Old But Gold: Hercule Poirot indaga di Agatha Christie

 

Poirot ed io stavamo aspettando per il tè il nostro vecchio amico, l’ispettore Japp di Scotland Yard. Eravamo seduti davanti al tavolino da tè in attesa del suo arrivo. Poirot aveva appena finito di sistemare con cura tazze e piattini che la nostra padrona di casa usava buttare sul tavolo invece di disporli con cura. Aveva anche respirato pesantemente sopra la teiera di metallo lustrandola poi con un fazzoletto di seta. Il bricco stava per bollire e non lontano, in una ciotola di smalto, c’era una densa crema di cioccolato che a Poirot piaceva molto più di quello che lui descriveva come «il vostro veleno inglese».

 

Editore: Libri Mondadori
Data di uscita: 23 gennaio 2019
Pagine: 204
Prezzo: 11.50 €

Pochi personaggi, nella letteratura poliziesca, possono vantare una carriera lunga e fortunata come quella di Hercule Poirot. Nato nel 1920 e scomparso nel 1975, un anno prima della sua autrice, Poirot è uno dei personaggi più amati dai lettori di tutto il mondo. Piccolo, grassottello, con baffetti arricciati sulle punte e la testa “a forma d’uovo”, ha partecipato a numerose indagini considerate pietre miliari del giallo. Nelle undici storie di questa raccolta il detective risolve brillantemente casi difficili e complicati grazie alla sua proverbiale capacità investigativa.

 

 

Paletta e scopino alla mano, è ora di tornare a rispolverare un grande classico dalla nostra libreria Old But Gold firmato dalla penna di Agatha Christie, Hercule Poirot indaga. Ormai non riesco a resistere molto a lungo senza immergermi in uno dei romanzi della Christie, ultimamente sono riuscita a tuffarmi in diverse indagini condotte dal mio investigatore preferito, Poirot. Dopo l’entusiasmante lettura di quello che è diventato uno dei miei gialli preferiti di questa grande autrice, L’assassino di Roger Ackroyd, mi sono imbattuta in Hercule Poirot indaga, una raccolta di undici racconti, undici piccole indagini al fianco del mio amato Poirot!

Ho proseguito il tuffo tra i romanzi della Christie ritornando alla mia strategia d’origine, ovvero il non averne una! Nella scelta di questa nuova avventura mi sono affidata al caso, e inconsapevolmente mi sono ritrovata tra le mani tante piccole indagini e non una sola. Vediamo com’è andata!

 

 

Devo ammettere che non mi ero assolutamente informata a priori sulla trama e sulla struttura di Hercule Poirot indaga; alla fine del primo racconto sono rimasta un po’ spiazzata e lì per lì non ho capito subito che si trattava di una raccolta, pensavo più che fosse una particolare introduzione all’indagine vera e propria. Poco dopo però la sensazione che qualcosa non quadrava era troppo forte, così ho constatato che avrei presto affiancato il mitico Poirot in undici brevi indagini. Nonostante il libro inaspettatamente si è rivelato qualcosa di diverso da ciò che avevo previsto, ero molto entusiasta di accompagnare il mio investigatore preferito in questa nuova avventura. Come è andata? Devo dire mi sono divertita molto a mettere alla prova le mie capacità investigative, per la prima volta sono riuscita a scovare quasi tutti i criminali! Rispetto ad un’indagine sotto forma di romanzo in questo caso ovviamente abbiamo pochi protagonisti per volta, il campo dei sospetti è infinitamente più ristretto, e così anche quello dei moventi. Per questo motivo è stato abbastanza semplice individuare il responsabile, quanto alle motivazioni e precisazioni è sempre un grande piacere vedere all’opera le celluline grigie di Poirot a cui non sfugge mai nulla, al contrario invece il buon capitano Hastings brancola sempre nel buio.

Di tutti gli undici racconti quelli che ho preferito meno sono stati La maledizione della tomba egizia e Il rapimento del Primo Ministro, gli altri mi hanno davvero incollata alle pagine, specialmente La tragedia di Marsdon Manor, La sparizione del signor Devenheim e Il caso del testamento mancante. La raccolta di racconti Hercule Poirot indaga mi è piaciuta davvero tanto, c’è l’ombra di un “però”? Ebbene sì, se devo impegnarmi a ricercare un cavillo mi è mancata tanto l’emozione di essere sorpresa dalla soluzione finale a cui non mi ero minimamente avvicinata. Mi è mancato essere sorpresa e spiazzata dalla Christie, per questo motivo nonostante la raccolta mi sia piaciuta tantissimo preferirò sempre leggere un’indagine completa dal mio investigatore preferito. Non vi nascondo che è stata comunque una soddisfazione scoprire per una volta quasi tutti i colpevoli!

 

Al prossimo classico!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #54: Seiri-chan. La tua amica mensile di Ken Koyama Successivo Il giardino delle delizie di Joyce Carol Oates | Recensione di Deborah