Paper Corn: Sotto il sole di Riccione di YouNuts! (2020)

 

Io sono stato un grande playboy. Io sono stato il numero uno della zona. Me le son fatte tutte.

 

 

Titolo originale: Sotto il sole di Riccione
Anno:  2020
Genere: Commedia, sentimentale
Regia: YouNuts!

In un’estate possono succedere tante cose: lo sanno bene Marco, Vincenzo, Camilla e Ciro. A Riccione, meta frequentata dai giovani, un gruppo di ragazzi molto diversi tra loro cerca l’amore, l’amicizia e il divertimento. Sulla colonna sonora dei Thegiornalisti, si susseguono le vicende estive che porteranno a dei cambiamenti nelle vite dei protagonisti: Vincenzo, ragazzo cieco con una madre molto apprensiva, scopre per la prima volta l’amore con l’aiuto del suo nuovo amico Furio. Invece, Marco dimostrerà un coraggio inaspettato che porterà alla scelta migliore. Infine Ciro, nuovo bagnino del Bagno 66 e aspirante cantante, ascolterà il suo cuore che gli rivelerà nuovi sentimenti. Come sfondo di queste storie adolescenziali, troviamo storie di adulti che riscoprono l’amore in tarda età: Lucio, Irene e Gualtiero.

 

Prosegue la mia maratona di commedie su Netflix, sì, ho ceduto anche io alla tentazione di guardare Sotto il sole di Riccione il nuovo film diretto da YouNuts!. Era da tanto, tantissimo tempo che non guardavo più una commedia italiana, in realtà un film italiano in generale, non sono proprio il mio genere. Perché guardare allora Sotto il sole di Riccione? Un po’ ho “ceduto” a causa della pubblicità che è stata riservata a questo nuovo titolo, ma soprattutto ho scelto di guardare questo film per questioni di affetto. Sono legata a Riccione perché solo una manciata di anni fa andavo lì in vacanza, per più di dieci anni la famosa cittadina romagnola per me ha significato vacanza, mare e divertimento.

Le mie vacanze romagnole non sono mai state come le vacanze romagnole di cui si parla di solito, infatti io detesto le discoteche e per quanto incredibile possa sembrare non ci ho mai messo praticamente piede, sicuramente mai a Riccione. Mi aspettavo già in partenza che l’atmosfera della vacanza narrata in questo film fosse quella più “classica”, ero però molto curiosa di scoprire se avrei ritrovato anche qualche fattore che mi avesse fatto ricordare con affetto le mie estati trascorse sotto il sole di Riccione. Effettivamente è stato così! Sotto il sole di Riccione è un film che tutto sommato mi è piaciuto proprio perché ho ritrovato al suo interno luoghi e situazioni che ho vissuto in passato e che oggi ricordo con un sorriso. La trama in sé non è nulla di speciale, racconta le classiche vacanze ambite dalla maggior parte dei giovani italiani, includendo praticamente tutti i cliché del caso e situazioni nelle quali non mi sono mai rispecchiata.

 

 

Protagonisti di Sotto il sole di Riccione sono un gruppo di amici che ogni estate si ritrova nella cittadina romagnola per trascorrere insieme le vacanze estive. Il gruppo è composto da ragazzi e ragazze molto giovani provenienti da diverse località italiane, età media per inquadrarli circa 18 – 20 anni, che si sono conosciuti precedentemente lì a Riccione. L’estate è un periodo abbastanza lungo (anche troppo per i miei gusti) che si condensa in una o due settimane di mare, infondo anche se sono solo pochi giorni rispetto a mesi interi di caldo e sudore quelle due settimane possono rivelarsi molto dense. Possono succedere davvero molte cose in un lasso di tempo vissuto al massimo, soprattutto se si è ragazzi il cui unico scopo è divertirsi. Sotto il sole di Riccione ci racconta gli amori più o meno tormentati, le amicizie più o meno sincere e i divertimenti di Marco, Vincenzo, Guenda, Camilla, Furio e Ciro. Insieme a questi ragazzi scopriamo o riscopriamo come può essere intesa, coinvolgente, divertente e tormentata una vacanza. Le storie di questi ragazzi non sono molto originali, tuttavia sono credibili e a tratti divertenti, specialmente mi sono divertita durante alcuni momenti che per me si sono rivelati molto imbarazzanti, un misto tra facepalm e risatine.

Nel complesso mi è piaciuto vedere Sotto il sole di Riccione, è un film simpatico e abbastanza godibile, la classica commedia che personalmente mi ha rievocato ricordi piacevoli.

 

Al prossimo film!

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente INK’S CORNER: La vendetta di gatto killer di Anne Fine (Sonda) Successivo Araldi del vuoto: Sulla chaise-longue di Marghanita Laski (8tto Edizioni )