato per il Premio Letterario Internazionale “Una
città che scrive 2017″; Raccolta poetica “Rosa” selezionato per il concorso letterario “Versi
in Volo” (Sensoinverso Edizioni – 2017); “Nello specchio” – Antologia di racconti horror di
Autori Vari selezionati tra i vincitori del Concorso Letterario “Luce Nera” IV edizione
(Senso Inverso Edizioni – 2018).

Ha inoltre pubblicato, per Aster Academy, il volume di illustrazioni “Super Santa for Peace”
con la collaborazione di artisti internazionali, basato sui personaggi da lui ideati presenti in
Super Santa e Kremisi, due graphic novel che firma come autore, il cui ricavato è andato
totalmente alle vittime del terremoto del Messico del 2017.

Una sua storia breve sul tabagismo disegnata da Giovan Giuseppe Trani è stata pubblicata
su La Lettura supplemento del Corriere della Sera (RCS) – Novembre 2018.
Una sua intervista esclusiva è apparsa sul numero 284/19 nella storica rivista italiana
dedicata alla nona arte “Fumo di China”.

Collabora dal 2018 con il portale Insidetheshow.it (cinema) e dal 2017 anche con i portali
Okay News e Youtubers Italia.

Siete curiosi?

 

 

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: Il giallo del Pangolino giallo di Marco Iosa e Giovanni Nori Successivo Paper Corn: La Missy sbagliata di Tyler Spindel (2020)