INK’S CORNER: Vita e morte di Toyo Harada (Edizioni Star Comics)

Instagram: @lastambergadinchiostro

Il protagonista di oggi è l’antagonista della serie Harbringer di Valiant raccontato in questo volume intitolato “Vita e morte di Toyo Harada”, uscito a fine maggio per Edizioni Star Comics.

Data di uscita: 27 Maggio

Acquistalo subito: Vita e morte di Toyo Harada

Editore: Edizioni Star Comics
Collana: Valiant
Storia: Joshua Dysart
Disegni: Cafu, Mico Suayan, Butch Guice, Adam Pollina, Diego Yapur, Kano e Doug Braithwaite
Traduzione: F. Delle Rupi

Prezzo: € 10,90
Pagine: 224

Nel 1945, il bombardamento su Hiroshima ha risvegliato un potere immenso e terrificante all’interno del giovane Toyo Harada, un potere che un giorno avrebbe potuto usare per costruire un mondo migliore. Con la rivelazione al mondo dell’esistenza degli psioti, e la sua Fondazione Harbinger lasciata in rovina, Harada è stato trascinato in rovina. L’uomo più potente del mondo sta per diventare il più pericoloso…

Era da un po’ di tempo che non si parlava di un fumetto Valiant, per questo motivo io e Carlo abbiamo deciso di unire le forze ed avventurarci in una storia differente, una che potesse regalarci un punto di vista nuovo su questo universo, abbiamo quindi deciso di leggere insieme “Vita e morte di Toyo Harada”. 

Questo volume ci porta a vedere il mondo dagli occhi di uno degli psioti più potenti dell’universo Valiant, un uomo senza scrupoli che in pochi decenni ha costruito un impero tecnologico.

Ma chi è veramente Toyo Harada? Sin da bambino ha sempre vissuto a contatto con la guerra, dopo che è stato travolto dall’esplosione della bomba atomica di Hiroshima qualcosa in lui è risvegliata, un potere capace di piegare la realtà e sottomettere chiunque al suo volere, ma non sono solo queste due abilità ad essersi risvegliate in lui.

Poco a poco, crescendo, in Toyo si fanno presenti molteplici poteri devastanti, dal volo alla sua capacità di distruggere la materia, ma senza ombra di dubbio la cosa più spaventosa che si è accesa in lui il giorno dell’esplosione è quella sete di conoscenza e di ottenere ciò che è precluso a tutti gli altri, la stessa sete che lo spinge ad affrontare qualunque esercito pur di avere ciò che desidera. 

Uno dei punti di forza di questo personaggio è il suo carisma, il fatto che riesce a trascinare le folle non solo grazie ai suoi poteri ma anche grazie al suo ingegno e alle sue false promesse, infatti agli occhi di tutti appare quasi come una divinità, un essere superiore in grado di dispensare qualunque tipo di bene ai suoi fedeli che, accecati dal suo stesso mito, chiudono gli occhi di fronte alla distruzione che il loro “salvatore” porta con sè.

Così, travestito da eroe, Toyo Harada diventa un personaggio enigmatico che da un lato ha dato tanto al genere umano, sia sotto forma di tecnologie avanzate che di aiuti umanitari, nascondendo sotto lo zerbino i suoi veri scopi, usando la sua stessa fondazione come paravento per tutti i suoi diabolici intenti, usando i suoi stessi “figli” come carne da macello, parti di ricambio per il suo piano finale.

Harada prende vita anche grazie alle tavole dinamiche di Cafu, Mico Suayan, Butch Guice, Adam Pollina, Diego Yapur, Kano e Doug Braithwaite che, storia dopo storia, sono riusciti ad accentuare la complessità dello psiota e dei personaggi che lo circondano. Ogni storia è raccontata con un tratto diverso, che si adatta a ciò che sta per essere raccontato, che in un certo modo enfatizza questo oscuro personaggio riversando nei tratti e nei colori tutte le caratteristiche del suo smisurato e mastodontico ego.

Leggere “Vita e morte di Toyo Harada” significa non solo conoscere più da vicino un personaggio subdolo che ha portato e continua a portare distruzione nel mondo, ma significa anche andare a spasso per diverse epoche, incontrare figure del calibro di Einstein e seguire i suoi ragionamenti, mentre presente e passato si scontrano inevitabilmente portando alla luce ciò che si cela dietro la sua maschera.

«Come ogni altra cosa, come tutti i cambiamenti, tutte le interferenze, tutto ciò che cresceva di nuovo… tutto si riduceva soltanto al richiamo e alla risposta di portentose energie costantemente in movimento».Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Star Comics per la copia omaggio.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Paper corn: Lei è troppo per me di Jim Field Smith (2010) Successivo Close-Up #36: Stanze vuote e Azzurro 2006 (BookRoad)