Paper corn: Rampage – Furia animale di Brad Peyton (2018)

 

Ho salvato George quando aveva due anni. Non è solo un amico. È di famiglia.

 

 

Titolo originale: Rampage
Anno:  2018
Genere: Avventura, azione, fantascienza
Regia: Brad Peyton

Protagonista di Rampage, film d’azione e avventura diretto da Brad Peyton, è il primatologo Davis Okoye. Uomo schivo, Davis condivide un legame indissolubile con George, un gorilla silverback straordinariamente intelligente di cui si occupa dalla nascita. Un rischioso esperimento genetico e dai risultati catastrofici trasforma la gentile scimmia in un’enorme creatura furiosa. A peggiorare le cose, ben presto si scopre che altri animali sono stati modificati allo stesso modo. Mentre questi nuovi predatori alfa devastano il Nord America, distruggendo ogni cosa che incontrano lungo il proprio cammino, Okoye farà squadra con uno screditato ingegnere genetico per creare un antidoto, facendosi strada attraverso un campo di battaglia in continua evoluzione, non solo per impedire una catastrofe globale, ma per salvare lo spaventoso primate che una volta era suo amico

 

 

Proseguo la mia maratona di film su Netflix, protagonista del nostro nuovo Paper corn questo giovedì è Rampage – furia animale, un film che ho scoperto per caso nel catalogo della piattaforma. Sapete, sono particolarmente attratta dai film di fantascienza nei quali ci sono come protagonisti animali, mostri o dinosauri, anche in questo caso non mi spiego come questa uscita cinematografica mi sia completamente sfuggita e appena ho visto questo titolo non ho resistito dall’organizzare una serata film. Rampage mi è piaciuto, ho adorato il gorilla George dal primo momento che ha fatto la sua apparizione; nel complesso ho apprezzato molto il film.

Quello che rende i film di questo tipo davvero godibili sono soprattutto gli effetti speciali, in Rampage fortunatamente le creature giganti sono state rese in modo curato e dettagliato, possono piacere o meno ma agli occhi dello spettatore il risultato è gradevole. Sicuramente trama e dialoghi rivestono sempre una componente importantissima, ponendo però il caso che ci trovassimo di fronte ad una trama intrigante, battute accurate ma effetti speciali pessimi il risultato sarebbe quasi sicuramente di trascinare l’intero film verso la disfatta.

 

 

In Rampage troviamo i classici elementi che vanno a costituire i cliché di questi film: il fallimento di un progetto scientifico/militare, la fuga dei soggetti ostili e una metropoli americana devastata. Vogliamo metterci anche un eroe muscoloso? Tutto sommato, come vi dicevo, il film a me è comunque piaciuto proprio perché mi piace questo genere nonostante i diversi punti poco originali della trama. Pensandoci bene, quanto sono sfortunate le metropoli del Nord America?

Scherzi a parte, Davis Okoye è un primatologo che lavora a contatto con un piccolo branco di gorilla nello zoo di Chicago, ha un rapporto davvero speciale con uno di essi, il capobranco George. Davis anni fa salvò il piccolo gorilla da un gruppo di bracconieri quando era ancora solo un cucciolo, da quel momento la coppia è inseparabile e ha sviluppato una meravigliosa relazione di amicizia. George non è un gorilla come tutti gli altri, è un animale molto intelligente che ha imparato un sistema di gesti per comunicare con il suo amico umano; inoltre George è un gorilla albino. A causa di un pericoloso esperimento scientifico finito male George viene casualmente a contatto con un misterioso agente patogeno che lo tramuta in un furioso gorilla gigante. A peggiorare la situazione anche altri due animali vengono contagiati da questo virus: un lupo chiamato Ralph e un coccodrillo chiamato Lizzie. I tre animali incontrollabili iniziano a gettare nel caos il nord America, devastando ogni luogo che raggiungono durante il cammino. Davis, insieme a una genetista che aveva lavorato all’esperimento fallito, farà di tutto per cercare di trovare una cura e salvare il mondo e il suo caro amico George.

Rampage è un film davvero carino, mi è piaciuta tantissimo l’amicizia tra George e Davis, l’idea di unire due specie diverse e farle comunicare creando momenti davvero divertenti. La serata in compagnia di Rampage si è rivelata davvero carina, un’ottima compagnia!

 

 

Al prossimo film!

 

May the Force be with you!
Precedente INK’S CORNER: Il muro – Homo homini lupus di M. Alberti e A. Charreyron Successivo #proiettilidicarta: La danza del Gorilla di Sandrone Dazieri (Rizzoli)