INK’S CORNER: La vendetta di gatto killer di Anne Fine (Sonda)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

È un giorno miaotastico perché ritorna in libreria Tuffy, il personaggio creato da Anne Fine questa volta viene illustrato da Véronique Deiss in un simpatico fumetto edito da Edizioni Sonda e tradotto da Paola Costanzo.

 

Data di uscita: 16 Luglio

Acquistalo subito: La vendetta del gatto killer

Editore: Sonda
Genere: Fumetto
Storia: Anne Fine
Illustrazione: Véronique Deiss
Traduzione: Paola Costanzo

Prezzo: € 13,90
Pagine: 48

La mamma di Ellie frequenta un corso di pittura e decide di ritrarre Tuffy.
Nessuno in famiglia è entusiasta del nuovo quadro appeso alla parete, e Gatto Killer interviene a modo suo: seminando dispetti e confusione in tutte le cose.

Tuffy ritorna in libreria portando con sé una ventata di freschezza. Diciamocelo, sono stati mesi difficili e il caldo ora non aiuta, ma per fortuna ci sono i libri e i fumetti e quando riescono a mettere di buon umore la lettura non può che essere piacevole.

Nel caso de “La vendetta di gatto killer”, poi, non si riesce a rimanere indifferenti al disegno di Véronique Deiss, che sceglie l’umorismo delle sue illustrazioni per dare vita al racconto di Anne Fine.

Ogni disegno è allo stesso tempo semplice e graffiante, adatto sia ad adulti che bambini, rendendo le storie che illustra facili da interpretare per i più piccoli e anche divertenti per gli adulti. Ricorda in qualche modo la tipica vignetta umoristica che fa uso della caricatura come mezzo espressivo per descrivere in maniera vivace e spassosa problemi e vicende del quotidiano.

Il mondo dell’arte diviene il terreno fertile dove combinare pasticci e riconsiderare in un certo senso il significato di arte stessa. La mamma di Ellie cerca un nuovo hobby nel quale cimentarsi e sceglie di esprimersi attraverso l’arte, ma nel farlo non considera che non tutti nascono “imparati”, prima di poter dipingere o disegnare qualsiasi cosa è necessario fare tanti studi e tante ricerche e imparare le basi delle arti figurative. Non c’è da stupirsi quindi che come primo soggetto cerchi di ritrarre il povero Tuffy, il risultato è esilarante.

Fra piccoli attacchi d’arte mal riusciti e tentativi di sabotaggio il racconto di Anne Fine si rivela di una simpatia notevole che trasmette allegria, merito anche dei disegni di Véronique che nel dipingere scene quotidiane riesce a far spiccare i personaggi che dal loro piccolo caos generano anche ilarità.

In questo senso, per me che lo leggo la prima volta a fumetti, è stata una piacevole sorpresa, la lettura ideale per risollevare un po’ il morale, soprattutto visti i tempi che corrono una risata può davvero fare la differenza e cambiare una persona.

È spensierato e leggero questo fumetto, per certi versi lo consiglio a chiunque stia cercando qualcosa di fresco e frizzante e voglia trascorrere un po’ di tempo con un felino simpatico, che ne pensa una più del diavolo e in qualche modo tenta di appianare le cose quando diventano ingestibili.

 

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Sonda per la copia omaggio.

 

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente Tea time: Jesmyn Ward ci riporta a Bois Sauvage Successivo Paper Corn: Sotto il sole di Riccione di YouNuts! (2020)