Un regalo sotto la neve di Karen Swan | Recensione di Deborah

 

Si affrettò a sbarcare, ansiosa di stabilità. Non era mai stata un buon marinaio e sapeva, senza bisogno di controllare, di avere un colorito verdognolo, nonostante il fondotinta Chanel Les Beiges

 

Un regalo sotto la neve di Karen Swan

Editore: Newton Compton Editore
Data di uscita: 8 novembre 2018
Pagine: 480
Prezzo: 5.99 € ebook ; 12.00 € cartaceo
Acquistalo subito:

Si dice che dietro ogni grande uomo ci sia sempre una grande donna. In effetti dietro tutti i personaggi più in vista di Londra c’è lei: Alex Hyde, consulente per il business delle eccellenze. È lei la donna a cui gli uomini più potenti della City si rivolgono quando hanno bisogno di una strategia per affrontare i momenti di stress. Quando le viene offerta una somma incredibile per rimettere in carreggiata il rampollo della famiglia proprietaria di una grande compagnia di whisky scozzese, Alex accetta senza esitazioni: è lavoro, potrebbe farlo anche a occhi chiusi. E invece… Nessuno degli uomini che ha affiancato è minimamente paragonabile a Lochlan Farquhar. L’erede delle distillerie Kentallen, infatti, non è abituato a sentirsi dire no. È un ribelle, e Alex deve trovare il modo di entrare nella sua testa, se non vuole che metta l’impresa di famiglia in ginocchio. Ma più si impegna per evitare il disastro, e più si rende conto che, per la prima volta nella sua vita, non è lei ad avere il controllo sulla situazione. E non è sicura che le dispiaccia.

 

 

Oggi è il 1 di dicembre, nel mio immaginario è il giorno che avvia l’inverno, la mattinata appena trascorsa era davvero molto fredda, rischiarata dai raggi di un pallido sole che però non riusciva a scaldare con la sua presenza. Il 1 di dicembre significa anche l’immersione super ufficiale nel clima natalizio! Amo il Natale e devo dire che Un regalo sotto la neve di Karen Swan, è un romanzo perfetto per essere letto in questo periodo, perché in esso, come potete ben immaginare, ritroviamo questa magica atmosfera. Si tratta di un romanzo di narrativa dolce ed intrigante, ha alcuni elementi del romance ma sono trattati in modo totale e sdolcinato. Abbiamo una storia portante ricca di dettagli, personaggi interessanti, atmosfere magiche e ambientazioni da cartolina; siete pronti ad approdare su una piccola isola scozzese?

 

Inarcando un sopracciglio, Alex sorrise. Lui sembrava ignaro delle buca che si stava scavando attorno. Non professionale, improduttivo, inefficiente…Sholto aveva ragione: era viziato, si limitava a giocare al suo ruolo. Occupava quel posto solo perché lì ce l’aveva messo la morte del padre.

 

La protagonista è Alex Hyde, giovane donna che nonostante la sua età è riuscita a costruire in pochi anni una solida carriera lavorativa, diventando la migliore del suo settore. Alex vive per il suo lavoro, è una consulente e si occupa delle più importanti figure di potere del mondo: politici, amministratori delegati, direttori di multinazionali, banche, e grandi aziende; il suo compito è quello di riportare queste persone sui binari giusti, fargli ritrovare il prezioso equilibrio per continuare ad avere potere e successo.L’agenda di Alex è davvero fittissima, per avere un appuntamento con lei l’attesa è di svariati mesi, ma questo non ferma un  pezzo grosso del consiglio di amministrazione della Kentallen di riuscire ad avere udienza. Viene proposto alla donna un lavoro molto delicato, avrebbe dovuto riportare sulla retta via il giovane e ribelle erede di una delle più importanti distillerie di whisky, Lochlan Farquhar. La Kentallen è un’azienda grande e strutturata, le posizioni di potere sono rivestite quasi tutte dai membri della famiglia, Lochlan Farquhar viene visto da tutti come colui che porterà la grande distilleria alla rovina, sgretolando i rapporti familiari, sarà realmente così?

 

Alex represse un brivido. Non aveva mai diviso il bagno con un estraneo in tutta la sua vita. Ma cosa poteva fare? Quella era stata l’unica sistemazione che Louise era riuscita a prenotare con un preavviso tanto breve, senza dover rifare i bagagli e trasferirsi altrove a giorni alterni. Inoltre era la più vicina alla distillerie, aspetto essenziale.

 

Alex non immagina che Lochlan Farquhar, non somiglia minimamente a tutti gli altri suoi clienti, lui non vuole assolutamente essere aiutato e avere nulla a che fare con la protagonista. Presto Alex deve fare i conti con l’aspetto rurale dell’isola, qui la vita sembra ancora ancorata al passato e alle tradizioni, non ci sono wifi ovunque e anche i telefoni cellulari faticano a trovare campo. Arriva il momento di iniziare il duro lavoro con Lochlan Farquhar; inizialmente si presenta come una persona abbastanza disponibile, insieme i due iniziano a fare un giro esplorativo delle distillerie Kentallen, Alex viene presentata ad alcuni membri dello staff con cui dovrà parlare nei prossimi giorni per avere una panoramica più dettagliata della situazione. Fino a qui sembra tutto bene, tranne il fatto che la persona che credeva fosse Lochlan Farquhar, si rivela invece essere il cugino. Dopo questo scherzetto Alex è pronta a lavorare seriamente, se non fosse che Lochlan proprio non ne vuole sapere di lei, la evita e la mette letteralmente alla porta del suo ufficio. Mai nessuno dei suoi clienti si era comportato così prima d’ora. Lochlan si rivela essere un’ardua sfida, non è facile avvicinarsi a quell’uomo così burbero e scontroso.

 

Aveva tempo fino a Natale, poteva permettersi di prendersela comoda. Si era trattato di un inizio sfortunato – il secondo, anzi, dopo l scherzo di Lochlan e suo cugino – ma era irrilevante nello schema delle cose. Non era la migliore nel suo campo senza un buon motivo e, per certi versi, il comportamento di Lochlan non faceva che rendere il suo compito ancora più facile. Che si divertisse pure. Sapeva chi tra loro due avrebbe riso di più, una volta che fosse tutto finito.

 

Le settimane trascorrono veloci e Alex non ottiene nessun risultato con Lochlan, è decisamente preoccupata, presto dovrà fare rapporto sul procedere della situazione ma è ancora ancorata al punto di partenza. Nel frattempo inizia ad abituarsi alla vita dell’isola, a non avere con sé tutto il lusso e le comodità a cui era abituata. Inizia ad affezionarsi molto ai due padroni della piccola pensione dove alloggia, e riesce anche a trovare una sorta di amica alle distillerie Kentallen. Alex scopre che questa ragazza è la ex fidanzata di Lochlan; viene a conoscenza di alcuni particolari della loro storia per cui inizia ad essere sicura che è proprio quella la questione irrisolta di Lochlan. Alex avanza a stento nel suo lavoro, trova sempre ostacoli e pericoli da aggirare ma piano piano inizia a farsi strada e ad avvicinarsi all’uomo. Scopre che Lochlan nasconde molto di più di quello che vuole mostrare, è come un freddo iceberg a cui deve stare attenta a non entrare in collisione, perché anche Alex Hyde non è invulnerabile come sembra!

 

Alex sospirò e un silenzio teso si gonfiò e riempì il piccolo spazio rivestito di pelle color crema. Guardò di nuovo davanti a sé il fascio di luce che illuminava la strada buia, i tergicristalli al massimo mentre la pioggia cadeva copiosa. Anche se avrebbe preferito che fosse chiunque altro a riportarla a casa, era contenta di non farsela a piedi in quelle condizioni.

 

Dopo aver letto Un regalo sotto la neve, mi sento di affermare che Karen Swan è una sicurezza, una sicurezza che regala storie emozionanti ed appassionanti, con un pizzico di magia e romanticismo ma senza alcuna volgarità e stucchevolezza. Ho conosciuto quest’autrice leggendo Il segreto di Parigi, ricordo che mi aveva già colpito molto per come racconta una storia d’amore, non la impone come l’elemento principale della sua storia, in cui i protagonisti finiscono a letto ogni due pagine, anzi se ci sono scene di questo tipo sono narrate in modo dolce e non nel minimo dettaglio, il lettore sa cosa sta accadendo senza bisogno di ricorrere a volgarità. Un regalo sotto la neve mi ha regalato piacevoli emozioni, è stata una piccola fuga dalla realtà e una piccola immersione nelle ambientazioni meravigliose e naturali della Scozia, una lettura davvero molto consigliata.

 

 

 

 

 

 

Desclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Newton Compton Edizioni per la copia omaggio

 

 

May the Force be with you!
Precedente Let’s talk about: La porta del buio di Franco Limardi (Leone Editore) Successivo Top of the month #11: I preferiti del mese di novembre di Sandy