Review Party: La gemella sconosciuta di Jane Robins

Instagram: @brivididicarta | @stambergadinchiostro

È tempo di Review Party! Oggi parliamo del romanzo di Jane Robins,La gemella sconosciuta“, pubblicato da Nord e tradotto da Francesco Graziosi. Questa è una storia perfetta per il grande schermo, non ci resta che incrociare le dita.

Pagine: 332

Acquistalo subito: La gemella sconosciuta

Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Traduzione: Francesco Graziosi
Genere: Thriller

Data di uscita: 7 Giugno
Prezzo: € 18,60

Callie e Tilda sono gemelle, eppure non si somigliano affatto. Callie è single, goffa e impacciata. Tilda invece ha tutto ciò che manca alla sorella: è più bella, più ambiziosa, più carismatica. È un’attrice di successo e ed è fidanzata con Felix, affascinante uomo d’affari. Insieme sono la classica coppia da rivista, invidiata da tutti. Persino da Callie. Almeno finché Callie non si rende conto che, negli ultimi tempi, Tilda è sempre più magra, rifiuta ogni proposta di lavoro, passa il tempo rintanata in una casa ormai irriconoscibile, dove il suo allegro caos ha lasciato il posto alla precisione maniacale di Felix: tutto è nuovo, ordinato e così asettico da far paura. E poi ci sono i lividi sulle braccia, le reazioni esagerate di Felix per questioni da nulla. Preoccupata, Callie cerca in Internet forum di sostegno alle vittime di uomini dispotici, manipolatori e violenti: le storie di quelle sconosciute le sembrano fin troppo familiari e Callie si convince che la sorella sia in pericolo. Deve proteggerla, a ogni costo. Ma come, se Tilda per prima non vuole farsi aiutare? Proprio quando Callie ha l’impressione che la situazione stia precipitando, riceve una proposta da una delle donne del forum, una proposta che potrebbe risolvere in un sol colpo i problemi di entrambe. E Callie accetta, sebbene sappia di star imboccando una strada da cui non potrà più tornare indietro, nemmeno quando capirà di aver commesso un errore imperdonabile…

“La sogno persino, Tilda: nella fattispecie sogno di salvarla, come le madri sognano di salvare i loro neonati da incendi furiosi o mari in tempesta, e mi ritrovo sempre sott’acqua, a cercare di prenderla per i capelli con una mano mentre con l’altra nuoto contro una corrente invincibile che ci tira giù.”

“Ci sono due cose nella vita a cui non siamo veramente preparati: i gemelli”, diceva l’umorista statunitense Josh Billings, e dopo aver finito di leggere “La gemella sconosciuta” trovo che questo aforisma sia più che azzeccato.

Source: Pinterest

I gemelli nella cultura popolare vengono spesso usati come espediente narrativo per film e libri, basti pensare al cinema dell’orrore o ai vari thriller che hanno visto la luce in questi ultimi anni.

C’è qualcosa di intrigante nei gemelli, forse è dovuto al fatto che due persone simili o identiche nell’aspetto ci sembra qualcosa di “anormale”, quasi come se fosse un glitch della realtà, in Matrix avremo pensato al deja-vù di Neo, ed è per questo motivo che bisogna accentuarne luci e ombre per regalare ai lettori o telespettatori un prodotto unico nel suo genere.

Jane Robins non è immune al fascino dei gemelli, anzi rende questa caratteristica genetica protagonista del suo thriller psicologico, giocando con la psiche delle sue protagoniste e costruendovi attorno una storia dal retrogusto puramente malsano e macabro.

Il suo stile è diretto, niente di così articolato ma neanche di così superficiale, in qualche modo la semplicità gioca a suo favore per descrivere una storia complessa, che riesce a catturare ugualmente l’attenzione del lettore mettendo in scena un dramma paranoico.

“Tutto cambia a causa del corpo di una ragazza, a galla a faccia in giu` in una piscina in California. L’immagine e` chiarissima nella mia mente: le sue lunghe braccia magre aperte, le dita separate; e la pelle bianca, gonfia, che inizia a diventare bluastra. E vedo i capelli lunghi irradiarsi come un alone distorto, a significare qualcosa che non riesco ad articolare. Qualcosa di velenoso.”

Callie e Tilda saranno anche gemelle ma sono una l’opposta dell’altra. Da una parte abbiamo Callie, una libraia impacciata mentre dall’altra Tilda, un’attrice arrogante, superficiale e vanitosa, che vive per sentirsi adorata.

Source: Pinterest

Per Callie sua sorella è il suo modello, lo stereotipo di donna che le piacerebbe diventare, ma che a causa del suo modo di essere non riesce a realizzare questa sua ambizione. C’è chi nasce per brillare e chi invece resta nell’ombra, Callie è consapevole di essere lontana anni luce dal mondo glamour e sofisticato di sua sorella, ciò nonostante è il legame a prevalere ed è per questo motivo che le due continuano a sentirsi quasi come se fossero una famiglia vera e propria, anche se entrambe viaggiano su due binari diversi.

Non c’è niente che Callie non farebbe per Tilda, per questo motivo comincia a dubitare della sanità mentale di sua sorella che sembra andare sempre più alla deriva in un delirio senza fine, aggravato dall’ossessione compulsiva di Felix, il marito.

Da quando Felix è entrato nella vita di sua sorella qualcosa è cambiato, l’appiglio al quale credeva di essere aggrappata improvvisamente si spezza, allontanandola sempre più da Tilda e dal suo mondo sfarzoso. Questo tira fuori un lato ossessivo di Callie, quello sinceramente preoccupato per la sorella e per la sua scelta avventata. Ogni volta che le due si incontrano Tilda appare sempre più sciupata e piena di lividi, evidenti allarmi che c’è qualcosa che non quadra.

A degenerare la preoccupazione di Callie è l’atteggiamento di sua sorella, sempre protettiva nei confronti Felix e che sembra non rendersi conto del pericolo che corre.

Source: Pinterest

Una cosa appare chiara, deve fare di tutto pur di proteggere sua sorella, anche se questo significa farle ancora più male. Si rivolge al web iscrivendosi su un forum dedicato alle violenze domestiche, dove conosce alcune persone che le danno manforte e la invogliano a raccogliere prove per aiutare sua sorella, questo forum però risucchia Callie in una ossessiva spirale senza fine, la sua vita ormai non le appartiene più, conta solo salvare Tilda e questo la porta ad allontanarsi dall’uomo a cui tiene e dalle persone che conosce.

Senza dubbio l’autrice è riuscita a creare un potente dramma psicologico dove le apparenze ingannano, ribaltando con maestria completamente la situazione e regalando un nuovo punto di vista, uno a cui forse una persona non pensa spesso, ma che è sempre lì nascosto nell’ombra e al solo pensiero la prima cosa che si prova è repulsione.

Non si finisce mai di conoscere una persona, Callie lo impara a sue spese, quando ormai ha perso ogni cosa per dedicarsi corpo e anima a una caccia alle streghe che ha finito per vedere lei sul rogo.

Questa per me è stata una lettura soft, ideale secondo me da portarsi sotto l’ombrellone, talmente è scorrevole e suggestiva. Io lo vedo molto bene in una potenziale trasposizione cinematografica perché leggendolo mi è sembrato quasi di vedere un film dalle tinte dark perfettamente riuscito.

La gemella sconosciuta è un thriller psicologico che riflette come uno specchio una realtà diversa nella sostanza, ma identica nell’aspetto.

“Ma so anche – e come non potrei? – di essere la custode di un segreto orribile, che saro` corrotta per sempre.”

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente The whispering room: Breakdown! di Gianfranco Sorge Successivo X-Force – Deadpool 2 di David Leitch