Paper Corn: The Kissing Booth di Vince Marcello (2018)

 

Vuoi sapere la verità? Tu sei l’unica ragazza che non cade ai miei piedi… è, è una cosa che mi fa impazzire, ed è una delle cose che mi piacciono di te. sei dolce, ma sai tirare fuori anche le unghie se serve.

 

Titolo originale: The Kissing Booth
Anno:  2018
Genere: Commedia, romantico
Regia: Vince Marcello

Elle Evans è una bella ragazza che non ha mai baciato nessuno e decide di farlo per la prima volta alla festa di Carnevale del suo liceo, quando si ritrova inaspettatamente faccia a faccia con la sua cotta segreta, il bad boy, Noah Flynn, che fa impazzire tutte. Sono subito scintille tra i due che potrebbero vivere serenamente la loro storia d’amore se non fosse per un piccolo problema: Noah è il fratello del suo migliore amico, Lee, ed è assolutamente intoccabile secondo il patto dell’amicizia. La vita di Elle viene sconvolta quando si rende conto di dover fare infine una scelta: seguire le regole dell’amicizia o i moti del cuore. Quali regole infrangeresti, quali segreti manterresti per l’amore che hai sempre voluto?

 

 

Prosegue la mia maratona di commedie romantiche su Netflix, questa volta ho ceduto alla tentazione di The Kissing Booth e devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa! Era da un po’ che vedevo in giro questo film, non so per quale motivo non mi ispirava, mi sono sempre tenuta a debita distanza pensando che sicuramente non lo avrei apprezzato, b’è non potevo sbagliarmi di più!
Io purtroppo mi sono lasciata condizionare dai pregiudizi, a colpo d’occhio mi sembrava un po’ una cavolata questo film e invece nonostante tratta di un periodo della vita che non mi appartiene più mi ha coinvolta ed emozionata. Non gli avrei davvero dato due lire bucate, invece mi ha regalato una piacevole serata di divertimento e sotto sotto mi auguro ci sia anche una terza parte.

The Kissing Booth è una commedia romantica ambientata nel mondo degli adolescenti, credo sia stata questa ragione ad avermi fatto pensare no, questo film non fa per me! È stato davvero bello e sorprendente trovare un film che inaspettatamente mi sia piaciuto così tanto, tanto da aver maratonato in una serata anche il sequel. The Kissing Booth è un film leggero e divertente, mi sono piaciuti tantissimo i personaggi, i dialoghi e le battute ironiche soprattutto quelle tra Elle e Lee.
The Kissing Booth non ha una trama originale, ma ha quel qualcosa in più che ai miei occhi non lo ha fatto sembrare la solita commedia romantica adolescenziale, e demenziale aggiungerei. Difficile da spiegare e forse ancor più difficile da credere, me lo chiedo anche io in questo momento come sia possibile che mi abbia suscitato queste reazioni così positive. Comunque, nonostante nel complesso non sia una storia che spicca per la sua originalità, un pizzico di questa piacevole caratteristica è sparsa in alcuni aspetti.

 

 

Una della cose più belle è l’amicizia tra i due protagonisti, Elle e Lee. Ero pronta, ma cosa dico prontissima, al cliché dell’amicizia che si trasforma in amore o dell’amicizia che infondo è sempre stata amore; fortunatamente qui non è successo, finalmente una splendida amicizia è rimasta una splendida amicizia. Confesso che ho tenuto la guardia alta per tutto l’intero film, sono certa che se gli autori avessero fatto una scelta del genere non credo che The Kissing Booth mi sarebbe piaciuto così tanto, probabilmente non mi sarebbe piaciuto proprio!

Elle Evans è una bella ragazza che al penultimo anno di liceo non ha ancora baciato nessun ragazzo, nessuno le chiede di uscire ma questa situazione non le pesa più che tanto. Perché? Perché al suo fianco c’è Lee, il suo migliore amico. Elle è nata lo stesso giorno di Lee e le loro madri erano migliori amiche, i due ragazzi sono cresciuti insieme e sono inseparabili, l’uno completa l’altra. Mi è piaciuto molto che alla base di The Kissing Booth ci fosse un’amicizia profonda e sincera tra un ragazzo e una ragazza, certo, non temete nel film non mancheranno ovviamente i momenti romantici. Infatti Elle decide di mettersi in gioco e baciare qualcuno per la prima volta alla festa di Carnevale del liceo, per beneficenza lei e Lee hanno organizzato lo stand dei baci. Elle si ritrova a scambiare il suo primo bacio con il ragazzo più affascinante della scuola, il ragazzo per cui la protagonista ha da anni una cotta segreta, Noah Flynn. Tutto regolare, giusto? E se vi dicessi che Noah Flynn è il fratello di Lee? Ecco, qui le cose si complicano un pochino…aggiungiamo però anche la presenza di una regola secondo la quale Noah è intoccabile. Amicizia o amore? La vita di Elle diventerà davvero complicata!

The Kissing Booth è una commedia romantica dolce e frizzante, per me questo film si è rivelata un’autentica sorpresa!

 

Al prossimo film!

 

 

May the Force be with you!
FILM , ,

Informazioni su Deborah

Io sono Deborah, una ragazza sognatrice e fantasiosa; con una grande passione per i libri, i film e la scrittura. Sono una ragazza dinamica e attiva, ma quando sento nominare la parola “maratona” mi vedo sul divano con coperta e popcorn a guardare puntate su puntate di serie tv, o la saga completa dei film di Harry Potter!

Precedente The Invasion of the Tearling di Erika Johansen | Recensione di Deborah Successivo Veritatis di Chiara Guidarini | Recensione di Deborah