Un libro per due: Nel silenzio della notte di G.J. Minett

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Nuovo appuntamento per “Un libro per due”. Questa volta io e Sara di Bookspedia abbiamo scelto di leggere “Nel silenzio della notte” di G.J. Minett , pubblicato da Newton Compton Editori, con la traduzione Emanuela Alfieri

Data di uscita: 24 Gennaio

Acquistalo subito: Nel silenzio della notte

Editore: Newton Compton Editori
Collana: Nuova narrativa Newton
Traduzione: Emanuela Alfieri
Genere: Thriller

Prezzo: € 12,00
Pagine: 331

Owen hall si ferma a una stazione di servizio e la ragazza che è in macchina con lui si avvia verso i bagni delle donne. Non farà mai ritorno. Nessuna telecamera l’ha ripresa e Owen è l’unico ad averla vista in quel luogo. La reazione disperata del ragazzo spinge i presenti, allibiti, a chiamare la polizia. Le autorità non aspettavano altro per rimetterlo sotto torchio. Owen infatti è tra gli indiziati di un delitto che ha sconvolto la provincia: l’omicidio di un uomo avvenuto poco tempo prima, il cui cadavere è stato trovato in aperta campagna nella sua auto. Owen è sempre stato considerato da tutti un “diverso”. È grande e grosso, e ha la tendenza a balbettare e parlare da solo. È lui il colpevole? O qualcuno sta cercando di incastrarlo? Nessuna tra le persone vicine alla vittima sfugge ai sospetti. Forse intorno a questo omicidio niente è come sembra.

Ormai il nostro piccolo spazietto sta diventando sempre più ampio, io e Sara poco a poco stiamo arricchendo questo angolo di tante letture interessanti, ma soprattutto quello che rende speciale “Un libro per due” è il fatto che lo condividiamo e ci divertiamo nel farlo, nel parlare di ciò che ci piace ed ecco perchè oggi aggiungiamo un altro tassello, il romanzo di G.J. Minett, Nel silenzio della notte.

Questa è la prima volta che mi capita tra le mani un romanzo di quest’autore e devo essere onesta, questa è stata un lettura inaspettata, poco a poco G.J. Minett, attraverso diversi punti di vista, ha costruito una storia particolare, allargando e restringendo la visuale affinchè chi legge possa seguire ogni singolo particolare, snodato tra svariati frammenti, che potevano creare, ma che in qualche modo è riuscito a bilanciare, mostrandoci la sua opera a tutto tondo.

Il suo stile è semplice e diretto, si riesce a seguire ogni singola azione perchè oltre a darci nomi, ci regala uno squarcio in una porzione di tempo ben precisa, permettendo di non perdere il filo della narrazione e il mistero che aleggia tra le pagine, intrecciandosi al crimine. È come se l’autore avesse voluto mettere tutti i personaggi sotto una campana di vetro e scoprire cosa succede quando una piccola crepa fa entrare fin troppa aria, facendo esplodere l’illusione di sicurezza che la copertura garantiva.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Da ogni singolo personaggio emerge il suo lato oscuro, ciò che cela agli occhi degli altri, ma fra tutte le voci spicca quella di Owen Hall, il vero protagonista, la cui vita è sempre stata una lotta. Considerato da tutti quello strambo è stato messo da parte da chiunque incrociasse la sua strada, eppure Owen un talento ce l’ha, la sua ossessione gli permette di sopravvivere, di trovare risposte alle sue domande e per un momento ho immaginato di rivedere “Numbers”, la serie televisiva che tanto adoravo, poichè erano i numeri la chiave per risolvere un crimine.

Nonostante questo non sia “Numbers” ho adorato il modo in cui  l’autore ha caratterizzato Owen, andando fino in fondo e tirando fuori tutto dal suo personaggio, dal suo comportamento alla psiche, permettendoci di guardarlo da ogni angolazione, in particolar modo dalle esperienze che ha vissuto da ragazzo, come il bullismo che ha subito e che lo ha costretto a studiare a casa, allontanandosi in tutto e per tutto dall’ambiente scolastico.

Ormai adulto, incontra Abi, la sua ex compagna di scuola e unica persona che sia stato gentile con lui, la quale ingaggia per sistemare il giardino, ma colpo di scena, lei è sposata con uno dei bulli che tormentavano Owen a scuola, Callum, e questo lo mette sulla difensiva, come se non bastasse un omicidio apre una ferita nel cuore della comunità e improvvisamente Owen si ritrova a essere uno dei sospettati.

Come se fosse un gioco di luci e ombre ogni singolo personaggio mostra poco a poco il suo reale volto mentre la penna di Minett affonda le sue radici nella comunità, indirizzando i sospetti su vari, facendo credere ingenuamente al lettore che sia facile scovare la mela marcia, ma la verità è che più a fondo si va nel romanzo e più ci si rende conto che in realtà quello che dipinge l’autore è un mosaico di identità diverse che si intrecciano, tra passato e presente, invogliando a leggere fra le righe e conoscere l’animo umano in tutte  le sue sfumature.

Nel silenzio della notte è un viaggio su una strada sterrata che ad ogni dosso o curva cieca ci mostra un paesaggio ricco di insidie, ma meraviglioso.

“Scintille che volano ovunque, il battito molto più rapido del normale. Perchè lui la conosce. Sa esattamente dove l’ha vista”.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Newton Compton per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Dove il destino non muore di Elisabetta Cametti | Recensione di Deborah Successivo TGIF – Book Whispers #53: I libri consigliati di questa settimana