Review Party: La ragazza che voleva salvare i libri di Hagerup e Aisato

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Cominciamo la settimana con il romanzo di Klaus Hagerup, “La ragazza che voleva salvare i libri” arricchito dalle illustrazioni di Lisa Aisato e in uscita domani per Rizzoli.

12 Febbraio

La ragazza che voleva salvare i libri

di Klaus Hagerup e Lisa Aisato

Acquistalo subito: La ragazza che voleva salvare i libri

Editore: Rizzoli
Genere: Libri per bambini

Prezzo: € 18,00
Pagine: 50

Anna adorava i libri. Leggeva tutto il giorno. Leggeva la mattina prima di alzarsi. Leggeva la sera prima di andare a letto. Leggeva la sera dopo essere andata a letto. Quando la mamma o il papà entravano nella sua camera, faceva finta di dormire. Ma non dormiva. Leggeva sotto il piumino. Attraverso i libri si faceva centinaia di nuovi amici. E qualche nemico. Ma, si sa, così è la vita.

Non c’è emozione più grande di quella che mi regala un libro, in particolar modo quando il personaggio principale con la sua spontaneità riesce a penetrare fino in fondo, ricordandomi il vero motivo per il quale ho scelto la lettura come ancora di salvezza. Sì, perchè il libro di cui vi parlo oggi è un’ode ai libri, uno stendardo sotto il quale grandi e piccoli lettori si radunano creando così un ponte che unisce le persone e invita, seppur in maniera informale, i curiosi ad avvicinarsi, a non aver paura di percorrere la strada e lasciarsi andare a un viaggio incredibile qual è la lettura.

Domani arriva in libreria per Rizzoli il romanzo di Klaus Hagerup, “La ragazza che voleva salvare i libri”, la meravigliosa storia di Anna, una piccola lettrice, la quale ha scelto la lettura perchè è l’unico portale che le permette di vivere tante avventure, farsi degli amici e perchè no anche dei nemici. Ogni personaggio che incontra nella dimensione di carta a sua volta le regala qualcosa, spingendola a riflettere e a farsi una propria idea sulle varie questione di cui parlano i libri che legge, arricchendo così il suo bagaglio da lettrice.

Le straordinarie illustrazioni di Lisa Aisato danno spessore alla storia, ci permettono di guardare più da vicino il magico mondo delineato dall’autore e come capita in questi casi, laddove le parole non riescono ad arrivare ci pensa l’illustratrice, arricchendo la storia di Anna e dandole una marcia in più. I disegni e il testo sono in perfetta armonia, si completano a vicenda, un po’ come la narrazione stessa, la storia nella storia per scoprire il valore che hanno i libri e il modo in cui riescono a cambiare le vite delle persone.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Tutto comincia quando Anna si reca in biblioteca e viene a sapere dalla signorina Monsen della fine che fanno i libri che nessuno prende in prestito: vengono distrutti dal signor Milton Berg, il quale non può fare nulla se non portare a termine il suo lavoro, per Anna questo è sufficiente per chiederne il più possibile. Una volta ritornata in biblioteca si imbatte in un libro particolare, “Il bosco segreto” di Waldemar Seier, una lettura meravigliosa che però è senza fine, da quel momento comincia per Anna un viaggio straordinario che la porterà a scoprire il vero valore della lettura e le darà il coraggio necessario per non avere paura del domani.

Klaus Hagerup con semplicità ci regala una storia dal forte impatto emotivo, qualcosa di inaspettato che ci insegna a non temere l’ignoto. Crescere spaventa, ma quel numero che cambia non è necessariamente una cosa negativa, a volte sono i nuovi inizi a regalarci cose che non avremo mai immaginato di poter ricevere. Anna questo lo impara grazie al suo amore per la lettura perchè i libri sanno fare anche questo, hanno il potere di infonderci coraggio e ci spingono a voltare pagina, andare avanti e vedere il bicchiere mezzo pieno e non solo quello mezzo vuoto.

“La ragazza che voleva salvare i libri” è l’amica che tutti vorremmo avere a fianco, una compagna valorosa che, pagina dopo pagina, traccia il percorso mostrandoci quanto sia importante il viaggio e non la destinazione e tutto ciò che possiamo incontrare lungo la via.

“Attraverso i libri si faceva centinaia di nuovi amici. E qualche nemico. Ma, si sa, così è la vita”.

Crediti: Grazie a Susy per il banner!

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Rizzoli per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Music Monday #9: Il rimedio miracoloso di Herbert George Wells Successivo Review Party: Quelli cattivi di Antonio Del Greco e Massimo Lugli