Paper Corn: La Missy sbagliata di Tyler Spindel (2020)

 

 

Titolo originale: The wrong Missy
Anno:  2020
Genere: Commedia, sentimentale
Regia: Tyler Spindel

Quando incontra la ragazza dei suoi sogni e la loro relazione si evolve rapidamente tramite messaggi SMS, Tim Morris decide di fare una mossa azzardata invitandola a un evento aziendale in un resort tropicale. Ma quando la ragazza di un passato appuntamento da incubo si presenta all’aeroporto pronta per il fine settimana, Tim scopre troppo tardi di aver contattato La Missy sbagliata

 

 

Prosegue la mia maratona di commedie su Netflix, questa volta mi sono lasciata tentare da una novità approdata da poco sulla piattaforma…purtroppo sono rimasta abbastanza delusa da La Missy sbagliata. Ok, forse mi sono buttata sul titolo un po’ troppo velocemente, in effetti la locandina non è che mi abbia proprio attirata ma infondo il film era in classifica! Solitamente non mi fido per niente delle classifiche, in questo momento mi domando perché sono riuscita a cadere in questa rete. In realtà è colpa dell’assenza di programmazione, non avevo minimamente adocchiato nessun altro titolo “da vedere più tardi” così mi sono ritrovata a schiacciare il tastino play sulla prima commedia che mi è capitata a tiro.

La Missy sbagliata è una commedia divertente, non mi è sembrato un film per nulla romantico, o almeno non nel senso stretto che ci si può aspettare: il livello di romanticismo di questo film è molto moderno e poco convenzionale! Se i protagonisti, Tim e Melissa, vengono presi in simpatia questa commedia può risultare piacevole e divertente, a me purtroppo è successo il contrario infatti ho sviluppato una fastidiosa urticaria nei loro confronti. Non so bene spiegarvi il motivo ma io ho trovato Tim e soprattutto Missy davvero irritantissimi! In realtà Missy è irritantissima, è proprio così il suo personaggio, purtroppo a me non è accaduto di riuscire a cogliere comunque divertimento nella sua figura. Insomma, la visione di La Missy sbagliata per me si è rivelata una lunga e faticosa salita verso il nulla, non vedevo l’ora di ultimare questo film.

 

 

Tim e Melissa si conoscono ad un appuntamento al buio, da subito la loro serata è messa a dura prova dallo strano comportamento di Missy, a dir poco irriverente e fuori dagli schemi. Tim non vede l’ora di salutare la donna, tanto che prova a scappare dalla finestra del bagno ma ahime Missy ha occhi e orecchie ovunque. Terminato il terribile incontro Tim desidererebbe conoscere una persona interessante della quale innamorarsi per mettere definitivamente alle spalle il tradimento della ex. In aeroporto l’uomo si scontra con quella che pare la donna dei suoi sogni, una bellezza che ha solcato le passerelle d’America, astemia proprio come lui, rispettosa e amante dei libri, tanto che si sono ritrovati a leggere lo stesso romanzo. La “nuova” Melissa sembra essere per Tim amore a prima vista, con la promessa di conoscersi meglio i due si scambiano il numero e prendono voli differenti.

Il timido protagonista prova a prendere il toro per le corna e scrive alla donna; i due iniziano a scambiarsi tanti, tantissimi sms tanto che Tim decide di invitarla ad un importante evento aziendale nelle Hawaii. Tim sale sull’aereo in preda alla voglia di rivedere quella donna bellissima, peccato però che la Missy che si accomoda accanto a lui non è quella sperata, bensì la ragazza protagonista del terribile appuntamento al buio. Strana, sboccata, esuberante, esagerata, viziosa, irritante, inopportuna. Ecco alcuni aggettivi che definiscono Missy. Inizia così per il protagonista un lungo, lunghissimo weekend che lo porterà alla fine ad apprezzare la poco sobria irriverenza della Missy sbagliata. Per me questo film è un no, purtroppo non mi sono piaciuti per niente i personaggi, la storia è piuttosto sciocca e fino alla fine tifavo per “la Missy giusta”.

 

Al prossimo film!

 

 

May the Force be with you!
FILM , ,

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente Close-Up #34: Killer Loop'S #1 di Stefano Labbia e Marco Proietto Successivo Inku Stories #54: Seiri-chan. La tua amica mensile di Ken Koyama