Let’s talk about: Il gioco dell’assassino di Sandra Scoppettone (Piemme)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Il protagonista di oggi è un giallo per ragazzi della collana Giallo e Nero, Il gioco dell’assassino di Sandra Scoppettone, pubblicato da Piemme per Il Battello a Vapore.

Data di uscita: 19 Giugno

Acquistalo subito: Il gioco dell’assassino

Editore: Piemme
Collana: Il Battello a Vapore, Giallo e Nero
Genere: Giallo, Libri per bambini
Traduzione: Luciana Pugliese
Età: Dai 12 anni
Illustrazione di copertina: Giordano Poloni

Prezzo: € 9,90
Pagine: 234

Anna e la sua famiglia si sono da poco trasferiti a Blue Haven Island, nel Maine. Una sera, mentre i ragazzi del paese stanno giocando al “gioco dell’assassino”, uno di loro viene misteriosamente ucciso. Per scagionare suo fratello, Anna si mette a indagare sul delitto, e parlando con i suoi nuovi amici arriva pian piano a comporre un’inaspettata immagine della vittima, portando alla luce una verità che nessuno vuole raccontare. Finché, per arrivare a smascherare il colpevole, si troverà a rischiare la sua stessa vita.

La settimana scorre e poco a poco sto sia recuperando le vecchie letture che quelle nuove, sembra proprio che il mio proposito per l’anno nuovo si stia lentamente concretizzando, finalmente sono riuscita a ripescare i romanzi che mi attendevano in libreria, come questo di cui vi parlo oggi, un giallo per ragazzi che ha tutti gli ingredienti per conquistare gli appassionati del genere di tutte le età.

Pur essendo destinato ai bambini di dodici anni Sandra Scoppettone è riuscita a intrappolare anche me nella sua trappola mortale impregnata di suspense e mistero, infatti “Il gioco dell’assassino” è uno di quei romanzi che già dalle prime pagine è impossibile lasciare da parte tanto si è rapiti dalla storia e oltremodo dall’indagine della sua giovane protagonista, Anna.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Anna e la sua famiglia si trasferiscono a Blue Haven Island, nel Maine, un posto tranquillo nel quale ricominciare e isolarsi da coloro che già conoscono la brutta reputazione del fratello gemello, colui che mette a rischio il buon nome della sua famiglia, per questo motivo ripartire in una nuova città svolgendo un lavoro in un ristorante di famiglia può essere salutare.

Il trasferimento porta con sè una ventata di freschezza ma anche di novità, per un’adolescente come Anna porta con sè l’amore, un sentimento profondo per Kirk, ma ecco che l’equilibrio che credeva di aver raggiunto diviene fragile, durante Il gioco dell’assassino Kirk muore e tutti i sospetti si indirizzano verso suo fratello, il perfetto capro espiatorio o forse non è una coincidenza?

Intenta a scoprire la verità Anna cerca risposte in quella giornata dove le risate, i respiri e passi incerti facevano da colonna sonora mentre tutti si divertivano e aspettavano che l’assassino trovasse la vittima perfetta. Qui comincia la nostra delicata indagine, seguendo i passi di Anna, uno a uno vedremo i volti dei sospettati per trovare il vero assassino, qualcuno di inaspettato e malvagio.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Pubblicato per la prima volta nel 1996 nella collana Miti junior di Mondadori, Il gioco dell’assassino è ritornato con una nuova veste grafica in libreria, trasformandosi in uno dei tasselli di Giallo e Nero, la collana per ragazzi che ha come protagonisti storie di mistero e suspense, indagini nelle quali i lettori più giovani troveranno pane per i loro denti.

Uno degli aspetti che mi ha particolarmente colpita è la semplicità con la quale quest’autrice è riuscita a creare una storia ben strutturata, intingendo la sua penna di mistero e rendendolo tangibile, sembrava quasi di poter vedere i personaggi prendere vita e cadere uno a uno come pedine di Cluedo mentre si è intenti a scoprire la vera identità dell’assassino. Senza ombra di dubbio è il romanzo che finora preferisco. 

“Un secondo fischio. Silenzio. Poi quel che tutti si aspettavano, e che tuttavia risultò agghiacciante: un urlo nella notte, lungo e acuto. L’urlo si protrasse, si levó in alto, cessó. Per un secondo non si udí nulla, come se anche il tempo si fosse fermato. Ma al nuovo esplodere della luce, seguito dal rimbombare del tuono, si trovarono faccia a faccia con la verità. Uno di loro era stato assassinato”.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Piemme per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente The Whispering room: La memoria degli uomini di Luigi Manno Successivo La lieve carezza del tramonto di Rosetta Spinelli | Recensione di Deborah