Let’s talk about: Oltre il sentiero di Guido Sgardoli (DeA)

Instagram: @brivididicarta | @lastambergadinchiostro

Oggi vi parlo di un romanzo breve per i più piccoli, Oltre il sentiero di Guido Sgardoli, pubblicato da DeA, con le illustrazioni di Alessandro Sanna.

Pagine: 96

Acquistalo subito: Oltre il sentiero

Editore: DeA
Collana: I diamantini
Illustrazione: Alessandro Sanna
Genere: Libro per bambini
Età: Dai 7 anni
Data di uscita: 6 Novembre

Prezzo: € 15,90

La giornata è perfetta e tutto è pronto per l’escursione più emozionante di sempre, zaini, corde, torce, picconi. Albi adora arrampicarsi in alta quota e, se suo padre è con lui, non teme nemmeno le ferrate più impervie. Ma la montagna non è solo un mondo misterioso da esplorare, fatto di animali curiosi e boschi da scoprire. La montagna è imprevedibile e i sentieri possono trasformarsi in pericolose trappole. È quello che accade quando il padre di Albi scivola in un burrone e il ragazzino si ritrova solo nel bosco. Solo sul sentiero, solo nella natura, solo senza una bussola. Adesso la vita di suo padre dipende soltanto da lui. Inizia così una corsa contro il tempo perché Albi deve trovare aiuto prima che scenda la sera. Deve fare attenzione ai crepacci e agli animali della notte. Deve raccogliere tutto il suo coraggio, attraversare il bosco, e correre fino a che non avrà affrontato tutte le sue paure.

Siamo finalmente arrivati a venerdì e lo so, di solito scelgo una lettura a tinte dark per il mio Friday in Crime, ma non ho resistito, dopo aver riletto questo racconto ho deciso che sarebbe stato lui il vero protagonista di questa giornata.

La collana I Diamantini, pensata per i più piccoli, si arricchisce di un altro tassello: Oltre il sentiero e devo ammetterlo, pur non avendo più sette anni quest’opera ha conquistato anche a me. Un altro grandissimo autore, Guido Sgardoli, infatti ci regala una storia meravigliosa, un percorso di formazione, accompagnato dalle stupende illustrazioni di Alessandro Sanna, che in quest’opera si dimostrano essere in perfetto equilibrio, laddove le parole non arrivano ci pensa l’illustratore a regalare qualche emozione in più al lettore, dipingendo l’atmosfera e i sentimenti contrastanti del piccolo protagonista in maniera così vivida da risultare tangibile.

Source: Ibs.it

Albi è un bambino perspicace, nel momento in cui parte con Giacomo, suo padre, per la montagna sa bene che la loro gita è un’altra avventura in cui imparerà tantissime cose e questo lo rende euforico, per un momento si scorda del temibile bullo che ha cominciato a prenderlo di mira e si gode il viaggio seguendo le indicazioni del genitore.

Quello che Albi e Giacomo di certo non si aspettavano era che la montagna presentasse il suo volto ostile, impedendo ai due di godersi la gita e trasformando la loro esperienza in un brutto sogno ad occhi aperti. Il terreno cede, trascinando entrambi, in particolare suo padre, che rimane bloccato e non riesce a risalire. Pur essendo ferito, Albi è ancora in piedi, ma è spaventato, in cuor suo sa che ora è lui l’uomo di famiglia, colui che deve far il possibile per aiutare chi ama, in questo caso suo padre.

Ancora una volta è Giacomo a guidarlo, a dirgli cosa fare, ma è lui che si mette in viaggio alla ricerca di soccorsi che possano aiutare suo padre e in questo Guido Sgardoli è riuscito a trasmettere l’angoscia di Albi e qualsiasi emozione provasse, compresa la paura. Circondato dalla natura, il piccolo Albi si ritrova a dover affrontare l’ignoto, facendosi coraggio pur di salvare il padre.

I suoi pensieri ci giungono in maniera vivida, rendono questa lettura ancora più emozionante, un appiglio al quale aggrapparsi mentre il tempo trascorre e la luce lascia il posto al pomeriggio, in un percorso a ostacoli dove un bambino tenta un’impresa ardua. Lo seguiamo passo dopo passo, anche quando vacilla, è come se fossimo al suo interno e potessimo guardare ciò che vede o sentire ciò che prova, altra prova di maestria di un bravissimo narratore. 

Oltre il sentiero è una storia di crescita, uno di quei racconti che quando finisce ha sempre qualcosa in più rispetto a quando è iniziato. Assolutamente consigliato!

“Provò a indovinare da che parte potesse essere il sole. Cercò un debole bagliore e le ombre, ma non c’erano ombre né bagliori ad aiutarlo. Solo il bosco, sempre più buio. E lui, sempre solo”.

 

 

 

disclaimer: si ringrazia l’ufficio stampa di DeA per la copia omaggio.

 

May the Force be with you!
Precedente Inku Stories #21: Dissolving Classroom di Junji Ito (Star Comics) Successivo Un libro per due: L'ospite inattesa di Michelle Sacks (Rizzoli)