Paper corn: Lei è troppo per me di Jim Field Smith (2010)

 

 

Titolo originale: She’s out of my league
Anno:  2010
Genere: Commedia, sentimentale
Regia: Jim Field Smith

Kirk Kettner è un ragazzo timido che lavora come agente della sicurezza all’aeroporto di Pittsburgh insieme ai suoi amici Schizzo, Devon e Jack. Oltre alla poco appagante carriera lavorativa, anche la sua vita sentimentale è un disastro, da quando è stato lasciato dall’ex fidanzata Marnie. Una mattina la bella Molly McCleish arriva al terminal passeggeri per prendere un volo per New York. Durante il checkpoint, Molly attira le attenzioni di parecchi agenti di sicurezza che cercano di flirtare con lei. Kirk è l’unico che la tratta cortesemente. Lei lascia accidentalmente il suo cellulare nella zona di sicurezza dell’aeroporto. Chiamando il suo telefono, Kirk risponde e organizzano un appuntamento la sera seguente in modo che lui possa restituirglielo. I due ragazzi finiscono per instaurare una relazione, nonostante lo stupore e lo scetticismo di amici e familiari, che continuano a ricordare al povero Kirk che forse Molly è troppo per lui. Questa novità fa nascere una forte gelosia in Marnie, che riacquista un improvviso interesse per Kirk.

 

 

La visione di Lei è troppo per me non è stata programmata, ero alla ricerca di un film leggero per riempire una sera vuota e mi sono imbattuta in questa commedia. Sì, tutto sommato è proseguita la mia maratona ma devo ammettere che la pellicola non mi ha molto soddisfatta. Credo che per le prossime volta sarà strettamente necessario fare qualche ricerca in più, sono un po’ demoralizzata di essere incappata per due volte in un film che non mi ha fatto molto impazzire.

In questo caso credo di essermi tirata un po’ la zappa sui piedi da sola, infondo non ho mai amato il genere American Pie, anche se quella lunghissima serie è stata a tratti divertente. Sì, durante l’adolescenza. Forse. Insomma Lei è troppo per me rientra in quel genere di commedie divertenti, leggermente sentimentali, un po’ piccanti e colorite ma di fianco al grande classico americano questo film risulta piuttosto sciapo. Tutto sommato la commedia è divertente, la storia ovviamente poco originale ma in questo caso i sentimenti hanno avuto più spazio rispetto alle zozzerie. Strano vero?

 

 

Infatti non sono riuscita bene a inquadrare questo film: non è una commedia romantica in quanto ritroviamo molti elementi sopra le righe tipici delle commedie sexy (se così possiamo definirle); il linguaggio è colorito ma non troppo e i sentimenti sono fin troppo presenti per un film di questo tipo. Insomma ho avuto la sensazione che questo film non fosse né carne né pesce, una storia abbastanza divertente ma un po’ vuota. Una cosa però che mi è piaciuta è il fatto di avere un protagonista anonimo e una protagonista molto carina, infondo non solo le ragazze possono avere problemi ad accettare il proprio aspetto. L’argomento è molto importante e interessante, ovviamente viene banalizzato in un contesto del genere

Kirk è un ragazzo come tanti, timido e un po’ magrolino, che lavora come addetto alla sicurezza all’aeroporto di Pittsburgh. La vita lavorativa, familiare e sentimentale del ragazzo sono un vero e proprio disastro; io aggiungerei anche la sfera delle amicizie, ma in realtà Kik è nel suo gruppo di amici che si rifugia. Una mattina fa la sua comparsa ai controlli la bella Molly, una ragazza avvenente che suscita subito l’interesse di tutti gli uomini nei paraggi. Molly dimentica il suo telefonino ai controlli e Kirk glielo riporta a un evento in città; tra una cosa e l’altra la ragazza per sdebitarsi invita Kirk a una partita di hockey. Da quel momento i due iniziano una tiepida frequentazione, gli amici e i famigliari di Kirk sono increduli e non perdono occasione per sottolineargli che forse Molly è troppo per lui. Molly dal canto suo è seriamente interessata a Kirk, stanca di ritrovarsi sempre nello stesso genere di relazioni che finiscono per spezzarle il cuore. Durante Lei è troppo per me assistiamo a una serie di episodi divertenti che porteranno a dividere la nuova coppia, riuscirà l’amore a trionfare?

 

Al prossimo film!

 

 

May the Force be with you!
FILM ,

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente #proiettilidicarta: Primo piano sul cadavere di Léo Malet (Fazi Editore) Successivo INK’S CORNER: Vita e morte di Toyo Harada (Edizioni Star Comics)