The Whispering room: La strada perduta di Mauro Orefice

Ricordati che qualsiasi momento è buono per cominciare. Apprendi dagli audaci, dai forti, da chi non accetta compromessi, da chi vivrà malgrado tutto. Alzati e guarda il sole nelle mattine e respira la luce dell’alba. Tu sei la parte della forza della tua vita. Adesso svegliati, combatti, cammina, deciditi e trionferai nella vita; Non pensare mai al destino, perché il destino è il pretesto dei falliti.
(Pablo Neruda)

 

 

Editore: LFA Publisher
Data di uscita: 27 febbraio 2018
Prezzo: 3.63 €
Pagine: 119

Un ragazzo di 40 anni che si appresta a diventare un uomo. Un evento tragico che lo costringe a fare i conti con l’apatia della sua vita. Una scelta d’amore difficile tra tre bellissime donne. Un cambiamento di lavoro che diventa irrinunciabile. Tutto questo ripercorrendo la storia del protagonista attraverso i suoi ricordi e momenti indimenticabili che lo hanno portato ad essere quello che è adesso. Sensazioni,Emozioni Comuni a tutti ma Uniche nel Viverle da soggetto a soggetto, il Romanzo della Nostra Vita.

 

 

  • Come è nata l’idea di La strada perduta?

L’idea per la strada perduta é nata da un mio momento particolare, nel quale ho subito una perdita importante nella mia vita, quella di mio zio, persona chiave per me. Ho voluto fotografare questo mio momento personale, tirare le somme, ma soprattutto ho avuto l’esigenza di scrivere per poter elaborare la mia situazione e superarla.

 

  • C’è un episodio che ti si è delineato prima degli altri?

L’episodio che si é delineato prima degli altri é stato sicuramente il momento in cui mio cugino ha elencato le virtù di mio zio, concludendo con una frase che mi ha aperto un mondo che ho voluto descrivere attraverso questo romanzo.

 

  • A quale dei tuoi personaggi sei più legato? Hai qualcosa in comune con uno di loro?

Sicuramente il personaggio a cui sono più legato é Maurice, che é poi una mia trasposizione. Però i personaggi che lasciano in questo libro qualcosa di loro sono tanti. Ognuno col suo modo, con la sua personalità hanno lasciato e lasciano ancora oggi emozioni, insegnamenti a Maurice e che possono servire anche a chi legge.

 

  • Descrivici Maurice con tre aggettivi

Maurice é entusiasta, idealista e passionale.

 

  • Come mai la scelta di attribuire a quasi tutti i tuoi personaggi un nome straniero?

La scelta di dare nomi stranieri ai personaggi é stata dettata dal fatto di voler dare un contesto universale alla storia e dare la possibilità al testo di poter eventualmente essere tradotto in altre lingue.

 

  • La tua storia mi è sembrata ambientata in Italia, a Napoli e dintorni, se non sbaglio però nel romanzo non è esternato chiaramente, come mai?

In realtà é così però come ho già detto in precedenza c’è il voler non contestualizzare il luogo perché la storia é universale e può tranquillamente essere ambientata in altri luoghi perché cita eventi comuni a tutti.

 

  • C’è qualche episodio che non hai scritto nel tuo romanzo e vuoi condividere con i tuoi lettori?

Non ci sono episodi che ho scritto e non ho inserito nel mio romanzo.

 

  • Quali sono i tuoi romanzi preferiti?

Sulla strada di Kerouac é uno dei romanzi di vita che mi hanno sicuramente coinvolto di più. Non potrei però non citare Siddhartha e la sua ricerca di vita come il Conte di Montecristo che credo per storia e finale li batte tutti.

 

  • Ti sei ispirato ad un romanzo o ad uno scrittore in particolare?

Non mi sono ispirato a nessun romanzo né a nessuno scrittore in particolare perché io scrivo di getto e solo se sento l’esigenza di farlo.

 

  • Come ti sei avvicinato alla scrittura? Cosa significa per te scrivere?

Mi sono avvicinato alla scrittura per gioco, prima scrivendo alcuni versi e poi cimentandomi in questo primo romanzo. Per me scrivere é dare voce a ciò che che non riesco ad esprimere a parole o che non sono pronto a tirare fuori, ma che attraverso questo splendido mezzo puoi condividere col mondo.

 

  • Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

I miei progetti futuri sono la pubblicazione di un secondo libro che a differenza del primo venuto fuori da un mio momento di riflessione, negativo, é nato da un mio momento di esaltazione e narrerà di una passione forte. Inoltre sto ultimando un altro libro però preferisco finirlo prima di parlarne.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #16: My Hero Academia N° 5 e 6 di Kohei Horikoshi Successivo Inku Stories #17: Lo squalificato. Vol. 1 di Junji Ito (Star Comics)