Let’s talk about: L’enigma dell’ultimo templare di Daniele Salerno

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Talvolta bisogna credere nell’impossibile. Oggi parliamo del romanzo di Daniele Salerno, “L’enigma dell’ultimo templare”, edito da Newton Compton. 

Data di uscita: 06 Febbraio

Acquistalo subito: L’enigma dell’ultimo templare

Editore: Newton Compton Editori
Collana: Nuova narrativa Newton
Genere: Thriller Storico

Prezzo: € 2,99 | 9,90
Pagine: 350

1127. Nove cavalieri raggiungono l’abbazia di Clairvaux. Papa Onorio II ha appena riconosciuto l’Ordine dei Templari, nato in Terrasanta a protezione dei pellegrini. I cavalieri che lo hanno fondato vogliono capire se si possa uccidere in nome di Cristo. Il frate Bernardo di Chiaravalle, raffinato teologo, li rassicura: non si tratta di omicidio, ma di malicidio.
1314. A Parigi due templari vengono arsi vivi alla presenza di re Filippo IV il Bello e di papa Clemente V. Sono Jacques de Molay, gran maestro dell’Ordine, e Goeffrey de Charney, accusati di eresia, idolatria e sodomia. Prima di morire Jacques de Molay lancia il suo anatema.
Giorni nostri. Il maresciallo dei carabinieri Giacomo Mola e il suo aiutante, l’appuntato Goffredo Chiarni, entrano in contatto con tre nobiluomini che vogliono affidare loro un compito della massima importanza: impedire a ogni costo che si compia la profezia di Jacques de Molay.

Sono due le cose che sembrano perseguitarmi in questo periodo: Filippo IV di Francia e i Templari. Assurdo a leggerlo, ma è così e sarò onesta, “rivivere” la storia da punti di vista diversi e narrata da voci differenti mi ha fatto uno strano effetto perchè, in un modo o nell’altro, sono stata ammaliata dal fascino di un momento storico cruento e al tempo stesso suggestivo.

Daniele Salerno rende tutto anche avvincente, arricchendolo con un po’ di azione, trasportando i Templari e i loro misteri nella nostra epoca, un viaggio nel tempo fra il Medioevo e la modernità. Lo so, molti penseranno che i Templari siano ormai estinti, ma tra le pagine de “L’enigma dell’ultimo templare” questo Ordine rinasce dalle sue ceneri, portando con sè un nuovo e affascinante rebus da risolvere, mettendo alla prova l’esperienza e l’intelligenza del maresciallo Giacomo Mola che, accompagnato dal suo partner, Goffredo Chiarni, si ritrova a doversi ricredere su ciò che riteneva impossibile oltre ogni immaginazione.

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Questo è il romanzo ideale per tutti coloro che in questo momento stanno cercando una lettura ricca di mistero e al tempo stesso capace di far evadere il lettore in una dimensione nuova, dove le leggende prendono vita e la storia entra in contatto con il presente, creando intrecci unici e coinvolgenti. Con la morte di Jacques de Molay l’Ordine si credeva estinto, ma nessuno ha mai pensato che i Templari potessero continuare a vivere.

La maledizione lanciata in punto di morte dallo stesso Molay ha messo in moto una catena di eventi nefasti conosciuti con il nome di “maledizione dei Templari”, il “castigo” di un uomo che rischia di mettere in pericolo il nostro presente, ma prima di poter conoscere nel dettaglio l’anatema del Templare bisogna ripercorrere la storia a ritroso, partendo dalle origini, seguendo le briciole lasciate nel tessuto del tempo sparse anche nella Divina Commedia. A Mola spetta un compito non facile, fermare la follia che sta per infettare la nostra realtà e impedire così che la maledizione di Molay si avveri del tutto.

Daniele Salerno è un autore in grado di bucare la quarta parete, capace di far entrare i lettori all’interno della sua storia, affascinandoli con dettagli storici accurati che riportano in vita personaggi quasi leggendari inserendoli in un contesto moderno dal quale si apre la strada della fantasia. L’enigma dell’ultimo templare è un rebus che sfida il tempo stesso, ma per essere risolto richiede di sfidare se stessi e le proprie convinzioni.

«Continuarono ad agire nell’ombra, nascosti, determinati a ottenere vendetta e potere. Vendetta e potere. Per sempre».

 

 

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Newton Compton per la copia omaggio.

 

 

 

May the Force be with you!
Precedente La confraternita degli storici curiosi di Jodi Taylor | Recensione di Deborah Successivo Cattive abitudini di Jim Nisbet | Recensione di Deborah