INK’S CORNER: Quantum & Woody. Ansia da separazione (Star Comics)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Cominciamo la settimana in maniera esplosiva, facendo Klang insieme a “Quantum + Woody” e la loro “Ansia da separazione”, secondo volume della nuova serie di Eliot Rahal, Francis Portela e Joe Eisma.

Pagine: 176

Acquistalo subito: Quantum & Woody #2

Editore: Edizioni Star Comics
Collana: Valiant
Traduzione: T. Cellula

Data di uscita: 24 Aprile
Prezzo: € 10,90

In una estrema dimostrazione di forza nel corso degli eventi noti come la Seconda Guerra degli Harbinger, Livewire ha gettato il mondo nell’oscurità. Da una costa all’altra, la tecnologia un tempo vitale è stata ridotta all’inutilità. Niente auto, niente telefoni… Niente bracciali quantici? Senza le fasce hi-tech che li tengono insieme, i peggiori supereroi del mondo hanno ventiquattro ore prima di dissolversi nel nulla… Privati dei loro poteri e non più in grado di fare klang, riusciranno Quantum e Woody a diventare gli eroi che hanno sempre sperato di essere, e mettere al sicuro le strade di Washington prima che il loro tempo sia scaduto? Contiene “Quantum & Woody” (2017) # 6-12.

L’ansia da separazione non è nuova per Quantum e Woody, eppure questa volta è più intensa che mai, rischia di mettere di stravolgere il presente mettendoli con le spalle al muro, privandoli di ogni certezza e con essa anche dei poteri sui quali avevano sempre fatto affidamento. In una situazione del genere persino fare klang passa in secondo piano quando la priorità è salvare le persone da un’edificio in fiamme, mettendo a rischio la propria vita e dimostrandosi più eroi di quanto danno a vedere. 

In un blackout improvviso senza poteri e senza la possibilità di fare klang i due fratelli si ritrovano catapultati in una realtà diversa in cui ogni dettaglio è distorto e l’ansia da separazione diventa un ricordo latente che emerge a tratti, come un fastidio che cerca di portare a galla ciò che si è perso, le memorie di un passato vissuto appieno e che una volta dimenticato per Woody torna sotto forma di depressione, sensazioni contrastanti che cercano di mettere insieme i tasselli ma che senza il fratello non sono altro che tessere sparse nel tessuto del tempo. 

Quantum invece in questa realtà è l’eroe che avrebbe sempre voluto essere, amato e rispettato da tutti, senza il peso di un fratello scansafatiche che a cui badare e con una vita quasi perfetta, dove persino l’amore ha trovato il suo spazio. Ma ecco cosa succede con i desideri e le realtà distorte, il lieto fine non dura per sempre, è solo questione di tempo prima che tutto si sfaldi e lasci un vuoto all’interno del cuore di Quantum, ma se si pensa che questo sia il peggio che possa capitare ci si sbaglia, in questo volume non c’è limite al peggio e fare klang non basta a sistemare le cose e ripristinare il presente.

I ricordi sono tutto ciò che resta, un bagaglio che definisce ciò che siamo e di cui non bisogna avere fretta di sbarazzarsi ed è ironico che sia lo stesso Woody a mostrarne l’importanza, sopratutto perché è sempre apparso come una figura che non si cura delle cose importanti, le trascura e ne paga il caro prezzo, tuttavia è questo anche il bello di questa serie, i ruoli si ribaltano in continuazione e la storia si trasforma, continua a modellarsi e loro attorno ad essa. 

In un viaggio attraverso realtà differenti e con un nemico tutto fuorché normale, Quantum e Woody si ritrovano a dover fare i conti con i loro poteri, con la responsabilità di salvare il mondo e i desideri che non credevano di avere, trasformando queste nuove avventure in un percorso ad ostacoli dove il prezzo da pagare è alto, la storia prende una piega imprevedibile, un po’ come salire sulle montagne russe e rendersi conto una volta in alto delle conseguenze della propria scelta. 

La paura si mescola all’adrenalina creando un contrasto forte in cui tavole e storia si bilanciano alla perfezione, come nel volume precedente sono dinamiche e fanno risaltare i personaggi, arricchendole con colorazioni sempre diverse e ogni volta azzeccate per ogni capitolo. Questo volume raccoglie i numeri dal 6 al 12, una scarica esplosiva dove l’umorismo non manca e la storia si infittisce.

Personalmente io adoro Quantum + Woody perchè è una serie  a incuriosirmi, i due fratelli rendono unico ogni volume al punto tale da volere il volume successivo al più presto. C’è sempre spazio per questo duo strampalato tra le mie letture, è come avere una batteria portatile quando c’è bisogno di ricaricarsi, di ridere e di assistere all’evoluzione di una storia sempre più affascinante che non vedo l’ora di proseguire. 

“Quantum +  Woody. Ansia da separazione” è una corsa frenetica contro il tempo, una lunga discesa in cui si rischia di perdere se stessi e non solo, si rischia di perdere anche ciò che di più caro si ha al mondo.

«Alla fine tutto quello che abbiamo sono i nostri ricordi».

La prima cover per me resta memorabile, un riassunto perfetto di questo particolare duo che prova a fare del bene facendo danni, due fratelli diversi come il giorno e la notte che si ritrovano ad affrontare situazioni pericolose litigando e persino arrivando a rischiare il tutto e per tutto per il loro orgoglio. Questa seconda copertina, invece, è potente e dinamica, suggerisce cosa aspettarsi una volta aperto il volume, una corsa contro il tempo in un viavai di dimensioni parallele, illusioni e un presente che rischia di sfumare del tutto. 

⚜ Fumetti Simili: Quantum + Woody #1
⚜ Reazione post lettura: Soddisfatti o rimborsati!
⚜ Pagine lette: 176
⚜ Da consumarsi preferibilmente: Che state aspettando?!

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di Edizioni Star Comics per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente A caccia con Lea – Pancia in dentro e naso in fuori: Missione #86 Successivo #BtiliReadingChallenge: Tatuaggi di Jérôme Pierrat e Alfred (Sonda)