Old But Gold: Poirot e la strage degli innocenti di Agatha Christie

Agatha Christie pseudonimo di Agatha Mary Clarissa Miller. Scrittrice inglese. Di famiglia agiata, viene educata privatamente. Ancora bambina scrive racconti e poesie; alcune di queste vengono pubblicate nel 1908 in «Poetry Review». Nel 1914 sposa Archibald Christie dal quale divorzia nel 1928. Il genere letterario con cui raggiunge il successo in campo internazionale è il romanzo poliziesco. La “signora del crimine” ha scritto più di 50 romanzi e 100 racconti; da molti di questi sono stati tratti film, commedie e telelfilm. Nei suoi due ultimi romanzi, Sipario, l’ultima avventura di Poirot (1975) e Addio, Miss Marple (1976) l’autrice ha scelto di far morire i suoi due, ormai vecchissimi, detective: i romanzi erano stati scritti anni addietro, la scrittrice scelse di mantenerli inediti sino a poco prima della sua morte.

 

Noi due abbiamo una cosa in comune: disapproviamo gli omicidi”. La signora Emlyn lo fissò per un momento. La sua espressione non mutò ma Poirot intuì che lo stava valutando con molta cura. “Mi piace il modo in cui l’avete detto” dichiarò “Da quello che si legge e si sente dire al giorno d’oggi, sembra che sotto certi aspetti l’omicidio stia, lentamente ma progressivamente, diventando accettabile per gran parte della società.

 

Editore: Libri Mondadori
Data di uscita: 27 febbraio 2017
Pagine: 227
Prezzo: 12.00 €

A Woodleigh Common i ragazzi stanno festeggiando Halloween quando viene fatta una scoperta agghiacciante: la tredicenne Joyce è stata assassinata. La giallista Ariadne Oliver, presente al party, si precipita dall’amico Poirot e lo convince a interessarsi del caso: Joyce, infatti, poco prima della morte, si era vantata di aver assistito a un omicidio, ma nessuno le aveva creduto. Possibile che invece la ragazza, conosciuta per essere un gran bugiarda, avesse detto la verità? E che il colpevole abbia deciso di chiuderle la bocca per sempre?

 

 

Paletta e scopino alla mano, è ora di tornare a rispolverare un grande classico dalla nostra libreria Old But Gold firmato dalla penna di Agatha Christie, Poirot e la strage degli innocenti. Ormai non riesco a resistere molto a lungo senza immergermi in uno dei romanzi della Christie, era da un po’ che non riuscivo a a tuffarmi nelle indagini condotte dal mio investigatore preferito, Poirot. Dopo l’entusiasmante lettura del drago contenente tutti i raccondi di Poirot mi sono tuffata in un nuovo romanzo che ho davvero adorato, Poirot e la stage degli innocenti mi ha tenuto con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina, è un romanzo perfetto anche in vista di Halloween dato che l’omicidio avviene a una festa a tema proprio il 31 ottobre.

Non aspettatevi che l’intero romanzo sia dedicato o ambientato ad Halloween ma ci sono diversi riferimenti a questa fesitività anche per noi incombente, comunque per me Poirot e la strage degli innocenti si è rivelato il romanzo giusto al momento giusto, perfetto con il mood del periodo. Infondo può mai esserci un momento sbagliato per leggere la Christie? Assolutamente no!

 

 

Poirot e la strage degli innocenti è un romanzo ambientato nella tranquilla campagna inglese,più precisamente a Woodleigh Common; la sera del 31 ottobre è in corso una festa di Halloween per ragazzi, il party è organizzato in una splendida villa da una ricca signora che è un esponente importante della comunità. I ragazzi e i pochi adulti presenti si divertono molto a partecipare ai diversi giochi organizzati, fino a che alla fine della serata viene trovato il corpo senza vita della tredicenne Joyce, qualcuno ha assassinato la giovane annegandola nel secchio utilizzato per il gioco delle mele in biblioteca. La giallista Ariadne Oliver presente alla festa è sconvolta, poco prima dell’inziio della serata Joyce si era vantata con i presenti di aver assistito a un omicidio in passato, purtroppo nessuno ha creduto alle parole della giovane anche perché la ragazzina ha sempre avuto il vizio di inventarsi bugie per mettersi in msotra. Ariadne Oliver essendo amica di Poirot coinvolge prontamente il mitico investigatore nel caso, un caso particolarmente delicato essendo la vittima poco più che una bambina. La povera Joyce avrà detto la verità in quell’occasione? Una verità o una bugia che le ha fatto pagare il prezzo più alto. Riuscirà Poirot a snodare l’intricata matassa di fili che conduce direttamente al colpevole?

Poirot e la strage degli innocenti è un giallo che mi ha tenuto con il fiato sospeso, forse non uno dei più sbalorditivi che ho letto riflettendo sulla soluzione finale ma comunque Agatha Christie ha saputo essere come sempre sorprendente!

 

Al prossimo classico!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Paper Corn: Space Jam New Legends di Malcolm D. Lee (2021) Successivo Il segreto della speziale di Sarah Penner | Recensione di Deborah